Aristotele contro la Marzano. È la felicità che vince

marzano

Quale sarà lo stile di vita di un cittadino della polis? Il fine ultimo per Aristotele è certamente sapere cosa vuol dire essere buoni, ma anche e soprattutto diventare buoni. L’etica, per il Nostro,  non è un elenco di norme ma deve mirare a rintracciare qual è il fine della vita umana. Esso è la felicità: la ricchezza o il piacere possono essere dei fini, ma in realtà sono più propriamente tappe verso la felicità. Ciò che differenzia l’uomo dal resto è la ragione: il bene sarà allora vivere secondo ragione. L’uomo non sceglie di essere felice ma solo i mezzi che possono condurlo alla felicità. Il piacere è un bene, non il bene: tanto sarà migliore quanto migliore è l’attività che lo accompagna. Per questo motivo Aristotele distingue tra felicità e felicità compiuta. Nella vita secondo ragione risiede la virtù: ciò che fa si che l’uomo sia permanentemente uomo. La felicità può essere allora definita come attività dell’anima secondo virtù.

A leggere l’articolo della prof.ssa Marzano viene da pensare che oltre ad una massiccia dose di “irrazionalità”, la nostra non abbia mai studiato Aristotele ed il pensiero greco in genere, perché occupare una cattedra di filosofia morale senza i presupposti morali del pensiero ellenico grida vendetta di fronte a Dio e al mondo.
Sorprendono gli schizzi di profondo rancore che la Nostra nutre nei confronti della lotta per la salvaguardia della vita e sorprendono a tal punto da costringere ad alcune riflessioni.
La professoressa si stupisce che ci siano persone che per difendere la vita “mettano in discussione l’accesso alle ivg o l’approvazione di suicidio assistito e accanimento terapeutico“; si stupisce in, estrema sintesi, che ci siano persone che affermano il diritto a vivere. Filosoficamente, esiste il diritto alla felicità che non è la possibilità di crearsi una propria felicità a scapito dell’esistenza altrui come la prof.ssa Marzano vuol far credere ma esercitare la virtù,come ci ricorda Aristotele, senza confondere l’oggetto del nostro agire (il sommo bene) con gli strumenti (piacere, beni, etc.). Perché dovremmo salvare la vita ad Alfie? Per affermare il diritto a difendersi da una ingiusta condanna a morte, per affermare il diritto ad essere genitori per suo padre e sua madre, visto che hanno dato la vita ad Alfie e altro non fanno che reclamare la possibilità di educarlo, amarlo, fin quando non sarà la Natura (Dio) a dire che la sua esistenza terrena sia compiuta. Per quale assurda ipotesi un bambino straniero dovrebbe diventare italiano (come auspica la Marzano) sulla base del luogo di nascita se poi alla pari non riconosciamo a milioni di bambini il diritto di nascere (aborto)? Il diritto a vivere? Le tesi della prof.ssa Marzano mancano delle più elementari basi di gnoseologia e logica, avendo come risultato che una morale fondata sul personalismo avulso dalla metafisica (in fin dei conti dalla verità) conduce all’ideologia dell’odio, dello scarto, di un relativismo gretto e barbaro che ha i suoi modelli più scabrosi nell’eugenetica nazista e nell’odio gulaghista del comunismo sovietico.
Il diritto di Alfie a vivere corrisponde al suo diritto alla felicità, non come esercizio del piacere (come vorrebbe la Marzano) ma come adeguamento alla Verità.
Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Politically correct, “è colpa nostra” come catechismo

      capozzi-libro-politically-correct di Aurelio Porfiri. Il politically correct è come un "catechismo civile", una somma di "precetti", di divieti, di censure in cui si compendia la retorica di un'ideologia ben precisa: quello che possiamo chiamare neo-progressismo, ideologia dell'Altro. È entrato nelle nostre vite “con una martellante opera di propaganda, di estensione e profondità ‘orwelliane’, che pretende di eliminare dai prodotti culturali, dalla dialettica politica, dai comportamenti pubblici e privati, dai luoghi della formazione, ogni termine o concetto che possano essere considerati ‘discriminatori’, ‘offensivi’, per imporre un'idea di ‘rispetto’ che in effetti coincide con un totale indifferentismo, nel quale la ‘verità’ politica è decisa volta a volta dalle élite che ‘dettano la linea’ alle società”. Intervista a Capozzi, autore del libro "Politicamente corretto. Storia di un'ideologia". Leggi il seguito… 

    • Il Papa spinge Verona: famiglia naturale insostituibile

      bergoglio-a-loreto di Nico Spuntoni. «Nella delicata situazione del mondo odierno, la famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna assume un’importanza e una missione essenziali». Le parole del Papa ieri a Loreto corrispondono perfettamente allo spirito del Congresso mondiale delle Famiglie che si svolgerà a Verona nel fine settimana e che è oggetto di violentissime polemiche e accuse di oscurantismo, a cui si è accodata anche una parte del mondo cattolico. Leggi il seguito… 

    • Altro che famiglia

      alfredo-mantovano di Alfredo Mantovano. Se la precedente Legislatura ha assestato colpi non da poco alle disposizioni sul matrimonio e sulla famiglia, con le leggi sul divorzio breve, sul divorzio facile, sulle unioni civili, con conseguente affievolimento normativo del legame sociale fondamentale, in questa Legislatura – in controtendenza rispetto alla ricomparsa dello Stato in alcuni settori dell’economia – si va verso la privatizzazione del rapporto coniugale: gli accordi prematrimoniali riducono il matrimonio a un contratto come tanti altri che, come per la somministrazione di un servizio, disciplina le modalità di conclusione prima ancora di iniziare, in un’ottica mercantilistica consacrata in clausole negoziali. Leggi il seguito… 

    • Congresso delle famiglie a Verona. Il test della libertà democratica nel Paese. Dove è la Chiesa?

      world-congress-family-verona di Marco Tosatti. Il Congresso Mondiale delle Famiglie in programma a Verona è un test importante, e tutto fa pensare che sia la Chiesa che il regime politico mediatico che si definisce progressista lo abbiano già fallito. Ma è un test importante per il Paese, perché è la cartina di tornasole della democrazia, che a parole la sinistra e i suoi giornali – i maggiori – dicono di apprezzare e difendere. In realtà l’unica democrazia che nei fatti difendono è la loro; e a chiunque si differenzi dal pensiero unico di cui sono servi felici impongono la mordacchia. Il Congresso è una cartina di tornasole della libertà di pensiero in questo Paese; Leggi il seguito…