In Russia, i pro life hanno celebrato l’olocausto dell’aborto

2mila-candles-in-moscow-for-abortion-victims

di Matchman-news.

pro-life russi hanno acceso 2000 candele  al Monastero Vysokopetrovsky di Mosca, in occasione di una grande celebrazione contro l’aborto, formando un grande croce in memoria delle vittime dell’aborto.

Il gruppo pro-vita nazionale “For Life!” ha scelto il giorno del 11 gennaio in cui la Chiesa ortodossa commemora i “Santi Innocenti” massacrati dal re Erode nel suo tentativo di assassinare il Messia, per celebrare il memoriale delle vittime dell’aborto in Russia.

“C’è un’ondata di eventi in difesa della vita dei bambini non nati ogni anno in Russia”, ha detto il coordinatore di For Life! Sergei Chesnokov. “È importante notare che le ONG pro-famiglia (centri di aiuto per la gravidanza) non si limitano al lavoro educativo, ma forniscono anche un aiuto completo a migliaia di donne incinte in situazioni di crisi”.

“Sarebbe positivo per il nostro popolo ricordare che ai vecchi tempi si svolgevano i giochi della Natività in questo periodo dell’anno, in cui i bambini e i loro genitori potevano guardare le presentazioni teatrali del re Erode e dei bambini assassinati di Betlemme”, ha spiegato. “Era una misura preventiva unica contro l’infanticidio e molto efficace”.

Gli attivisti hanno acceso 2000 candele perché le statistiche ufficiali riportano che 2.000 aborti vengono commessi ogni giorno nel paese.

I comunisti hanno liberalizzato le leggi sull’aborto in tutta l’ex Unione Sovietica. L’aborto divenne così comune che servì molte donne come controllo delle nascite. Dopo la caduta del comunismo, i leader civili e la gerarchia ecclesiastica hanno dovuto rieducare la cittadinanza nel tentativo di sradicare la cultura della morte.

Per il momento, la Russia rimane tra i leader mondiali dell’aborto pro capite.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Uno sguardo sull’islam politico. Recensione al testo di Marie Thérès Urvoy “Islamologie et monde islamique”

      islam di Stefano Fontana. Il mondo cattolico affronta il problema dell’islam soprattutto dal punto di vista del dialogo interreligioso. La crescente presenza di musulmani nei Paesi di antica tradizione cristiana impone però di esaminare il mondo islamico anche dal punto di vista strettamente sociale e politico, cosa diversa, anche se non contraria, alla prospettiva del dialogo interreligioso. Per farlo, i cattolici dovranno utilizzare la Dottrina sociale della Chiesa che, quindi, si trova davanti ad un nuovo compito, quello di esaminare la dimensione politica della religione islamica e di valutarla non solo in rapporto alla visione politica dell’occidente cristiano, che può avere elementi di diversità dal cristianesimo anche se, in qualche modo, da esso deriva, ma proprio in rapporto al proprio corpo dottrinale. Leggi il seguito… 

    • Esiste dunque un magistrato a Roma

      coppia-gay-con-figlio di Centro Studi Livatino. Riprendendo il titolo di una famosa opera di Bertold Brecht, siamo particolarmente lieti di pubblicare l’atto con cui la Procura della Repubblica di Roma, nella persona dei pubblici ministeri, dr.ssa Maria Monteleone e Stefano Pizza, impugna la trascrizione, disposta dal Sindaco della Capitale, dell’atto di nascita di una minore, iscritta come figlia di due “padri”, che avevano fatto ricorso alla pratica della maternità surrogata.   Si tratta di un provvedimento pregevole, per più ragioni: Leggi il seguito… 

    • Pro life e pro family si alleano in Senato

      gandolfini-intergruppo-parlamentare di Tempi. Il 18 settembre a Palazzo Madama oltre 150 senatori hanno aderito all’intergruppo parlamentare per la Famiglia, nato per presidiare e promuovere le istanze più profonde dell’antropologia umana, dalla vita alla libertà educativa, «temi che vanno trattati avendo chiaro il riferimento valoriale della tradizione del popolo italiano e che vanno al di là dell’appartenenza partitica del legislatore». Leggi il seguito… 

    • Di sinodalità si può morire

      sinodo di Stefano Fontana. La nuova Costituzione apostolica "Episcopalis Communio" sembra ratificare un grave equivoco sul significato dei Sinodi, ovvero che siano i sinodi a produrre la verità e non viceversa. Ma oggi il vero problema della Chiesa è l’episcopato, vale a dire la perdita del senso di cosa significhi essere successore degli Apostoli. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.