Aristotele contro la Marzano. È la felicità che vince

marzano

Quale sarà lo stile di vita di un cittadino della polis? Il fine ultimo per Aristotele è certamente sapere cosa vuol dire essere buoni, ma anche e soprattutto diventare buoni. L’etica, per il Nostro,  non è un elenco di norme ma deve mirare a rintracciare qual è il fine della vita umana. Esso è la felicità: la ricchezza o il piacere possono essere dei fini, ma in realtà sono più propriamente tappe verso la felicità. Ciò che differenzia l’uomo dal resto è la ragione: il bene sarà allora vivere secondo ragione. L’uomo non sceglie di essere felice ma solo i mezzi che possono condurlo alla felicità. Il piacere è un bene, non il bene: tanto sarà migliore quanto migliore è l’attività che lo accompagna. Per questo motivo Aristotele distingue tra felicità e felicità compiuta. Nella vita secondo ragione risiede la virtù: ciò che fa si che l’uomo sia permanentemente uomo. La felicità può essere allora definita come attività dell’anima secondo virtù.

A leggere l’articolo della prof.ssa Marzano viene da pensare che oltre ad una massiccia dose di “irrazionalità”, la nostra non abbia mai studiato Aristotele ed il pensiero greco in genere, perché occupare una cattedra di filosofia morale senza i presupposti morali del pensiero ellenico grida vendetta di fronte a Dio e al mondo.
Sorprendono gli schizzi di profondo rancore che la Nostra nutre nei confronti della lotta per la salvaguardia della vita e sorprendono a tal punto da costringere ad alcune riflessioni.
La professoressa si stupisce che ci siano persone che per difendere la vita “mettano in discussione l’accesso alle ivg o l’approvazione di suicidio assistito e accanimento terapeutico“; si stupisce in, estrema sintesi, che ci siano persone che affermano il diritto a vivere. Filosoficamente, esiste il diritto alla felicità che non è la possibilità di crearsi una propria felicità a scapito dell’esistenza altrui come la prof.ssa Marzano vuol far credere ma esercitare la virtù,come ci ricorda Aristotele, senza confondere l’oggetto del nostro agire (il sommo bene) con gli strumenti (piacere, beni, etc.). Perché dovremmo salvare la vita ad Alfie? Per affermare il diritto a difendersi da una ingiusta condanna a morte, per affermare il diritto ad essere genitori per suo padre e sua madre, visto che hanno dato la vita ad Alfie e altro non fanno che reclamare la possibilità di educarlo, amarlo, fin quando non sarà la Natura (Dio) a dire che la sua esistenza terrena sia compiuta. Per quale assurda ipotesi un bambino straniero dovrebbe diventare italiano (come auspica la Marzano) sulla base del luogo di nascita se poi alla pari non riconosciamo a milioni di bambini il diritto di nascere (aborto)? Il diritto a vivere? Le tesi della prof.ssa Marzano mancano delle più elementari basi di gnoseologia e logica, avendo come risultato che una morale fondata sul personalismo avulso dalla metafisica (in fin dei conti dalla verità) conduce all’ideologia dell’odio, dello scarto, di un relativismo gretto e barbaro che ha i suoi modelli più scabrosi nell’eugenetica nazista e nell’odio gulaghista del comunismo sovietico.
Il diritto di Alfie a vivere corrisponde al suo diritto alla felicità, non come esercizio del piacere (come vorrebbe la Marzano) ma come adeguamento alla Verità.
Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’ombra dei pedofili e le strane carriere dei porporati gay tra le mura vaticane

      bergoglio_mccarrick di Riccardo Cascioli. Non basterà a papa Francesco la ormai certa riduzione allo stato laicale dell'ex cardinale statunitense Theodore McCarrick per calmare le acque e gestire a suo modo il vertice sugli abusi sessuali del clero convocato in Vaticano dal 21 al 24 febbraio prossimo, con la presenza dei presidenti delle Conferenze episcopali di tutto il mondo. Leggi il seguito… 

    • Tutti eredi di Sturzo. Ma c’è poco di cui rallegrarsi

      luigi_sturzo di Stefano Fontana. La statura morale e intellettuale di don Luigi Sturzo è indiscutibile, ma gli esiti di quel suo "appello ai liberi e forti" di cento anni fa sono tutt'altro che positivi: è iniziato allora il cammino di un progressivo distacco del criterio della fede dalla politica. Vedere oggi i tanti - anche di opposte visioni - che vogliono far rivivere quell'esperienza con nuovi appelli "ai liberi e forti" non può non lasciare perplessi. Leggi il seguito… 

    • ll ’68, sfida per i cattolici oggi. La lezione di Del Noce

      del-noce di Luca Del Pozzo. Tra le tante letture critiche di quel ‘68 che ha rappresentato, come ebbe a dire Benedetto XVI, una vera e propria “cesura storica”, un posto a parte merita quella di Augusto Del Noce. Tanto il marxismo quanto la società tecnocratica quanto il ’68 ponevano quella per Del Noce era “la” questione innanzi alla quale i cattolici erano (e sono) chiamati a dire la loro: la questione antropologica. Leggi il seguito… 

    • “Ecco chi raccoglie l’eredità di don Luigi Sturzo…”

      luigi_sturzo di Federico Cenci. È passato un secolo da quando un giovane sacerdote siciliano, don Luigi Sturzo, pronunciò il celebre appello destinato a cavare una massiccia sacca elettorale dalle paludi del "non expedit". Dopo decenni in cui i cattolici italiani, su indicazione di Pio IX, avevano rifiutato lo Stato unitario e la partecipazione alle elezioni, il Partito Popolare Italiano offrì loro una forza in cui riconoscersi.  Della possibilità di tener viva l'eredità popolare e democristiana se ne discute oggi alla Camera, nel corso della conferenza “1919-2019. Popolari oggi, da Sturzo al nuovo millennio”. La relazione introduttiva è affidata a Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2. In Terris lo ha intervistato per conoscere uno dei diversi punti di vista sul tema Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.