Il bullo in classe figlio della cappa statalista

bulli-di-lucca

di Marco Lepore.

Di fronte al caso dello studente di Lucca che ha preso a testate il professore, al di là delle banalità ministeriali, giova ricordare due cose. La prima: non tutti gli insegnanti preparati sulla materia sono adatti a insegnare. La seconda: anche questa violenza è figlia della logica statale, che non consente un’autonomia gestionale che servirebbe alla scuola statale per ripartire.

“Perché non reagisce? Perché non lo punisce? Guardando il video girato in quella classe di Lucca, dove uno studente pretende con la violenza il “sei politico” dal suo docente, e lo prende perfino a testate con un casco, ci siamo tutti fatti questa domanda: perché il professore non esercita la sua autorità?” E’ quanto si chiede Antonio Polito in un interessante articolo uscito oggi sul Corriere della Sera, a riguardo dell’episodio di bullismo contro un docente avvenuto in un Istituto Tecnico di Lucca. Come è possibile che accada una cosa simile? Sembra impossibile, eppure, come riportato da diversi organi di stampa, nei primi quattro mesi del 2018 ben 26 insegnanti sono stati aggrediti dentro o nei dintorni di scuole italiane. In pratica, uno ogni quattro giorni. Una vera e propria emergenza sociale. Cosa sta succedendo?

Il ministro uscente Fedeli invoca il pugno duro e ricorda che le punizioni giungono sino all’esclusione dallo scrutino finale: “Chi infrange le regole, chi ricorre alla violenza verbale o fisica nei confronti di professoresse e professori va sanzionato secondo le norme vigenti, che prevedono la sospensione dalle lezioni per periodi di tempo diversi a seconda della gravità delle azioni compiute e, nei casi più gravi, anche la non ammissione allo scrutinio finale“.

È la fiera delle banalità: dobbiamo attendere che accadano episodi simili per ribadire concetti tanto ovvi quanto disattesi? Stando a quanto segnalato da Evangelisti su Il Messaggero, lo scorso anno solo lo 0,1% degli studenti è stato bocciato a causa della sua cattiva condotta. Ha ragione Polito, allora, a parlare di “cultura fintamente permissiva, cinica e narcisistica, che spinge a dar ragione ai giovani anche quando hanno torto: per pavidità, per convenienza, perché i ragazzi sono oggi generosi consumatori, divoratori di mode, e modelli per adultescenti che non vogliono invecchiare mai, e per questo vengono vezzeggiati anche nei loro peggiori difetti”.

Tuttavia, credo, non saranno le analisi né le regole ferree (che pur ci vogliono…) a fermare una frana di simile portata, sulle cui cause remote ho già espresso in altro articolo il mio punto di vista. Vorrei solo aggiungere, alle tante cose giuste già evidenziate da altri più competenti di me, due aspetti di cui si parla poco, probabilmente perché politicamente poco corretti.

Il primo, è un tentativo di riposta alla domanda posta in apertura da Polito: “Perché non reagisce? Perché non lo punisce?”. La risposta, al netto di tutte le motivazioni di natura sociologica e culturale espresse nell’articolo, è molto semplice da individuare per chiunque abbia lavorato un po’ di tempo (particolarmente se con funzioni di responsabilità) dentro una scuola statale: ci sono persone buone e molto preparate quanto a conoscenza della materia, che però non sono adatte ad insegnare.

Non sono adatte perché non hanno la solidità psicologica per stare di fronte a classi che hanno mediamente un atteggiamento oppositivo; non sono adatte perché non hanno ricevuto a loro volta una formazione umana che gli permetta di stare davanti ai ragazzi con quella apertura e certezza che consente di non cadere nella trappola dell’alternativa “autoritarismo-permissivismo”; non sono adatte perché sono esse stesse fagocitate dalla cultura odierna, che sforna adulti  “generosi consumatori, divoratori di mode….che non vogliono invecchiare mai”; non sono adatte perché sono deboli. Insegnare è un mestiere difficilissimo, che necessita di risorse umane non indifferenti e comporta responsabilità gravissime, dato che riguarda la crescita umana e culturale delle giovani generazioni, quelle che avranno in mano la società di domani.

