Pornografia: verso una generazione sacrificata

claudio

Articolo redatto da Constance Prazel – per Liberté Politique – 9 marzo 2018

Gli adolescenti di fronte alla pornografia nel delicato momento della costruzione della loro personalità, saranno tanto più fragili quando si tratterà di costruire una relazione di coppia matura. Un momento delicato che non si può sottovalutare.

Les adolescents confrontés à la pornographie au moment de la construction de leur personnalité seront d’autant plus fragiles quand il s’agira de bâtir une relation de couple adulte: un moment charnière à ne pas sous-estimer.

Questo numero di Liberté politique affronta un tema scottante, e cioè quella che potremmo definire come “corruzione morale da pornografia”. Questo fenomeno corruttivo, distruttivo e decostruttivo della sessualità umana – che frutta cifre impressionanti –, sembra essere sottovalutato da un mondo dominato dal pensiero unico delle “nuove libertà”, che però causano terribili schiavitù, sofferenze e persino orrendi delitti. In questo breve video editoriale di Constance Prazel  potremo capire il perché. Nota del traduttore).

Articolo redatto da Constance Prazel – per Liberté Politique – 9 marzo 2018

I danni della pornografia sui giovani adolescenti, pur essendo riconosciuto, rimane un tabu. Liberté politique, desiderosa di difendere una visione della sessualità umana integrale e rispettosa delle differenze tra maschio e femmina, ne ha fatto un combattimento privilegiato. Oggi cerchiamo di attirare l’attenzione sulle conseguenze della pornografia sulle giovani coppie.

L’interesse principale dell’osservatorio dell’affettività e dell’educazione, in una pubblicazione del marzo 2017, ha dimostrato che la metà degli adolescenti dai 15 ai 17 anni, ha già frequentato dei siti pornografici. Il 51%, in una proporzione tra l’11 e il 14% in 4 anni. Nella stessa inchiesta si afferma che un adolescente su 2, il 45%, dichiarava che la pornografia aveva un ruolo nell’apprendimento del comportamento sessuale. È davvero spaventosa questa constatazione. Ma quale apprendimento? Per quale sessualità? Una sessualità fatta di dominio e di violenza.

Come impegnarsi in una relazione coniugale sana e equilibrata, dopo aver sviato il proprio comportamento dalla visione di film pornografici? Nulla avviene per caso. Ho la testimonianza catastrofica di una madre il cui figlio, che poi fortunatamente glie lo aveva rivelato, aveva scoperto dei film pornografici durante un viaggio verso la t di Chartres. Alle ragazze noi diciamo con delicatezza di scoprire quanto il tanto o poco tempo che il fidanzato dedica alla pornografia. Purtroppo nessun percorso di questi giovani è totalmente protetto da questo pericolo.

C’è una notevole differenza tra la sessualità reale e il mondo virtuale. Per questo la delusione in lei o lui può essere notevole, provocando malessere. L’impegno in questo campo è arduo. Per questo invitiamo a non entrare in un gioco che è imposto. A ognuno la libertà di imparare o disimparare il rispetto, la pazienza e la meraviglia. Analizzate con lucidità ogni vostro gesto e parola. Sappiate, anche dalla cortesia e cavalleria medievale, che la donna che tenete tra le vostre braccia non ha nulla a che fare con quelle che sono messe in scena dall’industria del cinema erotico.

Lei ha dei giorni si e dei giorni no, e non deve essere ai vostri ordini. L’impatto delle immagini è incredibilmente forte. Non lasciatevi imporre dei comportamenti che avete visto in quei film, e non certate nemmeno di riprodurli. Voi non siete gli attori di un sex shop. Lei non è affatto obbligata ad urlare durante il rapporto. Cercate di guardarvi in faccia. Si tratta di essere delle persone uniche, dotate di un corpo e di un’anima destinati al bello e al vero. Non lasciate che la vostra vita coniugale sia scritta da qualcun altro da un regista immondo, che si arricchirà sulle vostre amare delusioni.

Fonte: http://www.libertepolitique.com/Actualite/Editorial/Vers-une-generation-sacrifiee

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I cattolici, il suicidio assistito e l’Ordinanza della Corte costituzionale

      di Silvio Brachetta. Assuntina Morresi, su Tempi, critica le posizioni dell’Osservatorio Van Thuân – espresse da Stefano Fontana – circa la necessità di non scendere a compromessi sull’eutanasia. Il compromesso in questione – che un gruppo di parlamentari cattolici ha richiesto alla Conferenza episcopale italiana di sostenere – prevede, tra l’altro, l’attenuazione delle pene regolate dall’articolo 580 del Codice penale, nella speranza di mantenerlo in essere. Se, infatti, l’articolo 580 non sarà abrogato, costituirà almeno un argine all’eutanasia, che potrebbe essere introdotta da future legislazioni in materia Leggi il seguito…

    • Ma oltre i migranti ci sono i restanti

      di Marcello Veneziani. Ero l’altro giorno a Otranto nella piazza dedicata “all’umanità migrante”, dove campeggia un monumento in forma di barca dedicato ai migranti. E mi sono detto: ma all’umanità restante nessuno dedica niente, piazze, monumenti, prediche, premure? Non c’è settimana che Papa Bergoglio non si preoccupi dei migranti che ritiene un’umanità speciale; a loro dà priorità e dedica l’evangelico “Prima gli ultimi”. E non c’è dem, progressista, radicale, cattosinistro, ogni santo giorno, che non consideri bestie, razzisti, subumani e disumani coloro che non ritengono assoluto e illimitato il diritto di migrare e il dovere di essere accolti. Al Papa e ai promigranti vorrei dire: i veri ultimi non sono i migranti. Sono i restanti. Leggi il seguito…

    • La Sea Watch3, Antigone e la Dottrina sociale della Chiesa

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Dottrina sociale della Chiesa non è mai stata tenera verso lo Stato, anche nella sua forma di “Stato di diritto” (Rule of Law) nel quale governa la legge. Ciò però non vuol dire che entrare in acque territoriali di uno Stato sovrano come l’Italia, non obbedire alle intimazioni della Guardia costiera e, anzi, speronare una imbarcazione della stessa Guardia siano atti da apprezzare. Leggi il seguito…

    • Ambiguità su Vincent, è l’ecumenismo dell’eutanasia

      di Tommaso Scandroglio. Dopo la morte del 42enne disabile francese, è stata resa nota una Dichiarazione congiunta di sei responsabili religiosi (due cattolici) della città di Reims. I firmatari sono il rabbino Amar, l’imam Bendaoud, i pastori protestanti Langlois e Geoffroy, l’arcivescovo de Moulins-Beaufort e il suo ausiliare Feillet. Dal documento pare proprio che i sei ritengano che aver dato acqua e cibo a Lambert fosse accanimento terapeutico. Segno della dinamica involutiva, anche in casa cattolica, rispetto ai principi non negoziabili, che sta portando all’accettazione supina dell’eutanasia. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.