Sull’inconsistenza politica dei cattolici

costruire

di Silvio Brachetta.

Prima di presentarsi alle elezioni, un partito politico dovrebbe capire che non ha nessuna possibilità, nemmeno remota, di vincere o di riuscire ad ottenere qualcosa, senza un fondamento culturale che lo sostiene.
Non è prudente ignorare la storia. Da Mario Fani al Partito Popolare italiano è passato più di mezzo secolo. Dalla fondazione, cioè, dell’Azione Cattolica (1867) alla fondazione di un partito cattolico ispirato alla dottrina sociale della Chiesa (1919) è passato un fiume di tempo, per la formazione effettiva dell’elettorato cattolico.

Cinquant’anni per ottenere cosa? Per ottenere – alle elezioni del 16 novembre 1919 – un risultato del 20,5% dei voti e di 19 deputati eletti in parlamento nelle fila del Ppi. Un buon inizio, nel bene e nel male, dell’avventura democratico-cristiana in Italia. Per ottenere, però, quel 20,5% ci sono voluti cinquant’anni. Non cinque mesi o cinque anni.
E furono cinquant’anni di formazione, di cultura, di Opera dei congressi, di Comitati cattolici, di nascita della dottrina sociale come disciplina con nome e cognome, di formazione dei sindacati, dei Toniolo, degli Acquaderni, dei Salviati, dei Grosoli.

E oggi? Non ha forse stravinto il Movimento 5 Stelle? Non ha vinto forse un partito senza fondamenta, senza formazione? Errore gravissimo. Il Movimento 5 Stelle ha invece fondamenta solidissime, perché rispecchia esattamente la realtà culturale italiana, costruita dopo cinquant’anni (che combinazione!) dal 1968. Una realtà fatta di ateismo, ribellione, faciloneria. È dunque confermata la regola: niente cultura sotto i piedi, niente storia tormentata alle spalle, niente risultato elettorale.

I cattolici continuano ad illudersi di poter ottenere qualcosa, senza fare i conti con la realtà. Pensano che basti esporre con entusiasmo la propria idea sacrosanta su vita e famiglia per ottenere un risultato, anche piccolo. No, proprio no. Faranno bene, al contrario, a ricominciare un cammino decennale di riformazione di qualcosa che è andato distrutto.

Fonte: Vita Nuova Trieste

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Omogenitorialità, una causa contro gli abusi dei sindaci

      generazione-famiglia-senato di Marco Guerra. Generazione Famiglia e CitizenGo, presentano esposti ai tribunali di Milano, Torino, Firenze, Bologna e Pesaro e hanno tenuto ieri una conferenza stampa al Senato con i parlamentari di centrodestra, per rispondere ai sindaci che, aggirando la legge, hanno affidati minori a coppie gay Leggi il seguito… 

    • Gli Stati Uniti si ritirano dal Consiglio dei Diritti Umani dell’Onu

      ambasciatrice-usa-onu di Lorenzo Vita. Gli Stati Uniti scelgono, ancora una volta, la via della rottura con la comunità internazionale. L'ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite ha annunciato che il suo Paese si ritira dal Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, definito come "la fogna della faziosità politica". "Prendiamo questa decisione perché il nostro impegno non ci permette di continuare a far parte di un'organizzazione ipocrita e asservita ai propri interessi che ha fatto dei diritti umani una barzelletta", ha dichiarato la Haley. Leggi il seguito… 

    • Tanti interessi dietro le accuse di inumanità

      centro-di-accoglienza di Gianandrea Gaiani. L'Italia continua ad accogliere migranti irregolari, anzi sono aumentati negli ultimi giorni. Lo stop riguarda solo le navi delle Ong, ma potrebbe essere l'inizio di una nuova linea europea, che manderebbe in crisi il fiorente business dell'accoglienza. E guarda caso le accuse arrivano da chi sui clandestini ci sta guadagnando. Leggi il seguito… 

    • Quando Bergoglio telefonò a Enrico Letta, e partì l’operazione “Mare Nostrum”. Una rivelazione.

      papa_lampedusa_ansa di Marco Tosatti. L’operazione “Mare Nostrum”, che segnò l’inizio della straordinaria ondata di migrazione (alcuni parlando di invasione) dalle coste africane, e in particolare dalla Libia destabilizzata dall’aggressione anglo-franco-americana,  ha avuto uno sponsor eccezionale. Lo rivelano a Stilum Curiae fonti di alto livello del Ministero degli Interni, che all’epoca erano presenti e operative nella stanza dei bottoni. Leggi il seguito…