Cattolici “contro” Mario Adinolfi: “Decisivo in quattro collegi”

adinolfi-pdf

di Giuseppe Aloisi.

Mario Adinolfi e il suo “Popolo della Famiglia” avrebbero tolto voti preziosi al centrodestra e favorito, quindi, la vittoria in alcuni collegi di parlamentari del centrosinistra o del MoVimento 5 Stelle.

L’universo cattolico italiano è in fermento dopo le consultazioni politiche, specie per la mancata elezione di molti esponenti considerati vicini alle posizioni pro life e pro familyEugenia Roccella, ad esempio, non siederà in Parlamento durante la prossima legislatura. Federico Iadicicco, “campione” pro vita di Fratelli d’Italia, nonostante il risultato conseguito, è stato battuto da Emma Bonino nel collegio valevole per il Senato di Roma Gianicolense 1.

Prescindendo da questi due casi, però, sarebbero almeno quattro i seggi nei quali, a causa dei consensi ottenuti dal Pdf, il centrodestra sarebbe capitolato in favore del Pd o dei grillini. “Gli episodi – ha scritto Andrea Zambrano su La Nuova Bussola Quotidiana – appartengono tutti al Senato. A Torino ad esempio nel collegio Uninominale Statistica 61 il Pd con Mauro Antonio Donato Laus ha vinto di misura sul candidato di Centrodestra Paola Gobetti. Tra loro appena mille voti di scarto, 105.829 a 104.804. Il candidato del Pdf in quel collegio ha totalizzato 1.969 consensi. Sgomberiamo il campo da malizie elettorali o strategie di fuoco amico, ma è ipotizzabile pensare che buona parte dei quei voti confluiti nel Pdf provenissero dalla coalizione di Centrodestra: per battere il Pd ne sarebbero bastati anche solo la metà”. Medesima situazione, poi, sarebbe riscontrabile a Modena, in un collegio delle Marche e per quello di Roma Collatino. Ma non solo: l’ex esponente del Partito Democratico, sostenendo Sergio Pirozzi come governatore della Regione Lazio, avrebbe contribuito alla vittoria di Nicola Zingaretti.

Ecco, allora, spuntare critiche e un altro pezzo al vetriolo “contro” l’operato politico di Adinolfi. “Saputello”, attraverso questo articolo pubblicato sul sito Libertà e Persona, ha sottolineato l’apporto elettorale del pokerista al sindaco di Amatrice: “Ha dato il proprio supporto a Pirozzi. Sia dichiarandolo su facebook (“lo aiuteremo”), sia facendo piazzare in lista, al secondo posto su 31, la figlia Livia: un po’ Popolo per la Famiglia e un po’ Popolo Tengo Famiglia”. E ancora: “Un triplo capolavoro pertanto dato che il leader del Pdf ha concorso a far vincere Zingaretti (sostenendo un candidato con zero possibilità di vittoria), ha fatto candidare la figlia piazzandola nella lista di un candidato che dalla sua aveva i repubblicani…”. Nicola Zingaretti, insomma, che non è certo noto per essere un sostenitore delle ragioni dei cattolici, sarebbe stato favorito dal supporto dato da Mario Adinolfi a “Lo Scarpone”. Difficile, per ora, analizzare il peso effettivo di tutti i casi evidenziati. Di certo c’è solo che alcuni cattolici stanno in qualche modo accusando Adinolfi di “tradimento” politico.

Fonte: il Giornale

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Tutti eredi di Sturzo. Ma c’è poco di cui rallegrarsi

      luigi_sturzo di Stefano Fontana. La statura morale e intellettuale di don Luigi Sturzo è indiscutibile, ma gli esiti di quel suo "appello ai liberi e forti" di cento anni fa sono tutt'altro che positivi: è iniziato allora il cammino di un progressivo distacco del criterio della fede dalla politica. Vedere oggi i tanti - anche di opposte visioni - che vogliono far rivivere quell'esperienza con nuovi appelli "ai liberi e forti" non può non lasciare perplessi. Leggi il seguito… 

    • ll ’68, sfida per i cattolici oggi. La lezione di Del Noce

      del-noce di Luca Del Pozzo. Tra le tante letture critiche di quel ‘68 che ha rappresentato, come ebbe a dire Benedetto XVI, una vera e propria “cesura storica”, un posto a parte merita quella di Augusto Del Noce. Tanto il marxismo quanto la società tecnocratica quanto il ’68 ponevano quella per Del Noce era “la” questione innanzi alla quale i cattolici erano (e sono) chiamati a dire la loro: la questione antropologica. Leggi il seguito… 

    • “Ecco chi raccoglie l’eredità di don Luigi Sturzo…”

      luigi_sturzo di Federico Cenci. È passato un secolo da quando un giovane sacerdote siciliano, don Luigi Sturzo, pronunciò il celebre appello destinato a cavare una massiccia sacca elettorale dalle paludi del "non expedit". Dopo decenni in cui i cattolici italiani, su indicazione di Pio IX, avevano rifiutato lo Stato unitario e la partecipazione alle elezioni, il Partito Popolare Italiano offrì loro una forza in cui riconoscersi.  Della possibilità di tener viva l'eredità popolare e democristiana se ne discute oggi alla Camera, nel corso della conferenza “1919-2019. Popolari oggi, da Sturzo al nuovo millennio”. La relazione introduttiva è affidata a Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2. In Terris lo ha intervistato per conoscere uno dei diversi punti di vista sul tema Leggi il seguito… 

    • Convegno a Palermo dedicato ai “40 anni della Legge 194/78”

      palermo-convegno-194 di Paolo Piro. Sabato 1 dicembre 2018, a Palermo, l’associazione Società Domani ha promosso un convegno intitolato “A 40 ANNI DELLA LEGGE 194/78, Storia Valutazioni Prospettive”. Tre ore di intenso scambio culturale con il pubblico che ha gremito la sala “Dei Normanni” dell’NH Hotel al Foro Italico di Palermo. Circa quattrocento persone hanno seguito relazioni e testimonianze di: Movimento per la Vita, Medici Cattolici Italiani, Centro Aiuto alla Vita di Palermo, Forum Vita Famiglia Educazione, Forum delle Associazioni Familiari, Guide e Scout San Benedetto, Avulss e Cesvop. Il tema è stato affrontato in chiave storica, giuridica, medico scientifica, morale e culturale. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.