In Russia, i pro life hanno celebrato l’olocausto dell’aborto

2mila-candles-in-moscow-for-abortion-victims

di Matchman-news.

pro-life russi hanno acceso 2000 candele  al Monastero Vysokopetrovsky di Mosca, in occasione di una grande celebrazione contro l’aborto, formando un grande croce in memoria delle vittime dell’aborto.

Il gruppo pro-vita nazionale “For Life!” ha scelto il giorno del 11 gennaio in cui la Chiesa ortodossa commemora i “Santi Innocenti” massacrati dal re Erode nel suo tentativo di assassinare il Messia, per celebrare il memoriale delle vittime dell’aborto in Russia.

“C’è un’ondata di eventi in difesa della vita dei bambini non nati ogni anno in Russia”, ha detto il coordinatore di For Life! Sergei Chesnokov. “È importante notare che le ONG pro-famiglia (centri di aiuto per la gravidanza) non si limitano al lavoro educativo, ma forniscono anche un aiuto completo a migliaia di donne incinte in situazioni di crisi”.

“Sarebbe positivo per il nostro popolo ricordare che ai vecchi tempi si svolgevano i giochi della Natività in questo periodo dell’anno, in cui i bambini e i loro genitori potevano guardare le presentazioni teatrali del re Erode e dei bambini assassinati di Betlemme”, ha spiegato. “Era una misura preventiva unica contro l’infanticidio e molto efficace”.

Gli attivisti hanno acceso 2000 candele perché le statistiche ufficiali riportano che 2.000 aborti vengono commessi ogni giorno nel paese.

I comunisti hanno liberalizzato le leggi sull’aborto in tutta l’ex Unione Sovietica. L’aborto divenne così comune che servì molte donne come controllo delle nascite. Dopo la caduta del comunismo, i leader civili e la gerarchia ecclesiastica hanno dovuto rieducare la cittadinanza nel tentativo di sradicare la cultura della morte.

Per il momento, la Russia rimane tra i leader mondiali dell’aborto pro capite.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Torino/Gandolfini: “Non esistono figli di due madri. Appendino viola la legge e il diritto ad avere un padre”

      appendino di Comitato Difendiamo i Nostri Figli. “Il Comune di Torino partecipa a pieno titolo alla distruzione del diritto di famiglia già operato dalla giurisprudenza creativa ma soprattutto contribuisce a picconare il sacrosanto diritto di ogni bambino ad avere un padre e una madre. Il sindaco Appendino ha tenuto fede alla promessa, fatta nei giorni scorsi, di forzare la mano per registrare un bambino come figlio di due madri. Ovviamente si tratta di un falso in atto pubblico perché qualsiasi essere umano ha una sola madre e un solo padre.  Leggi il seguito… 

    • Quella voglia degli italiani di cambiare davvero il Paese. E di non essere ancora una volta traditi

      salvini_dimaio di Marcello Foa. Il messaggio è forte e chiaro: gli italiani non sono disposti a farsi ingannare dalle lusinghe e soprattutto dalla propaganda dall’establishment. Hanno voglia di una vera svolta e sono sempre più attenti alla coerenza dei leader. Non è un caso che il gradimento di Di Maio sia sceso di 6 punti, mentre quello di Salvini continui a salire, fino a superare, per la prima volta, quello del capo del Movimento 5 Stelle. Gli elettori non gradiscono la disinvoltura con cui quest’ultimo si propone sia alla Lega sia al Pd e non amano chi antepone evidenti, incontrollabili ambizioni personali al perseguimento di un disegno più ampio e nell’interesse del Paese Leggi il seguito… 

    • Il bullo in classe figlio della cappa statalista

      bulli-di-lucca di Marco Lepore. Di fronte al caso dello studente di Lucca che ha preso a testate il professore, al di là delle banalità ministeriali, giova ricordare due cose. La prima: non tutti gli insegnanti preparati sulla materia sono adatti a insegnare. La seconda: anche questa violenza è figlia della logica statale, che non consente un'autonomia gestionale che servirebbe alla scuola statale per ripartire. Leggi il seguito… 

    • Da Riad e dal Cairo, segni di apertura al cristianesimo

      al-abrar-mecca di Stefano Magni. Una chiesa in Arabia Saudita? Il regno potrebbe consentire a una svolta storica, secondo voci che circolano dopo la visita del cardinal Tauran a Riad. Seguendo la stessa tendenza, anche l’Egitto cambia rotta e autorizza 166 luoghi di culto cristiani. Leggi il seguito…