Tra droga e immigrazione, da Macerata uno spaccato di un’Italia lacerata e in crisi

bandiera-ita

di Carlo Giovanardi.

Quello che è accaduto in questi giorni a Macerata rappresenta lo scenario di un’Italia lacerata e in crisi, con nell’aria una miscela esplosiva che può deflagrare in ogni momento. La diciottenne innocente italiana, il cui corpo è stato fatto a pezzi, era vittima di una dipendenza dalle sostanze che le avevano già rovinato la vita; lo spacciatore nigeriano non doveva e non poteva stare in Italia così come non dovrebbero stare in Italia migliaia di extracomunitari che vivono di espedienti e di delitti; l’attentatore italiano, nella sua follia, si è sentito un vendicatore, trasformando la responsabilità personale di un extra comunitario in un odioso e vile atto di razzismo che lo ha spinto a sparare nel mucchio.

E’ uno spaccato dell’Italia di oggi, dove sui social si è tentato di dare la colpa della morte della ragazza alla comunità di recupero che le ha permesso di allontanarsi (mentre per legge non poteva fare altro) e non a chi spaccia e a quelli che continuano a spiegare che drogarsi non fa male anzi che il consumo di droga va legalizzato. E’ lo spaccato di un’Italia nella quale, anche dalle cattedre più alte, civili e religiose, si continua a sostenere un’accoglienza indiscriminata senza se e senza ma, dimenticando che se è vero che “ogni uomo è mio fratello” ci sono gli Abele e ci sono i Caino, già così numerosi questi ultimi fra gli italiani senza il bisogno di importarne anche fra gli extra comunitari. E’ uno spaccato di un’Italia dove la rabbia e la frustrazione di chi, soprattutto nelle periferie, è costretto a convivere con degrado e criminalità, viene abilmente sfruttata da chi cavalca la protesta alla ricerca di voti.

Una cosa soltanto è fuori discussione: la politica della sinistra nei confronti del problema dell’emigrazione non soltanto è stata fallimentare per il passato ma lo sarà ancora di più per il futuro se non compare nessuna consapevolezza degli errori commessi o cenni ai autocritica per aver portato il Paese in una situazione così drammatica.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Omofobia, la pretesa di pregare per una imposizione

      veglia-omofobia di Stefano Fontana. L’adesione di vescovi alle veglie contro l’omofobia ha qualcosa di incredibile. Sia dal punto di vista dottrinale che pastorale. Il concetto di omofobia è ideologico e come si può fare una veglia contro qualcosa di ideologico? Se guardiamo poi alla realtà intorno a noi, ci chiediamo dove sia tutta questa omofobia contro la quale alcuni vescovi si sentono chiamati a presiedere veglie di preghiera. Oggi, al contrario, ad essere discriminata è l’eterosessualità. Leggi il seguito… 

    • Omo-benedizioni, la condanna di Schneider

      athanasius-schneider di Marco Tosatti. “Impartire una benedizione a una coppia omosessuale significa benedire il peccato non solo degli atti sessuali fuori del matrimonio, ma quello di atti sessuali fra persone dello stesso sesso, cioè benedire il peccato della sodomia, che è considerato da quasi tutta la storia umana e dall’intera tradizione cristiana come un peccato che grida al cielo". Così il vescovo Athanasius Schneider Leggi il seguito… 

    • Sfatiamo i falsi miti sull’Italia delle banche (VIDEO)

      malvezzi di Byoblu. È vero che le nostre banche e la nostra economia sono talmente malridotte che è necessario intervenire per salvarle, stravolgerle, commissariarle? E se non è vero, perché allora vogliono farcelo credere? In 29 diapositive piene di dati e grafici, Valerio Malvezzi, cofondatore di WinTheBank e professore a contratto dell'Università di Pavia, ribalta il tavolo e capovolge la propaganda mainstream. Leggi il seguito… 

    • La “guerra” per immagini che mette a nudo il totalitarismo

      manifesto-prolife di Andrea Zambrano. Il deciso cambio di strategia dei movimenti pro family e pro life in fatto di campagne comunicative sta provocando una reazione liberticida da parte delle istituzioni. Che si tratti di uffici comunali che ritirano le immagini, come nel caso del manifesto di CitizenGo che ricorda che l’aborto è la prima causa di femminicidio o di Procure della Repubblica sollecitate come nel caso della gigantografia di ProVita che fa memoria a tutti i passanti di essere stati un embrione, poco importa. Leggi il seguito…