In vista del prossimo 8 marzo, “Women of the World” ha lanciato la “Dichiarazione mondiale delle madri”

1-women-of-the-world

Women of the World (WOW), (Donne del mondo), una piattaforma globale formata attualmente da 25 enti da tutto il mondo che collaborano per difendere l’identità femminile e il valore della maternità dal punto di vista umano, sociale e lavorativo, in occasione della prossima festa della donna ha lanciato la “Dichiarazione Mondiale delle Madri”, per porre l’attenzione sul valore della donna madre.

Le madri – scrivono le donne di WOW – sono il cuore e la forza generatrice della famiglia e della società, ma sono profondamente ignorate. Vogliamo far sì che le madri e il loro lavoro siano riconosciuti e valorizzati in politica, nelle istituzioni e sui mezzi di comunicazione. Per questo motivo, i partner di Women of the World hanno scritto congiuntamente una Dichiarazione Mondiale delle Madri”, invitando le persone ad aderirvi. La Dichiarazione afferma, tra le altre cose, che “la società ha bisogno di famiglie stabili per educare figli sicuri e felici” e che “la maternità è una delle occupazioni più importanti, gratificanti ed esaltanti in cui una donna possa impegnarsi”.

Crediamo che le madri e i loro figli – continua WOW – debbano essere rispettati e onorati, ma le donne subiscono spesso discriminazioni nel mondo del lavoro per il fatto di aver scelto la maternità. Tuttavia essere madre non è mai un handicap, bensì un di più nella carriera di una donna. Vogliamo fermare questa discriminazione e il fatto che la maternità e la dedizione alla famiglia siano sottovalutate. La maternità porta grandi benefici alle donne. L’identità di una donna si rafforza quando diventa madre”.

WOW porterà la Dichiarazione Mondiale delle Madri e tutte le adesioni ricevute alla “Commissione delle Nazioni Unite sullo status delle donne” (CSW) delle Nazioni Unite, a New York, il prossimo marzo, e la presenterà durante un evento parallelo che si terrà presso la sede dell’ONU. Inoltre specificano che la invieranno anche ai politici e alle personalità che possono realmente influire sia sulle politiche dei rispettivi Paesi che sulle istituzioni internazionali, e “la invieremo e consegneremo di persona, tramite i nostri partner, ai politici dei vari Paesi”. “Vogliamo presentare una lunga lista di adesioni”, concludono, “ci aiuterai dando anche tu la tua adesione?”.

Questa è la “Dichiarazione Mondiale delle Madri”, in lingua italiana, presente nel sito di WOW, in cui è possibile dare la propria adesione:

 

DICHIARAZIONE MONDIALE DELLE MADRI

2-declaracion-madres

Le donne danno un grande contributo al benessere della famiglia e allo sviluppo della società, che non è ancora riconosciuto o considerata nella sua piena importanza. L’importanza sociale della maternità e del ruolo dei genitori nella famiglia e nell’educazione dei bambini dovrebbero essere riconosciuti”. Paragrafo 29 della Piattaforma di Pechino delle Nazioni Unite (1995)

  1. Le madri sono il cuore e la forza educatrice della famiglia e della società. Le madri forniscono l’empatia, la tenerezza e la resilienza necessarie in una società prospera. Dando la vita e nutrendo i loro figli, le madri, in collaborazione con i padri, diventano la forza e il sostegno dell’umanità. Madri e padri svolgono ciascuno ruoli vitali in tutte le società.
  2. La società ha bisogno di famiglie stabili per educare figli sicuri e felici. I bambini cresciuti da madri che se ne prendono cura e in un ambiente familiare unito sono un beneficio per tutta la società.
  3. La maternità è una delle occupazioni più importanti, gratificanti ed eccitanti in cui una donna possa impegnarsi, eppure la maternità è enormemente sottovalutata, sminuita e persino trascurata nel mondo di oggi. La società spesso discrimina la maternità ignorando e rigettando il suo valore intrinseco e l’influenza insostituibile nel creare e sostenere società prospere.
  4. Le donne nel mercato del lavoro spesso subiscono discriminazioni per aver scelto la maternità. Le madri meritano pari opportunità, considerazione e rispetto nel mondo del lavoro.
  5. La maternità avvantaggia notevolmente le donne. Oltre alla possibilità di sperimentare molteplici capacità di leadership, comunicazione e qualità, offre una sensazione essenziale di completezza di cui le donne hanno bisogno. L’identità di una donna aumenta quando diventa una madre.

La maternità e l’infanzia hanno diritto a cure e assistenza speciali“. Articolo 25.2 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. Pertanto:

  1. Le madri e i loro figli devono essere rispettati e onorati come membri importanti della società.
  2. La maternità e l’impegno familiare richiedono e meritano riconoscimento sociale e politico.
  3. La piena dedizione alla famiglia non deve più essere trascurata e usata come motivo per condannare le madri alla condanna sociale.

