Tra droga e immigrazione, da Macerata uno spaccato di un’Italia lacerata e in crisi

bandiera-ita

di Carlo Giovanardi.

Quello che è accaduto in questi giorni a Macerata rappresenta lo scenario di un’Italia lacerata e in crisi, con nell’aria una miscela esplosiva che può deflagrare in ogni momento. La diciottenne innocente italiana, il cui corpo è stato fatto a pezzi, era vittima di una dipendenza dalle sostanze che le avevano già rovinato la vita; lo spacciatore nigeriano non doveva e non poteva stare in Italia così come non dovrebbero stare in Italia migliaia di extracomunitari che vivono di espedienti e di delitti; l’attentatore italiano, nella sua follia, si è sentito un vendicatore, trasformando la responsabilità personale di un extra comunitario in un odioso e vile atto di razzismo che lo ha spinto a sparare nel mucchio.

E’ uno spaccato dell’Italia di oggi, dove sui social si è tentato di dare la colpa della morte della ragazza alla comunità di recupero che le ha permesso di allontanarsi (mentre per legge non poteva fare altro) e non a chi spaccia e a quelli che continuano a spiegare che drogarsi non fa male anzi che il consumo di droga va legalizzato. E’ lo spaccato di un’Italia nella quale, anche dalle cattedre più alte, civili e religiose, si continua a sostenere un’accoglienza indiscriminata senza se e senza ma, dimenticando che se è vero che “ogni uomo è mio fratello” ci sono gli Abele e ci sono i Caino, già così numerosi questi ultimi fra gli italiani senza il bisogno di importarne anche fra gli extra comunitari. E’ uno spaccato di un’Italia dove la rabbia e la frustrazione di chi, soprattutto nelle periferie, è costretto a convivere con degrado e criminalità, viene abilmente sfruttata da chi cavalca la protesta alla ricerca di voti.

Una cosa soltanto è fuori discussione: la politica della sinistra nei confronti del problema dell’emigrazione non soltanto è stata fallimentare per il passato ma lo sarà ancora di più per il futuro se non compare nessuna consapevolezza degli errori commessi o cenni ai autocritica per aver portato il Paese in una situazione così drammatica.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La giunta Appendino vieta il bus anti-gender

      bus-liberta di Elena Barlozzari. Secondo l’assessore grillino l’iniziativa sarebbe in contrasto con una mozione del consiglio comunale. Quella con cui sindaca e giunta si sono impegnate “a non concedere spazi o suolo pubblico a coloro i quali non garantiscono di rispettare i valori sanciti dalla Costituzione, professando e praticando comportamenti fascisti, razzisti, omofobi, transfobici e razzisti”. È bastato evocare lo spauracchio del fascismo ed i suoi corollari per ottenere il ritiro immediato dell’autorizzazione. Leggi il seguito… 

    • Il prestigio internazionale del maggiordomo Gentiloni

      gentiloni di Lodovico Festa. Paolo Gentiloni si fa fregare ogni volta che incontra Emmanuel Macron (dalla Libia all’Egitto, dalla Difesa comune europea alla Fincantieri e così via), va a Berlino e Angela Merkel gli chiede di tornare una settimana dopo perché è impegnata, riceve Recep Tayyip Erdogan con tutti gli onori e quest’ultimo sequestra una nave dell’Eni, gli bocciano Pier Carlo Padoan come presidente dell’Ecofin, la Whirpool ci tratta come dei poveracci senza peso politico, i franco-tedeschi ci imbrogliano sull’Ema per favorire i ben più importanti olandesi Leggi il seguito… 

    • La civiltà della vita e la secolarizzazione del diritto. Conferenza dell’arcivescovo Giampaolo Crepaldi a Milano

      crepaldi_conferenza di Stefano Fontana. Lunedì 19 febbraio l’arcivescovo Giampaolo Crepaldi, vescovo di Trieste e presidente dell’Osservatorio cardinale Van Thuân, ha tenuto a Milano una conferenza su invito del Centro Studi Livatino sul tema “Civiltà della vita e legislazioni che la minacciano” Leggi il seguito… 

    • Francia, vittime dell’antisemitismo islamico

      antisemitismo-in-francia di Lorenza Formicola. Per le strade francesi la parola "ebreo" scritta sulle saracinesche dei negozi e dei ristoranti ebraici, si diffonde sempre di più. Graffiti su dimore private e lettere minatorie per costringere intere famiglie a trasferirsi si moltiplicano. Gli ebrei stanno abbandonando la Francia, le loro case, per trasferirsi in quartieri più sicuri o all'estero. La nuova pulizia etnica targata islam è in corso. Leggi il seguito…