Intervista a Sara Fumagalli, volto “missionario” della Lega

sudanIn Sudan

Sara Fumagalli è candidata alle regionali nella circoscrizione provinciale di Milano. Impegnata in politica sin da giovane, nel 2002, al ritorno da un viaggio a Medjugorje ritrova la fede di quando era bambina (scout e lettrice de Il Piccolo missionario) ed entra nell’associazione Umanitaria Padana Onlus

(fondata dall’attuale assessore alla Sanità della Liguria, la leghista Sonia Viale), che la porta a realizzare numerosi progetti di carità: il progetto “In Soccorso dei Popoli” nei Paesi devastati da calamità naturali; “Pronto Intervento Missioni” a sostegno delle missioni e delle chiese locali in tutto il mondo; “S.O.S. Cristiani” in aiuto delle minoranze cristiane in difficoltà; “Nuove Povertà” in soccorso di persone o famiglie che, a causa della crisi o di eventi imprevedibili, si trovano precipitate di colpo dal benessere alla disperazione.

Come coordinatrice delle missioni dell’Umanitaria Padana Onlus, guida personalmente le numerose missioni in Iraq, Afghanistan, Nord-Est Sri Lanka, Sudan-Darfur-Sud Sudan, Kosovo, Terra Santa, Libano, Bosnia Herzegovina, Haiti, Pakistan, Libia, Etiopia, Somalia e Siria ma anche a livello nazionale, nelle emergenze provocate da terremoti e alluvioni.

sarafFumagalli in Pakistan nel 2013

Dal 2006 coordina tutta l’attività umanitaria della Onlus, che abbraccia, oltre ai Paesi suddetti, molte altre realtà in Africa, Europa, Asia e America Latina. Nel 2011, a Cascia, ottiene il Riconoscimento Internazionale Santa Rita, “per l’impegno a portare la pace nei luoghi ove regna la guerra”. Dal Febbraio 2012 è presidente onorario dell’Associazione Pakistani Cristiani in Italia.

Forte da sempre anche il suo impegno in difesa della famiglia: “Mai come ora la sinistra alleanza tra tecnica e ideologia ha il potere di stravolgere l’uomo nella sua identità sessuata e nella sua essenza più intima, riducendo la nascita ad un assemblaggio in laboratorio (con relativi scarti di altre vite), la famiglia ad un retaggio opzionale e forse anche superato, l’educazione ad uno sforzo collettivo per rescindere il legame primordiale (e ineliminabile!) con una madre e un padre. Il mondo nuovo immaginato dallo scrittore britannico Aldous Huxley non è poi così lontano“.

fuma

Fumagalli, le battaglie laiche della Lega per la vita, la famiglia e i bambini non sono una novità, vero?

Nel suo programma per le elezioni politiche 2018, la Lega afferma che “la famiglia è la società naturale fondata sull’unione tra uomo e donna”, affermando di conseguenza che “gli unici riferimenti ammessi saranno quelli a ‘madre’, ‘padre’, ‘marito’ e ‘moglie’. Non saranno ritenuti validi né in alcun modo ammessi termini generici come ‘genitore 1’ o ‘genitore 2’”.

Tale posizione non è estemporanea, come conferma la lunga opposizione della Lega contro i progetti volti a scardinare vita e famiglia e senza limitarsi alla pur doverosa azione in ambito parlamentare. Correva l’anno 2000, quando nessuno aveva ancora sentito parlare di ideologia gender, ma già i mass-media puntavano ad inoculare modelli culturali “alternativi” a suon di “innocue” fiction i cui primi destinatari erano proprio famiglie e… bambini. Per vigilare su questa colonizzazione ideologica, nell’ambito della Lega, fondavo ProCreaA, sigla di “Proteggere e Crescere con Amore”, allo scopo – come leggiamo nello statuto – di “difendere i bambini dalle aggressioni e dalle degenerazioni che attentano alla loro sana ed equilibrata crescita fisica, psichica, affettiva e sociale indotte dalla comunicazione di massa, dalla globalizzazione e dal mondialismo”.

irakIn Irak

Con quali obiettivi?

In particolare, ProCreA si proponeva di adottare “iniziative contro la propaganda palese o subdola di modelli distorti di comportamento umano o sociale difformi al diritto naturale”, nonché la “difesa della famiglia naturale, fondata sulla comunione stabile di un uomo e di una donna, al fine di tutelare le normali condizioni ambientali di crescita dei bambini”. In un’intervista spiegavo: “innanzitutto, ci poniamo come associazione di vigilanza su quanto viene trasmesso dalle emittenti televisive: abbiamo visto che dallo scandalo dei Gay pride a oggi, sembra che nel mondo televisivo si sia innalzato il limite del comune senso del pudore”.

fumagalli-2Adesione al Family day del 2016

Tra gli aderenti c’era Umberto Bossi?

