I bambini ricordano l’angelo «custode» Giovanna Pellegrini

giovanna

Ci sono “persone silenziose, abituate ad ascoltare”, come cantava Luca Carboni, e te ne accorgi soprattutto quando non ci sono più. Giovanna Pellegrini era una di queste.

Lo si è visto bene al suo funerale: una chiesa, quella che lei frequentava abitualmente, gremitissima, zeppa di gente commossa, attenta, desiderosa di non perdere un secondo di quell’ultimo saluto.

A Giovanna volevano bene in tanti, ma soprattutto le erano grate quelle madri che avevano ricevuto da lei, durante la gravidanza e nei primi anni di vita dei loro pargoli, un aiuto concreto, benevolo, partecipe.

Giovanna le ascoltava, le incontrava, le sosteneva con la sua pazienza, la sua dedizione, e con il cibo, i vestiti e tutti i servizi forniti dal Centro Aiuto alla Vita di Trento, di cui era, da tanti anni, una volontaria.

Giovanna Pellegrini era una moglie, una mamma, una nonna, una cuoca, una volontaria e una vivace canterina.

Anche chi non la ha conosciuta di persona, forse ha avuto modo di “incontrarla”, indirettamente: Giovanna era colei che organizzava meticolosamente, ogni anno, in occasione della Giornata per la vita di febbraio, la vendita per beneficenza delle primule fuori da tutte le chiese della città e dei dintorni.

A meno di un anno dalla sua morte, avvenuta nel luglio dello scorso anno, a solo 61 anni, dopo una lunga malattia, Giovanna sarà ricordata domenica 22 aprile (ore 16:30, presso il Teatro SanbàPolis), da un concerto organizzato dall’Associazione Culturale Vogliam Cantare, in collaborazione con il Movimento per la Vita..

Il titolo dell’iniziativa, I bambini per Giovanna, vuole certamente ricordare i numerosi bambini salvati dall’amore di Giovanna, alludendo nel contempo ai protagonisti dell’evento: il Coro Vogliam cantare di Trento, i Piccoli Cantori del Cima d’Oro di Ledro e il Coro Rappresentativo della scuola Bonporti di Trento.

Se la voce dei bambini ricorda un po’ la voce degli angeli, nulla di più adatto a ricordare chi ha servito per decenni la vita nascente con la premura di un “angelo custode”.

Fonte: http://www.lavocedeltrentino.it/2018/04/15/i-bambini-ricordano-langelo-custode-giovanna-pellegrini/

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Riti pagani in Vaticano, dopo lo sfregio la menzogna

      di Riccardo Cascioli. Una situazione surreale si trascina da giorni ai briefing del Sinodo: alle domande dei giornalisti che chiedono chiarimenti sui riti pagani svoltisi nei Giardini Vaticani il 4 ottobre e che si susseguono nella chiesa di Santa Maria in Traspontina, i responsabili della comunicazione del Sinodo, Paolo Ruffini e padre Giuseppe Costa, prima fanno finta di non sapere e poi offrono versioni platealmente smentite dalle numerose testimonianze fotografiche e video. Intanto un sito di magia ed esoterismo esulta: «Finalmente la Chiesa riconosce l'importanza delle religioni pagane». Leggi il seguito…

    • La contraddizione più evidente del Sinodo sull’Amazzonia

      di Stefano Fontana. Se, come dicono, la Chiesa è in Amazzonia per dialogare con le culture indigene e difendere l’ecosistema, perché ci sarebbe bisogno di più sacerdoti, al punto da ordinare uomini sposati? Quello dei viri probati è solo uno stratagemma. E bisogna interrogarsi su cosa significhi, oggi, missione. Solo dalla fede e dall’annuncio di Cristo sorgono sacerdoti. Come dimostra la storia. Leggi il seguito…

    • L’opzione Domopac del democristiano Conte

      di Emanuele Boffi. Grillino coi grillini, cattolico coi cattolici. Il premier è come la pellicola trasparente: un contenitore che s’adatta al contenuto Poiché la Democrazia cristiana in Italia non muore mai, uno come Giuseppe Conte non poteva farsi sfuggire l’occasione di dimostrarsi fratello “anche” degli ultimi epigoni della Balena bianca. Sceso ad Avellino in terra demitiana, il premier ha svolto una lectio magistralis sul contributo dei cattolici nei lavori dell’Assemblea costituente. Ad ascoltarlo in platea, raccontava ieri sul Corriere Francesco Verderami, «il vecchio sinedrio [Dc] seduto in prima fila: De Mita, Bianco, Mancino, Zecchino, Gargani, Mastella». Leggi il seguito…

    • Il governo in procinto

      di Marcello Veneziani. Ma che roba è questo governo giallorosso? Proviamo a dare una definizione attinta dalla grammatica politica, anzi solo dalla grammatica, visto che la politica sta morendo di miseria. Questo è un governo perifrastico, un costrutto artificioso fondato sul participio futuro. La perifrasi, spiegano i dizionari, esprime l’imminenza di un’azione, l’intenzione di fare qualcosa o la predestinazione a compierla. Ecco il Premier “Siamo in procinto di”, segue a ruota il leader “Siamo sul punto di”, appresso viene il Ministro “Ci accingiamo a”. È la grammatica del potere grillo-sinistro, un governo intenzionale, di annunciatori e futurologi. Stanno sempre per fare qualcosa che sarà una svolta epocale, ma non è fatta ancora, verrà. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.