Lazio, Adinolfi ancora una volta in aiuto alla sinistra (in memoriam del massone Nathan)

mario-adinolfi-1

In aggiunta a quelle raccontate da Andrea Zambrano sulla Bussola Quotidiana, Mario Adinolfi ha di fatto dato un’altra volta un aiuto decisivo alla sinistra, questa volta nella corsa alla Regione Lazio. Non è dietrologia né son ipotesi: è matematica. Zingaretti ha vinto col 32,9 per cento dei voti davanti a Parisi (31, 1 per cento), candidato di centrodestra supportato dal Comitato Difendiamo I Nostri Figli e Sergio Pirozzi (4,93 per cento), sindaco di Amatrice. Se quest’ultimo, che ha la fama di “fascista” (Adinolfi dixit) non si fosse candidato, ora una regione importante come il Lazio non sarebbe ancora nelle mani della sinistra e di un Presidente come Zingaretti, che ha già dato prova di essere ostile al mondo pro-life (note le prese di posizione contro i medici obiettori). Ecco, cos’ha fatto Adinolfi?

Ha dato il proprio supporto a Pirozzi. Sia dichiarandolo su facebook (“lo aiuteremo”), sia facendo piazzare in lista, al secondo posto su 31, la figlia Livia: un po’ Popolo per la Famiglia e un po’ Popolo Tengo Famiglia. Un triplo capolavoro pertanto dato che il leader del Pdf  ha concorso a far vincere Zingaretti (sostenendo un candidato con zero possibilità di vittoria), ha fatto candidare la figlia piazzandola nella lista di un candidato che dalla sua aveva i repubblicani (da sempre anticristiani e vicinissimi alla massoneria) della Lista Nathan, da Ernesto Nathan, idolo dei radicali di Pannella, gran maestro della massoneria e il sindaco di Roma più ferocemente anticlericale della storia (meglio i massoni del centrodestra, nell’oscura logica adinolfiana).

nathan

Niente male per il leader di un partito che dice di ispirarsi alla dottrina sociale della Chiesa, e che con sparate di grande umiltà fa capire di conoscere come le sue tasche la politica romana. Ma in realtà prende delle belle cantonate. Come questa previsione sul tonfo di Emma Bonino, la cui corsa per il Parlamento veniva data come persa in partenza…. (come poi sia andata a finire si è visto,,,)

previsione

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria e famiglia: insieme stanno, insieme cadono

      di Chiara Mantovani. XI Rapporto Van Thuân, il saggio del prof. Mauro Ronco L’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a “Popoli, nazioni, patrie: tra natura e artificio politico” (Cantagalli, Siena 2020). Tra i saggi che lo compongono spicca il corposo studio del Prof. Mauro Ronco dal titolo: “La patria italiana nel nuovo millennio”, che qui viene recensito. Leggi il seguito…

    • Omofobia, la battaglia perdente dei cattolici

      di Stefano Fontana. Con la legge Zan sacerdoti e catechisti rischiano la galera, ma sacerdoti e catechisti si saranno chiusi la bocca da soli ben prima che la legge Zan gliela chiuda. Col senso di colpa di essere indietro di 200 anni, la Chiesa cerca di guadagnare il terreno perduto e limita la propria libertà prima che lo Stato gliela limiti. La lotta alla legge Zan basata sulla libertà di espressione deve fondarsi sulla verità e il bene e sul fatto che ci sono dei mali che l’autorità politica può al massimo tollerare a determinate condizioni ma mai approvare come forme di bene pubblico.   Leggi il seguito…

    • Da “assembramento” a risposta di governo, il percorso del centrodestra per non morire

      di Carlo Mascio. Il centrodestra è tornato in piazza. Unito. È questa di per sé è già una notizia. Dopo mesi di tentennamenti e silenzi sulle strategie anti Covid messe in atto dalla macchina orwelliana del governo Conte e dopo continue divisioni sul piano di aiuti economici per la ripresa post pandemia, ora i leader del centrodestra tornano a battere un colpo. Leggi il seguito…

    • Scuola, così il Governo crea una generazione di bimbi-robot

      di Giuseppe Leonelli. La questione economica è enorme, ma ancora più grave appaiono le modalità fuori dalla realtà con cui si è pensato di affrontare il problema. Il tema è la riapertura delle scuole a settembre e, in particolare, le regole annunciate due giorni fa dalla ministro Azzolina, annuncio frutto di un copia e incolla pedissequo – come sempre è avvenuto in questi mesi – di quanto suggerito dal famoso Comitato tecnico-scientifico del Ministero della Salute. Leggi il seguito…