Adinolfi ai suoi: “Non sostenete il Bus della Libertà a Torino”. Possibile?

pdf

Sta circolando in diverse chat di WhatsApp, partecipate da centinaia di utenti, uno screenshot preso dal gruppo PDF PIEMONTE in cui si dà conto dell’ordine imposto da Mario Adinolfi ai membri del suo partito a Torino di non sostenere né avvicinarsi al Bus della Libertà di CitizenGO Italia e Generazione Famiglia, al centro in queste ore di un vero scandalo democratico.

Ieri infatti, a meno di 24 ore dalla sosta del mezzo, l’Assessore alle Pari Opportunità e “alle Famiglie” Marco Giusta, già presidente di Arcigay Torino, ha chiesto agli Uffici comunali di revocare la concessione del suolo pubblico già data e che i promotori avevano peraltro già pagato. L’Assessore ha motivato la revoca tacciando la presenza del Bus della Libertà di fascismo, razzismo, omofobia, sessismo.

Un vero e proprio attacco alla libertà di pensiero ed espressione di tutto noi. Ecco perché i militanti del Pdf in città si sono chesti come poter partecipare alla disobbedienza civile annunciata dai promotori, che oggi saranno sul luogo dell’appuntamento nonostante la revoca del Comune.

Ma gli entusiasmi sono stati spenti dal diktat piovuto dall’alto: “Ignorare assolutamente e totalmente“. Possibile mai che Adinolfi si schieri con L’Assessore Arcigay e contro gli amici di CitizenGO e Generazione Famiglia? Oggi si svolgerà a Roma l’assemblea nazionale del Pdf prima del voto del 4 marzo. Ci si augura arrivi presto una smentita di questa micidiale raffica di fuoco amico.

Post scriptum: la segnalazione ci è giunta contemporaneamente da più parti. La abbiamo pubblicata, disponibili, ovviamente, ad ospitare gradite smentite.

 
Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il partito dei vescovi? Un tentativo velleitario

      bassetti di Stefano Fontana. Se ho capito bene, il Forum civico proposto dal cardinale Gualtiero Bassetti vorrebbe riunire attorno ad un tavolo, inteso naturalmente in senso metaforico, le varie realtà dell’associazionismo cattolico del nostro Paese. Vescovi divisi al loro interno su aspetti fondamentali circa la presenza pubblica dei cattolici convocano ad un “Forum civico” associazioni cattoliche divise tra loro e allo stesso loro interno su aspetti fondamentali circa la presenza pubblica dei cattolici. È evidente la sproporzione tra la proposta e le sue esigenze da un lato e la consapevolezza della posta in gioco dall’altro. Di solito i progetti con queste caratteristiche vengono chiamati velleitari Leggi il seguito… 

    • S’avanza il partito dei vescovi, ma sembra il Pd

      cei-assemblea-permanente di Riccardo Cascioli. Da settimane si fanno sempre più insistenti le voci di un tentativo di unire diverse associazioni cattoliche impegnate nel sociale per costituire una nuova formazione politica. Il cardinale Bassetti parla di partire con un forum di associazioni. Di sicuro c'è il programma: più Europa, più immigrati. Un film già visto e destinato al fallimento. Ma negli esempi proposti da Bassetti - Sturzo, De Gasperi, La Pira - si svelano le contraddizioni dei vescovi. Leggi il seguito… 

    • Macron perde pure in Libia. La Francia accetta il piano dell’Italia

      Conte e Haftar di Lorenzo Vita. Con l’arrivo di Khalifa Haftar a Roma, l’Italia ha messo a segno un colpo importante. Non è certo l’unico né l’ultimo, e non è probabilmente il principale. Ma è un segnale: ora il leader della Cirenaica ha a Roma il suo partner principale in Europa. E viceversa, l’Italia ha in Haftar un interlocutore in Libia, e questo dopo mesi in cui il maresciallo è stato forse uno dei principali antagonisti dei piani di Roma nel Paese nordafricano, come dimostrato non solo dai contatti con la Francia, ma anche con l’opposizione alla presenza dell’ambasciatore Giuseppe Perrone, adesso tornato nelle grazie del generale che anzi ne invoca il rientro in Libia. Leggi il seguito… 

    • Questionario omofobia, il ministro Bussetti blocca tutto

      bussetti PERUGIA – “Stop al test sul sesso”. Lo dice senza mezzi termini il ministro all’Istruzione Marco Bussetti, parlando dalle colonne Corriere dell’Umbria in merito al test sull’omofobia che in questi giorni sta facendo discutere ed è stato distribuito presso molte scuole. “Abbiamo parlato con l’Ufficio scolastico regionale – dice Bussetti – e i questionari sono fermi. Li abbiamo bloccati. Abbiamo chiesto di rivederne la formulazione e di cambiare le modalità di realizzazione del progetto”. Leggi il seguito…