Rettifica del PDF. Tutto a posto?

Alla domanda posta sul nostro sito, dietro segnalazione di persone evidentemente vicine al Pdf, riceviamo e pubblichiamo la seguente rettifica:

comunicato-stampa-1

 

Tutto a posto? Non proprio:

1) il “contesto” era presente nei messaggi pubblicati, nei quali militanti del PDf che evidentemente stavano a Torino e non a Roma, manifestavano la volontà di sostenere il bus della libertà, non in alternativa al viaggio romano, ma, evidentemente, perchè intenzionati a non lasciare la propria città (nessuno insomma aveva chiesto: “che, invece di andare a Roma, stiamo a casa e sosteniamo il bus?”); 2) le parole non sono state attribuite da noi a Mario Adinolfi, ma da qualche suo militante del PDF Piemonte evidentemente accreditato (non avrebbe altrimenti scritto a tutti i membri della chat il volere, vero o presunto, di Adinolfi stesso); 3) l’insistenza con cui si parla del PDf come l’ “unica opzione possibile“, quasi si trattasse di un dogma, spinge a ricordare che probabilmente non di opzione si tratta, ma di voto inutile.

Se il Pdf si fosse alleato con il centro destra, avrebbe certamente ricevuto più voti, essendo chiaro il suo perimetro di riferimento e divenendo più probabile l’utilità del voto medesimo. Il tentativo di spiegare il mancato accordo con il nuovo ritornello: “faremo saltare le larghe intese“, aumenta i sospetti sull’incapacità di capire la realtà che stiamo vivendo.

Come potrebbero 20 deputati, in caso di un superamento del 3 per cento, impedire le larghe intese? Come possono essere decisivi 20 deputati su circa 1000? La verità rischia di essere un’altra: essendovi molti collegi in bilico, i voti del Pdf sottratti ai candidati pro life di centro destra, come Federico Iadicicco a Roma o Giancarlo Cerrelli a Crotone, potrebbero impedire al centro destra di raggiungere da solo la maggioranza, spingendo così alle larghe intese, e non evitandole! Infatti è evidente che le larghe intese non ci saranno solo e soltanto se il centro destra vincerà le elezioni.

Altrimenti avremo una delle seguenti opzioni: PD + M5S o PD + Forza Italia +Leu 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Verità senza più diritti, così cambia la dottrina, cari pompieri

      di Stefano Fontana. Molti cattolici dicono che la richiesta di papa Francesco di riconoscere giuridicamente le coppie omosessuali non intacca la dottrina. Ma la frase non nega solo la dottrina sull’omosessualità, ma anche la dottrina del diritto e dell’autorità politica. I diritti della coppia omosessuale non esistono. A nessuno fa piacere dire che il Papa sbaglia su questioni di dottrina. Ma anche la verità ha i suoi diritti. Leggi il seguito…

    • Dopo il Papa, primi vescovi allo scoperto. Serve chiarezza

      di Luisella Scrosati. Le parole di Papa Francesco sulle coppie gay stanno facendo uscire allo scoperto i primi vescovi: «Sì alle adozioni», dice il vescovo Ricchiuti. La Congregazione per la Dottrina della Fede deve intervenire e mettere in fuga ogni dubbio, è il suo compito e c'è anche già un precedente. L’errore di una possibile accettazione da parte della Chiesa delle unioni civili è stato diffuso dal Papa e ora è necessario fare chiarezza. La richiesta della Bussola.  Leggi il seguito…

    • Marcello Pera: “Così Bergoglio ci manda tutti a fondo”

      L'ex presidente del Senato commenta le frasi del Papa sugli omosessuali: “Francesco laicizza la chiesa, si adegua a un caposaldo del pensiero secolare odierno" “Che due omosessuali si uniscano in una relazione non semina scandalo. Si tratta di un rapporto di amore, amicizia, reciproco sostegno, che non deve essere discriminato e ancor meno penalizzato”. Marcello Pera, già presidente del Senato, intellettuale laico che per anni ha dialogato con Joseph Ratzinger, commenta con il Foglio le frasi di Papa Francesco sugli omosessuali contenute nel documentario presentato ieri alla Festa del Cinema di Roma. “Però – puntualizza – se questa unione si chiama ‘famiglia’, allora è un matrimonio, e se è un matrimonio, oltre che un sacramento, è un contratto che gode di tutti i diritti connessi, compreso quello ad avere figli, che nel caso di omosessuali si può soddisfare solo con l’utero in affitto”. Leggi il seguito…

    • Francesco non parlava dei gay ma del loro “diritto al figlio”. Ed è molto peggio

      di Idefix. In un certo senso è vero: papa Francesco non ha detto quello che molti pensano abbia voluto dire. Purtroppo ha detto molto di peggio. Non si tratta “soltanto” dell’invito al riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali, fatto già abbastanza clamoroso per un Pontefice. Tantomeno si tratta del riferimento ai diritti individuali delle persone conviventi, indipendentemente dalla natura del loro rapporto: una legge del genere verrebbe approvata in cinque minuti all’unanimità. Men che mai le incaute dichiarazioni rilanciate dal documentario presentato in queste ore possono essere derubricate come una preoccupazione per il diritto degli omosessuali a non essere rifiutati dalla propria famiglia d’origine (ci mancherebbe). Leggi il seguito…