In Russia, i pro life hanno celebrato l’olocausto dell’aborto

2mila-candles-in-moscow-for-abortion-victims

di Matchman-news.

pro-life russi hanno acceso 2000 candele  al Monastero Vysokopetrovsky di Mosca, in occasione di una grande celebrazione contro l’aborto, formando un grande croce in memoria delle vittime dell’aborto.

Il gruppo pro-vita nazionale “For Life!” ha scelto il giorno del 11 gennaio in cui la Chiesa ortodossa commemora i “Santi Innocenti” massacrati dal re Erode nel suo tentativo di assassinare il Messia, per celebrare il memoriale delle vittime dell’aborto in Russia.

“C’è un’ondata di eventi in difesa della vita dei bambini non nati ogni anno in Russia”, ha detto il coordinatore di For Life! Sergei Chesnokov. “È importante notare che le ONG pro-famiglia (centri di aiuto per la gravidanza) non si limitano al lavoro educativo, ma forniscono anche un aiuto completo a migliaia di donne incinte in situazioni di crisi”.

“Sarebbe positivo per il nostro popolo ricordare che ai vecchi tempi si svolgevano i giochi della Natività in questo periodo dell’anno, in cui i bambini e i loro genitori potevano guardare le presentazioni teatrali del re Erode e dei bambini assassinati di Betlemme”, ha spiegato. “Era una misura preventiva unica contro l’infanticidio e molto efficace”.

Gli attivisti hanno acceso 2000 candele perché le statistiche ufficiali riportano che 2.000 aborti vengono commessi ogni giorno nel paese.

I comunisti hanno liberalizzato le leggi sull’aborto in tutta l’ex Unione Sovietica. L’aborto divenne così comune che servì molte donne come controllo delle nascite. Dopo la caduta del comunismo, i leader civili e la gerarchia ecclesiastica hanno dovuto rieducare la cittadinanza nel tentativo di sradicare la cultura della morte.

Per il momento, la Russia rimane tra i leader mondiali dell’aborto pro capite.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Pozzallo, vittoria italiana o “strada per l’inferno”?

      immigrati-africani di Gianandrea Gaiani. Il caso del barcone con a bordo 458 immigrati clandestini trasbordati su due navi militari poi sbarcati a Pozzallo, si è risolto in un successo politico per l’Italia ma anche in una vittoria dei trafficanti, riusciti a dimostrare ai loro “clienti” che i porti italiani sono ancora aperti. Un approccio che il gruppo Visegrad ha già ribattezzato "una strada per l'inferno".  Leggi il seguito… 

    • “Non condivido, ma…”. Se il vescovo “legittima i gay pride”

      summer-pride-rimini di Marco Tosatti. È prevedibile, durante il Gay Pride di Rimini, l’uso blasfemo di personaggi e simboli della religione. Come l’anno scorso, un gruppo di cattolici, riuniti nel Comitato Beata Giovanna Scopelli, ha indetto una processione di riparazione da cui il vescovo di Rimini ha preso le distanze sebbene anche il pride «non aiuti i legittimi diritti Lgbt». Leggi il seguito… 

    • Negozi chiusi la domenica, una scelta doverosa

      Giampaolo Crepaldi di Giampaolo Crepaldi. Il riposo domenicale valorizza due dimensioni della vita sociale: quella delle relazioni familiari e della dimensione religiosa. Per questo è auspicabile che la proposta del ministro Di Maio trovi forte sostegno nella società e nella politica per diventare presto realtà. Leggi il seguito… 

    • La ricchezza nasce dall’Europa cristiana. Non dall’illuminismo

      Gotti-tedeschi di Ettore Gotti Tedeschi. Il saggio dello storico dell’economia Joel Mokir Una cultura della crescita e soprattutto la recensione che ne ha fatto Repubblica confermano la solita tesi superficiale: poiché la rivoluzione industriale inizia in Europa nel XVIII Secolo, l'origine della ricchezza è l'illuminismo. Giusto? No, sbagliato. Vediamo perché Leggi il seguito…