Pornografia: verso una generazione sacrificata

claudio

Articolo redatto da Constance Prazel – per Liberté Politique – 9 marzo 2018

Gli adolescenti di fronte alla pornografia nel delicato momento della costruzione della loro personalità, saranno tanto più fragili quando si tratterà di costruire una relazione di coppia matura. Un momento delicato che non si può sottovalutare.

Les adolescents confrontés à la pornographie au moment de la construction de leur personnalité seront d’autant plus fragiles quand il s’agira de bâtir une relation de couple adulte: un moment charnière à ne pas sous-estimer.

Questo numero di Liberté politique affronta un tema scottante, e cioè quella che potremmo definire come “corruzione morale da pornografia”. Questo fenomeno corruttivo, distruttivo e decostruttivo della sessualità umana – che frutta cifre impressionanti –, sembra essere sottovalutato da un mondo dominato dal pensiero unico delle “nuove libertà”, che però causano terribili schiavitù, sofferenze e persino orrendi delitti. In questo breve video editoriale di Constance Prazel  potremo capire il perché. Nota del traduttore).

Articolo redatto da Constance Prazel – per Liberté Politique – 9 marzo 2018

I danni della pornografia sui giovani adolescenti, pur essendo riconosciuto, rimane un tabu. Liberté politique, desiderosa di difendere una visione della sessualità umana integrale e rispettosa delle differenze tra maschio e femmina, ne ha fatto un combattimento privilegiato. Oggi cerchiamo di attirare l’attenzione sulle conseguenze della pornografia sulle giovani coppie.

L’interesse principale dell’osservatorio dell’affettività e dell’educazione, in una pubblicazione del marzo 2017, ha dimostrato che la metà degli adolescenti dai 15 ai 17 anni, ha già frequentato dei siti pornografici. Il 51%, in una proporzione tra l’11 e il 14% in 4 anni. Nella stessa inchiesta si afferma che un adolescente su 2, il 45%, dichiarava che la pornografia aveva un ruolo nell’apprendimento del comportamento sessuale. È davvero spaventosa questa constatazione. Ma quale apprendimento? Per quale sessualità? Una sessualità fatta di dominio e di violenza.

Come impegnarsi in una relazione coniugale sana e equilibrata, dopo aver sviato il proprio comportamento dalla visione di film pornografici? Nulla avviene per caso. Ho la testimonianza catastrofica di una madre il cui figlio, che poi fortunatamente glie lo aveva rivelato, aveva scoperto dei film pornografici durante un viaggio verso la t di Chartres. Alle ragazze noi diciamo con delicatezza di scoprire quanto il tanto o poco tempo che il fidanzato dedica alla pornografia. Purtroppo nessun percorso di questi giovani è totalmente protetto da questo pericolo.

C’è una notevole differenza tra la sessualità reale e il mondo virtuale. Per questo la delusione in lei o lui può essere notevole, provocando malessere. L’impegno in questo campo è arduo. Per questo invitiamo a non entrare in un gioco che è imposto. A ognuno la libertà di imparare o disimparare il rispetto, la pazienza e la meraviglia. Analizzate con lucidità ogni vostro gesto e parola. Sappiate, anche dalla cortesia e cavalleria medievale, che la donna che tenete tra le vostre braccia non ha nulla a che fare con quelle che sono messe in scena dall’industria del cinema erotico.

Lei ha dei giorni si e dei giorni no, e non deve essere ai vostri ordini. L’impatto delle immagini è incredibilmente forte. Non lasciatevi imporre dei comportamenti che avete visto in quei film, e non certate nemmeno di riprodurli. Voi non siete gli attori di un sex shop. Lei non è affatto obbligata ad urlare durante il rapporto. Cercate di guardarvi in faccia. Si tratta di essere delle persone uniche, dotate di un corpo e di un’anima destinati al bello e al vero. Non lasciate che la vostra vita coniugale sia scritta da qualcun altro da un regista immondo, che si arricchirà sulle vostre amare delusioni.

Fonte: http://www.libertepolitique.com/Actualite/Editorial/Vers-une-generation-sacrifiee

 

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Siamo ancora fermi al ’68

      femministe-non-una-di-meno di Marcello Veneziani. Femministe sul piede di guerra, dichiarazioni d’odio e disprezzo verso le famiglie anzi verso Dio, patria e famiglia, campagne d’odio contro carabinieri e poliziotti, lotte per l’aborto, il sesso libero e la droga legalizzata… porte aperte a tutti, società sconfinata, abbasso i muri e i freni, indulgenti con i trasgressori, intolleranti coi conservatori, accuse di fascismo a chiunque non sia dalla loro parte, anzi, elevazione del fascismo a categoria metastorica, pacifismo libertario, ma a chi non concorda tappiamogli la bocca…Rieccolo, il 68. Non è tornato, non se n’era mai andato, solo che ora esce allo scoperto e si sente nuovo, mentre si avverte che è rancido, inacidito, invecchiato male e andato a male. Leggi il seguito… 

    • È guerra contro la famiglia, vescovi non reclutati

      bassetti di Andrea Zambrano. Quella di Verona si sta delineando come una guerra per distruggere la famiglia. Eppure i vescovi non si rendono conto che una guerra è stata dichiarata. San Giovanni Paolo II disse che "attorno alla famiglia e alla vita si svolge oggi la lotta fondamentale della dignità dell'uomo". E quando c'è una lotta bisogna combattere non auspicare buonismo.  Leggi il seguito… 

    • Tre conversioni non ne fanno una

      vescovi di Stefano Fontana. Da tempo sono apparse all’orizzonte del cattolicesimo tre nuove conversioni. Si tratta della conversione pastorale, della conversione sinodale e della conversione ecologica. La prima è largamente presente in Amoris laetitia, la seconda è stata espressamente indicata da papa Francesco in Evangelii gaudium, e la terza nell’enciclica Laudato si’. La parola conversione la Chiesa l’aveva sempre adoperata per indicare il volgersi a Cristo, unico Salvatore. Ora viene usata in questi altri significati, e non senza un perché alle spalle. Leggi il seguito… 

    • “Ecco perchè non servivano le Unioni civili”

      Monica Cirinnà 1 di Maura Delle Case. “Non c’era bisogno della legge sulle Unioni civili per garantire diritti alle coppie di conviventi perché quei diritti erano già stati riconosciuti dalla giurisprudenza”. Carlo Amedeo Giovanardi di Idea e oppositore strenuo della legge 76/2016 rea a suo dire “d’aver socchiuso la porta ad adozioni e utero in affitto per le coppie omosessuali”, liquida così la sentenza del tribunale di Pordenone sull’assegno riconosciuto, all’atto di scioglimento dell’unione civile, alla parte debole di una coppia di donne. Leggi il seguito…