Dopo il voto, il grido di Bruxelles: per carità non riacquistate autonomia!

junker

di Lodovico Festa.

Da Bruxelles un grido: per carità non riacquistate autonomia! C’è però una soluzione che ovunque a Bruxelles viene considerata da evitare (se possibile) è quella di un governo guidato da Matteo Salvini” scrive Federico Fubini sul Corriere della Sera del 7 marzo. Il vero pericolo per il predominio del pur malmesso asse carolingio è che l’Italia riacquisti una sua pur parziale (limitata dalle necessarie istituzioni) autonomia nazionale, cosa che probabilmente è evitabile se la palla passa in mano ai caotici grillini, ma non se cresce il peso di forze politiche che esprimono una borghesia che vuole riacquisire un ruolo nazionale e ceti popolari che sostengono questo obiettivo.  Alla fine potrebbe contare il fatto che tra i vari influenti ambienti americani che giocano nella nostra penisola (vedi per esempio Sergio Marchionne), ve ne siano anche di consistenti che non vedono male una ripresa di autonomia nazionale italiana.

Borghesia compradora in movimento. I 5 Stelle non fanno paura, valutiamo i provvedimenti, stiamo parlando di partiti democratici” così un lancio Ansa del 5 marzo riporta le parole del presidente di Confindustria Vicenzo Boccia. Il tipografo napoletano che oggi rappresenta gli imprenditori italiani ha ragione e buon senso nel non voler drammatizzare e nel non voler mostrificare i grillini. Ma la sua tempestiva presa di posizione ha un chiaro senso politico ed esprime i sentimenti dei minimi resti di un establishment che un tempo aveva giganti come Angelo Costa, Gianni Agnelli, Leopoldo Pirelli, Enrico Cuccia, Raffaele Mattioli, Luigi Lucchini, Guido Carli e ora ha al suo centro esponenti di quella che si può definire una borghesia compradora (ben rappresentate da Romano Prodi con i suoi eredi nel Pd e i suoi amichetti in Eni e Finmeccanica-Leonardo, e  da Luca Cordero di Montezemolo con il suo discepolo Carlo Calenda), interessata a scambiare fettine di potere personale (innanzi tutto economico) con la costante crescita di influenze straniere, anomale rispetto alla realtà delle altre grandi nazioni  europee.  Il taxi di un movimento con vastissimo consenso ma senza chiare basi sociali nazionali autonome e dunque molto condizionabile, può essere per questo minimo establishment (e per i suoi diversificati referenti internazionali) una ghiotta occasione per proseguire nella propria opera, appunto compradora.

Rappresentanza tra delusione ed elusione. Delusione della rappresentanza trasformata in rabbia e risentimento”. Così scrive Ezio Mauro sulla Repubblica del 7 marzo. Rispetto a tanti suoi interventi prevalentemente faziosi, l’ex direttore repubblicone svolge dopo il voto del 4 marzo una riflessione più matura, centrando la questione della rappresentanza come quella centrale. Nella società italiana vi è rabbia e risentimento certamente per la delusione sulle forme della rappresentanza: il successo dei grillini nasce dalla campagna contro la casta politica condotta nel 2007 dalla casta montezemoliana, e questa è la base della delusione attuale. Ma rabbia e risentimento esplodono non per una delusione verso la rappresentanza ma per l’elusione di questa grazie al quartetto di presidenti del Consiglio (Monti-Letta-Renzi-Gentiolini) a scarsa legittimità popolare (perfettamente legali nella forma ma con scarsa base politica popolare). E oggi la delusione non è superabile se insieme non si rinuncia all’elusione della rappresentanza popolare.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Pro life e pro family si alleano in Senato

      gandolfini-intergruppo-parlamentare di Tempi. Il 18 settembre a Palazzo Madama oltre 150 senatori hanno aderito all’intergruppo parlamentare per la Famiglia, nato per presidiare e promuovere le istanze più profonde dell’antropologia umana, dalla vita alla libertà educativa, «temi che vanno trattati avendo chiaro il riferimento valoriale della tradizione del popolo italiano e che vanno al di là dell’appartenenza partitica del legislatore». Leggi il seguito… 

    • Di sinodalità si può morire

      sinodo di Stefano Fontana. La nuova Costituzione apostolica "Episcopalis Communio" sembra ratificare un grave equivoco sul significato dei Sinodi, ovvero che siano i sinodi a produrre la verità e non viceversa. Ma oggi il vero problema della Chiesa è l’episcopato, vale a dire la perdita del senso di cosa significhi essere successore degli Apostoli. Leggi il seguito… 

    • Il fronte parlamentare contro la “deriva antropologica”

      fronte-parlamentare-contro-deriva-antropologica di Federico Cenci. Un fronte, costituito da esponenti di partiti diversi, che ha l’obiettivo di arginare la“deriva antropologica”. Così può essere definito l’Intergruppo parlamentare “Famiglia e Vita”, che è stato presentato stamattina in Senato. Posto in linea di continuità con un gruppo analogo sorto nel corso della scorsa legislatura, esso nasce sotto l’egida del Family Day. Leggi il seguito… 

    • L’agenda è già scritta, il Sinodo diventa solo un pretesto

      sinodo-giovani-ottobre-2018 di Stefano Fontana. Dalle nomine così unilaterali per il prossimo Sinodo sui Giovani emerge la volontà di determinare fin da subito l’esito dell'assise dei vescovi. Una conferma che in realtà, oggetto del Sinodo non siano i giovani ma nuove aperture moderniste nel campo della morale sessuale, in modo particolare delle relazioni sessuali prematrimoniali e della contraccezione. Potremmo parlare di Sinodi “pretesto”, o di Sinodi “strumentali” per raggiungere un qualche fine già stabilito prima. Il Sinodo potrà auspicabilmente anche rimanere nel vago, dire e non dire, aprire le questioni anziché chiuderle. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.