Il mondo più ricco di sempre

 

 

 

 

Parlano di confini da abbattere, di mondo aperto, di accoglienza; ma io vedo altro. Non vi siete accorti di come l’intero sistema si fondi sulla competizione, sulla lotta per sopravvivere?

Lo studente benestante è super assistito, ha infinite possibilità per recuperare, per lui le occasioni non sono mai finite.

I genitori mettono i bambini in competizione sin dall’asilo, serve per irrobustire il carattere, dicono. La vita è una giungla, meglio abituarsi sin da piccoli. Ma chi ha deciso che la vita è una foresta dove le regole valgono solo per sopraffare il prossimo.

Regole, divieti, eccellenze; a cosa servono? A rendere più aguzzi i denti. Chi non ha denti, o ha ancora i dentini da latte si deve arrangiare.

Non si doveva costruire un mondo cooperativo, una nazione cooperativa, una regione, una città cooperativa; cosa è successo?

Quando l’uomo non conosceva che la lotta per sopravvivere aveva un senso essere abili nel colpire; ma poi è venuta la civiltà è venuto Cristo, anche per chi non crede.

“Non voglio mio figlio frequenti quello; che voti ha a scuola? È un asino, un fannullone. Attenti agli amici, dimmi con chi vai. Hanno tutti paura oggi. Non esiste alcuna solidarietà, chi non lotta è assistito come un malato, non aiutato a crescere. Non ci sono soldi. Ma io dico, ci sono persone che vogliono lavorare, ci sono lavori, e allora?

Trenta insegnanti che fanno recupero quattro giorni in una scuola per tutti gratuitamente. Sarebbe bello, servirebbero. Non ci sono soldi, si dice. Ci sono i lavoratori, ci sono le competenze, ci sono i fruitori del servizio. Allora tirate fuori il denaro e mettetelo al servizio dell’uomo, anziché addestrare i ragazzi alla lotta. L’Europa è un immenso canile dove ventiquattro animali si contendono venti ossa. Ecco giustificata la guerra permanente. E alla battaglia partecipano su invito e con tragitto assistito popoli che fuggono dalla loro storia e dalle loro radici. Passaggio necessario per far credere a tutti che non ci siano risorse, nel mondo più ricco di sempre.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La croce intatta tra le macerie è il segno per salvare l’Europa

      croce-maria-gesu-notre-dame di Giacomo Susca. «Stat crux dum volvitur orbis», la croce resta salda mentre il mondo cambia. È la storia del Cristianesimo racchiusa in cinque parole. Il motto dei certosini non può essere ridotto a uno status da social network, però la comunità cristiana, che vive di simboli, si aggrappa al Simbolo per eccellenza. Quella croce perseguitata, offesa, osteggiata, dileggiata, mercificata, nonostante tutto rimane l'Alfa e l'Omega, il principio quando sembra arrivata l'Apocalisse. Se c'è stato un errore di valutazione nel commentare nell'immediatezza la catastrofe parigina, forse è stato quello di intravedere in un incidente la fine di una cultura o di un sistema di valori. Può crollare il tetto sopra le nostre teste, ma non il pavimento in cui affondano le radici della cristianità Leggi il seguito… 

    • L’eros anarchico e l’ideologia nichilista del Sessantotto. A proposito delle recenti “Note“ di Benedetto XVI

      1968 di Don Samuele Cecotti. Papa Benedetto XVI, nelle sue Note scritte a favore di papa Francesco e dei presidenti delle Conferenze Episcopali riuniti in Vaticano per affrontare lo scandalo pedofilia nella Chiesa e ora pubblicate, individua nella Contestazione Sessantottesca una vera e propria rivoluzione affermatasi tanto nel mondo (occidentale) quanto nella Chiesa. Come Osservatorio abbiamo dedicato al ’68 il numero 3 (2108) del “Bollettino di Dottrina sociale della Chiesa” [leggi] partendo proprio dal riconoscimento della natura rivoluzionaria della Contestazione e sviluppando una attenta analisi circa gli esiti socio-politici di tale rivoluzione nichilista. Leggi il seguito… 

    • Cattolici e Radio Radicale: lo scandalo continua

      radio-radicale di Riccardo Cascioli. Ancora una volta, di fronte all'intenzione del governo di cancellare il truffaldino finanziamento pubblico a Radio Radicale, c'è una mobilitazione generale. E in prima fila come sempre ci sono fette importanti del mondo cattolico. Un gioco di favori e ricatti reciproci, a danno della fede dei semplici. Leggi il seguito… 

    • Se il mondo che disprezza il Medioevo piange per Notre Dame

      croce-maria-gesu-notre-dame di Luca Volontè. Dopo le fiamme a Notre Dame i fautori del politicamente corretto, gli stessi che tacciano di “oscurantismo medievale” coloro che difendono la vita del concepito e il matrimonio, hanno esternato lamenti per la cattedrale fondata nel Medioevo. C’è dell’ironia (e della menzogna) in questo. Ma c’è anche la speranza di una ricostruzione della società, che può avvenire solo tornando a Cristo, come ricordano i fedeli raccoltisi in preghiera a chiedere l’intercessione di Maria Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.