La famiglia è l’unità fondamentale della società“. (Piattaforma di Pechino 1995) e la maternità è il cuore della famiglia.

Le madri devono essere rispettate nella politica, nella società e nella casa.

 

Per aderire alla Dichiarazione cliccare QUI

 

Questi sono gli enti e le associazioni che hanno già aderito:

28 Too Many+A1:E46 United Kingdom
Alerta Puerto Rico Puerto Rico
ANCIFEM (Asociación Nacional Cívica Femenina) Mexico
Asociación de Mujeres Peñallana. Spain
Asociación Foro Isleño de la Familia Spain
Associação Filhos da Luz Brasil
Association for Life and Family Slovakia
Big Ocean Women United States of America
Canada Silent No More (CSNM) Canada
Centro Internacional para la Defensa de la Vida Humana (CIDEVIDA) Spain
Citizen Go Global
Coalición puertorriqueña por Amor a la Niñez Puerto Rico
Comité Nacional Provida, A.C. Mexico
Derecho a Vivir Spain
Endeavour Forum Australia
Enraizados Spain
European Federation of Catholic Family Associations (FAFCE) Europe
Familienallianz Austria
Family Watch International United States of America
Femina Europa France
FISAR (Fundación San Ramon) Chile
Free Society Institute Lithuania
Fundación Centir Colombia
Fundación Familia y Futuro (FFF) Ecuador
Grupo de investigación Lumen, Escuela de Filosofía y Humanidades Universidad Sergio Arboleda Colombia
Guadalujana A.C. Mexico
Hnutí Pro život ČR Czech Republic
HomeMakers for America United States of America
In the Name of Family/U ime obitelji Croatia
Institutt for familiepolitikk Norge Norway
Interessenvertretung ungeborener Menschen Germany
International Solidarity and Human Rights Institute (ISHRI) United States of America
Istituto de Política Familiar – Federación Internacional Spain
Kenya Christian Professionals Forum Kenia
Movimiento Vida SV El Salvador
Novae Terrae Foundation Italy
Pro Mujer Peru

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il Sinodo dell’Amazzonia bypassa Benedetto XVI

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Benedetto XVI sosteneva che le religioni del mito, le religioni pagane, erano forme umane di esorcizzazione del pericolo dell’esistenza, tramite la protezione di qualche divinità contro altre divinità. La religione cristiana invece è la religione del Logos. Le religioni dei popoli indigeni citate nell'Instrumentum laboris del Sinodo dell'Amazzonia hanno tutte le caratteristiche che Ratzinger attribuiva alle religioni del mito Leggi il seguito…

    • Poveri migranti: ostaggi sì, ma del cinismo buonista

      di Andrea Zambrano. La Cedu respinge il ricorso della Sea Watch3, che vuole a tutti i costi sbarcare i 43 clandestini a Lampedusa. L'obiettivo non è umanitario, ma politico: dimostrare che Salvini si può battere. E il video diffuso ieri dalla ong è la prova della strumentalizzazione di questi poveretti per interessi di bottega: usarli come "scudi umani", giocando sulla loro pelle, con emotività e attraverso bugie mediatiche, non è affermare il loro rispetto, ma la loro futura solitudine. E' questa la cinica danza macabra buonista che le ong alimentano, la Sinistra sostiene e la Chiesa scambia per carità. Leggi il seguito…

    • Aborto o omicidio? Il cieco travaglio della Cassazione

      di Tommaso Scandroglio. I giudici, per avvalorare la tesi che il bambino nascente è come noi e non come un feto qualsiasi, indicano l’esistenza di un “quadro normativo e giurisprudenziale italiano ed internazionale di totale ampliamento della tutela della persona e della nozione di soggetto meritevole di tutela, che dal nascituro e al concepito si è poi estesa fino all'embrione”. Se è soggetto di diritto anche il concepito salta la distinzione giuridica tra omicidio colposo e aborto colposo e dunque anche, più semplicemente, tra omicidio e aborto, perchè anche l’aborto sarebbe un omicidio, solo compiuto prima della nascita. E dunque, a dar retta al senso di questa affermazione, la legge 194 dovrebbe essere dichiarata incostituzionale. Parimenti potremmo usare le stesse argomentazioni articolate dalla Cassazione per chiedere l’abrogazione della legge 194. Perché non usare questa sentenza a nostro favore? Leggi il seguito…

    • Il vescovo di Vicenza, il non giudicare e la DSC

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Un nuovo capitolo della storia del “non giudicare” è stato scritto dal vescovo di Vicenza Beniamino Pizziol in relazione al Gay Pride tenutosi di recente in quella città. Monsignor Pizziol ha isistito su tre punti. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.