In Italia, purtroppo, vige la logica che l’insegnamento è un lavoro di ripiego, quello che fanno “gli sfigati”. Le analisi statistiche sull’orientamento universitario dei giovani diplomati ne sono una dimostrazione: sempre meno studenti hanno come prospettiva l’insegnamento e si iscrivono a scienze della formazione primaria in maggioranza quelli che hanno conseguito un voto basso all’esame di maturità e molti che cambiano facoltà dopo il primo anno.

Per essere ammessi all’insegnamento occorrerebbero selezioni accuratissime sotto diversi profili, mentre nella scuola entra di tutto e di più, grazie alla imperante logica sindacale che ne ha modificato geneticamente lo scopo, trasformando un luogo di educazione e formazione in un ammortizzatore sociale.

Altro aspetto che non viene messo in luce è questo: perché questi episodi accadono solo nella scuola statale? Vero è che la scuola non statale rappresenta “solo” il 10% del sistema nazionale di istruzione, però questa non è una spiegazione esauriente. La ragione vera è che la scuola non statale dispone di quella autonomia gestionale che servirebbe alla scuola statale per ripartire: possibilità di assunzione diretta del personale; figure dirigenziali dedicate alla supervisione didattica ed educativa; maggiore coinvolgimento delle famiglie e dunque possibilità di un rapporto coi genitori più stretto ed efficace; esistenza di un Ente Gestore che si prende a cuore la scuola in tutti i suoi aspetti, mentre lo Stato è presenza evanescente.

Forse, se si avesse il coraggio di mettere a tema questi aspetti politicamente scorretti, si riuscirebbe anche ad individuare la strada percorribile per uscire dalla melma in cui si è infilata la scuola italiana: una vera e completa autonomia. Tutte le analisi fatte in questi giorni sono utili e sacrosante, ma non possono essere risolutive, mentre da qui si potrebbe davvero ripartire.

Fonte: La nuova Bussola Quotidiana

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Uno sguardo sull’islam politico. Recensione al testo di Marie Thérès Urvoy “Islamologie et monde islamique”

      islam di Stefano Fontana. Il mondo cattolico affronta il problema dell’islam soprattutto dal punto di vista del dialogo interreligioso. La crescente presenza di musulmani nei Paesi di antica tradizione cristiana impone però di esaminare il mondo islamico anche dal punto di vista strettamente sociale e politico, cosa diversa, anche se non contraria, alla prospettiva del dialogo interreligioso. Per farlo, i cattolici dovranno utilizzare la Dottrina sociale della Chiesa che, quindi, si trova davanti ad un nuovo compito, quello di esaminare la dimensione politica della religione islamica e di valutarla non solo in rapporto alla visione politica dell’occidente cristiano, che può avere elementi di diversità dal cristianesimo anche se, in qualche modo, da esso deriva, ma proprio in rapporto al proprio corpo dottrinale. Leggi il seguito… 

    • Esiste dunque un magistrato a Roma

      coppia-gay-con-figlio di Centro Studi Livatino. Riprendendo il titolo di una famosa opera di Bertold Brecht, siamo particolarmente lieti di pubblicare l’atto con cui la Procura della Repubblica di Roma, nella persona dei pubblici ministeri, dr.ssa Maria Monteleone e Stefano Pizza, impugna la trascrizione, disposta dal Sindaco della Capitale, dell’atto di nascita di una minore, iscritta come figlia di due “padri”, che avevano fatto ricorso alla pratica della maternità surrogata.   Si tratta di un provvedimento pregevole, per più ragioni: Leggi il seguito… 

    • Pro life e pro family si alleano in Senato

      gandolfini-intergruppo-parlamentare di Tempi. Il 18 settembre a Palazzo Madama oltre 150 senatori hanno aderito all’intergruppo parlamentare per la Famiglia, nato per presidiare e promuovere le istanze più profonde dell’antropologia umana, dalla vita alla libertà educativa, «temi che vanno trattati avendo chiaro il riferimento valoriale della tradizione del popolo italiano e che vanno al di là dell’appartenenza partitica del legislatore». Leggi il seguito… 

    • Di sinodalità si può morire

      sinodo di Stefano Fontana. La nuova Costituzione apostolica "Episcopalis Communio" sembra ratificare un grave equivoco sul significato dei Sinodi, ovvero che siano i sinodi a produrre la verità e non viceversa. Ma oggi il vero problema della Chiesa è l’episcopato, vale a dire la perdita del senso di cosa significhi essere successore degli Apostoli. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.