Aristotele contro la Marzano. È la felicità che vince

marzano

Quale sarà lo stile di vita di un cittadino della polis? Il fine ultimo per Aristotele è certamente sapere cosa vuol dire essere buoni, ma anche e soprattutto diventare buoni. L’etica, per il Nostro,  non è un elenco di norme ma deve mirare a rintracciare qual è il fine della vita umana. Esso è la felicità: la ricchezza o il piacere possono essere dei fini, ma in realtà sono più propriamente tappe verso la felicità. Ciò che differenzia l’uomo dal resto è la ragione: il bene sarà allora vivere secondo ragione. L’uomo non sceglie di essere felice ma solo i mezzi che possono condurlo alla felicità. Il piacere è un bene, non il bene: tanto sarà migliore quanto migliore è l’attività che lo accompagna. Per questo motivo Aristotele distingue tra felicità e felicità compiuta. Nella vita secondo ragione risiede la virtù: ciò che fa si che l’uomo sia permanentemente uomo. La felicità può essere allora definita come attività dell’anima secondo virtù.

A leggere l’articolo della prof.ssa Marzano viene da pensare che oltre ad una massiccia dose di “irrazionalità”, la nostra non abbia mai studiato Aristotele ed il pensiero greco in genere, perché occupare una cattedra di filosofia morale senza i presupposti morali del pensiero ellenico grida vendetta di fronte a Dio e al mondo.
Sorprendono gli schizzi di profondo rancore che la Nostra nutre nei confronti della lotta per la salvaguardia della vita e sorprendono a tal punto da costringere ad alcune riflessioni.
La professoressa si stupisce che ci siano persone che per difendere la vita “mettano in discussione l’accesso alle ivg o l’approvazione di suicidio assistito e accanimento terapeutico“; si stupisce in, estrema sintesi, che ci siano persone che affermano il diritto a vivere. Filosoficamente, esiste il diritto alla felicità che non è la possibilità di crearsi una propria felicità a scapito dell’esistenza altrui come la prof.ssa Marzano vuol far credere ma esercitare la virtù,come ci ricorda Aristotele, senza confondere l’oggetto del nostro agire (il sommo bene) con gli strumenti (piacere, beni, etc.). Perché dovremmo salvare la vita ad Alfie? Per affermare il diritto a difendersi da una ingiusta condanna a morte, per affermare il diritto ad essere genitori per suo padre e sua madre, visto che hanno dato la vita ad Alfie e altro non fanno che reclamare la possibilità di educarlo, amarlo, fin quando non sarà la Natura (Dio) a dire che la sua esistenza terrena sia compiuta. Per quale assurda ipotesi un bambino straniero dovrebbe diventare italiano (come auspica la Marzano) sulla base del luogo di nascita se poi alla pari non riconosciamo a milioni di bambini il diritto di nascere (aborto)? Il diritto a vivere? Le tesi della prof.ssa Marzano mancano delle più elementari basi di gnoseologia e logica, avendo come risultato che una morale fondata sul personalismo avulso dalla metafisica (in fin dei conti dalla verità) conduce all’ideologia dell’odio, dello scarto, di un relativismo gretto e barbaro che ha i suoi modelli più scabrosi nell’eugenetica nazista e nell’odio gulaghista del comunismo sovietico.
Il diritto di Alfie a vivere corrisponde al suo diritto alla felicità, non come esercizio del piacere (come vorrebbe la Marzano) ma come adeguamento alla Verità.
Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Vittorio Messori: “La Chiesa non è di Bergoglio”

      di Bruno Volpe. “La Chiesa non è di Bergoglio, ma di Cristo. Certo, sono preoccupato”: l’affondo è del notissimo scrittore cattolico e giornalista di fama Vittorio Messori, fine intellettuale, autore di una storica intervista a San Giovanni Paolo II, quando intervistare un Papa era non era roba da giornali. Leggi il seguito…

    • Per vendetta e per potere: così Renzi tesse la tela

      di Romano l’Osservatore. Ora che Renzi ha dato l'addio al Pd, tutti si chiedono che cosa farà. Ma per capirlo è meglio chiedersi perché l'ha fatto: per vendetta contro Zingaretti, Conte e Salvini che detesta e per il suo ego spregiudicato che gli serve per raggiungere il suo unico obiettivo: il potere. Per cannibalizzare il vuoto creatosi al Centro.  Leggi il seguito…

    • Conte stai sereno! Renzi torna a fare Renzi

      di Giuseppe Leonelli. Risorto dalle ceneri del referendum fallito, Matteo Renzi veste ancora una volta i panni di dominus della politica italiana, capace di tenere sotto schiaffo il premier Conte e, di conseguenza, Pd e 5 Stelle per i quali il voto continua ad essere visto come il pericolo da evitare in tutti i modi. E mentre l’ex premier fiorentino tesse le sue trame, il Governo della ‘Svolta’ si ripiega sempre più verso le vecchie dinamiche della prima Repubblica. Un Esecutivo che, con lo strappo di Renzi, è sostenuto ora da 5 partiti Leggi il seguito…

    • Giuseppe Toniolo sulle dottrine socialistiche: antichità e medioevo

      di Silvio Brachetta. Thomas Stark, docente di filosofia all’Università di St. Pölten in Austria, ha dichiarato che «il socialismo non è qualcosa che si è appena verificato nel XVIII e XIX secolo, come molti credono», ma «è una tentazione costante, un problema costante nella storia umana»[1]. La tesi è ripresa da un lavoro[2] di Igor’ Šafarevič, matematico e dissidente russo. In realtà, assieme ad altri[3], ne aveva già trattato Giuseppe Toniolo, molti anni prima, in un suo breve studio sul socialismo[4]. La sua tesi è semplice: lo spirito del socialismo pervade tutta la storia, come «patologia sociale», che si contrappone all’«ordine sociale», naturale e cristiano[5]. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.