Sì, fu lui, su segnalazione di ProCreA, a far ritirare a Berlusconi dal palinsesto Mediaset la serie animata I Griffin in cui un bambino voleva uccidere la mamma. C’erano anche Matteo Salvini, attuale candidato premier per la Lega, Matteo Mauri, Giancarlo Giorgetti e Attilio Fontana, candidato alla presidenza della Regione Lombardia. Diciassette anni fa le persone che attualmente si preparano a guidare il Paese e la Regione erano dunque già consapevoli di quella battaglia politica e culturale, che dal piano ideologico si declina su quello umano, anzi puntando direttamente all’uomo stesso. Se nei passati decenni si scontravano idee, concezioni differenti dello Stato o dell’economia, attualmente al centro del dibattito si fanno sempre più pressanti i temi della vita (o della morte) e della famiglia, che qualcuno vorrebbe rimodulare secondo nuove concezioni le cui innumerevoli sfumature prescindono tutte da un dato essenziale: ogni bambino nasce da un maschio e da una femmina, ovvero da un papà e da una mamma.

sara

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La vera fraternità oltre l’ideologia della fratellanza. Sulla conferenza di Stefano Fontana al Convegno “Poveri tutti”

      di Silvio Brachetta. Stefano Fontana, durante il convegno Poveri Tutti del 18 novembre scorso [qui], ha parlato sul tema “La vera fraternità oltre l’ideologia della fratellanza”. A seguito dell’enciclica Fratelli Tutti di Papa Francesco, Fontana si era già espresso sulla fratellanza [qui], come pure Silvio Brachetta in un articolo per l’Osservatorio [qui]. Fontana parla di due visioni della fraternità, a cominciare dall’avvento della modernità – cioè dall’Umanesimo e dal Rinascimento – che si sono imposte nella cultura e nella civiltà: la visione cattolica e la visione mondana. Leggi il seguito…

    • Francesco e la dottrina: i cambiamenti ci sono

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Molti si interrogano se ci sia continuità tra la Dottrina sociale della Chiesa insegnata da papa Francesco e quella insegnata fino a Benedetto XVI. La Laudato si’ e la Fratelli tutti (ma anche l’esortazione Evangelii Gaudium) sono in linea con la Centesimus annus e la Caritas in veritate? La tendenza prevalente nei commentatori è di pensarle in continuità, sia perché spiace dover constatare che quanto i papi dicevano ieri oggi venga detto in modo diverso o addirittura negato, sia perché il criterio della “riforma nella continuità”, suggerito da Benedetto XVI nel 2005, viene adoperato spesso in modo largo. Così si sostiene che le eventuali discontinuità sono di ordine pastorale e non dottrinale e che come tali non impegnano l’autorità magisteriale del papa. Spesso però questa via altro non è che una scappatoia per aggirare il problema, dato che oggi i principali cambianti dottrinali avvengono proprio per via pastorale. Leggi il seguito…

    • Francesco, la proprietà privata e la Teologia della Liberazione che non piace a Ratzinger (ma piace alle élite mondialiste)

      di Vito de Luca. Dopo le ultime affermazioni di papa Francesco, in cui afferma, rivolto ai giudici di Africa e America Latina che si occupano di diritti sociali, che il diritto alla proprietà privata non è intoccabile – in quanto diritto secondario – appare difficile allontanare dal pontefice l’aura di esponente della Teologia della Liberazione. Un po’ di storia, tanto per intenderci meglio, su questo filone dottrinario, in quanto nulla viene dal nulla. Leggi il seguito…

    • Divorzio, la “conquista” che sfasciò famiglia e società

      di Gianfranco Amato. Non c'è nulla da festeggiare per i 50 anni della legge sul divorzio: ha costituito il primo passo della rivoluzione antropologica che stiamo tuttora vivendo. L’indissolubilità del matrimonio era la linea Maginot di quella società che era ancora in grado di mantenere e garantire una certa solidità. La profezia di Fanfani e gli utili idioti Dc grazie ai quali poi abbiamo avuto anche aborto, unioni gay e prossimamente anche legge sull'omotransfobia.  Leggi il seguito…