Tra droga e immigrazione, da Macerata uno spaccato di un’Italia lacerata e in crisi

bandiera-ita

di Carlo Giovanardi.

Quello che è accaduto in questi giorni a Macerata rappresenta lo scenario di un’Italia lacerata e in crisi, con nell’aria una miscela esplosiva che può deflagrare in ogni momento. La diciottenne innocente italiana, il cui corpo è stato fatto a pezzi, era vittima di una dipendenza dalle sostanze che le avevano già rovinato la vita; lo spacciatore nigeriano non doveva e non poteva stare in Italia così come non dovrebbero stare in Italia migliaia di extracomunitari che vivono di espedienti e di delitti; l’attentatore italiano, nella sua follia, si è sentito un vendicatore, trasformando la responsabilità personale di un extra comunitario in un odioso e vile atto di razzismo che lo ha spinto a sparare nel mucchio.

E’ uno spaccato dell’Italia di oggi, dove sui social si è tentato di dare la colpa della morte della ragazza alla comunità di recupero che le ha permesso di allontanarsi (mentre per legge non poteva fare altro) e non a chi spaccia e a quelli che continuano a spiegare che drogarsi non fa male anzi che il consumo di droga va legalizzato. E’ lo spaccato di un’Italia nella quale, anche dalle cattedre più alte, civili e religiose, si continua a sostenere un’accoglienza indiscriminata senza se e senza ma, dimenticando che se è vero che “ogni uomo è mio fratello” ci sono gli Abele e ci sono i Caino, già così numerosi questi ultimi fra gli italiani senza il bisogno di importarne anche fra gli extra comunitari. E’ uno spaccato di un’Italia dove la rabbia e la frustrazione di chi, soprattutto nelle periferie, è costretto a convivere con degrado e criminalità, viene abilmente sfruttata da chi cavalca la protesta alla ricerca di voti.

Una cosa soltanto è fuori discussione: la politica della sinistra nei confronti del problema dell’emigrazione non soltanto è stata fallimentare per il passato ma lo sarà ancora di più per il futuro se non compare nessuna consapevolezza degli errori commessi o cenni ai autocritica per aver portato il Paese in una situazione così drammatica.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Assunta, una madre per la Dottrina sociale

      Assunzione Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Maria Assunta in Cielo in anima e corpo può essere considerata la Madre della Dottrina sociale della Chiesa. Lo stesso si può dire, del resto, per Maria Immacolata. Le proclamazioni dei due dogmi da parte di Pio XII nel 1950 e di Pio IX nel 1854 possono essere considerate fondative dei motivi ultimi dell’esistenza della Dottrina sociale della Chiesa. Qualcuno sorriderà a questa mia affermazione, ma non avrebbero certo sorriso i molti cattolici che nei decenni si sono impegnati nel campo sociale e politico alla luce delle encicliche sociali Leggi il seguito… 

    • Il primo direttore di giornale di Forza PD è stato nominato, a Rete 4. Quello che distorceva i grafici per Renzi

      gerardo-greco da Scenari Economici. Nominato il primo direttore di Forza PD, Naturalmente in Mediaset. Non poteva essere diversamente, con l’avvicinamento più che evidente fra il partito di Tajani, ex  Berlusconi e quello di Renzi. Il nominato poi è un esempio di garanzia al supporto del realizzando progetto politico Piddin-Forzitaliota, perchè è Gerardo Greco, già conduttore di Agorà su RaiTre, garanzia assoluta di omologazione ai poteri forti, che passò alla storia nel 2016 per il famoso, anzi celeberrimo, “INTORTAMENTO DELLA TORTA” statistica a favore di Renzi. Leggi il seguito… 

    • Amministrare una diocesi, competenze e dottrina

      bilancio-parrocchiale Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Chiesa insegna la sua Dottrina sociale, ma la applica? La domanda non è peregrina e una recente iniziativa dell’Università della Santa Croce ce la ripropone. Come sono amministrate le nostre diocesi? Perché alcune hanno debiti enormi? Perché alcune sono addirittura “commissariate”? Come mai in molti casi truffatori e millantatori trovano credito nei nostri ambienti? Leggi il seguito… 

    • Salvini, tre cose buone dopo la “ribellione” del 4 marzo

      di Stefano Fontana. Nell'intervista alla Nuova BQ il ministro Salvini ha toccato tre punti cari alla Dottrina sociale della Chiesa: immigrazione con criteri, incompatibilità culturale con l'Islam e ricentratura dei temi antropologici. Una novità rispetto al panorama a cui siamo abituati, ma ancora condizionata dalla ribellione del voto del 4 marzo, dalla quale non può nascere qualcosa di organico e di ben definito. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.