Adinolfi ai suoi: “Non sostenete il Bus della Libertà a Torino”. Possibile?

pdf

Sta circolando in diverse chat di WhatsApp, partecipate da centinaia di utenti, uno screenshot preso dal gruppo PDF PIEMONTE in cui si dà conto dell’ordine imposto da Mario Adinolfi ai membri del suo partito a Torino di non sostenere né avvicinarsi al Bus della Libertà di CitizenGO Italia e Generazione Famiglia, al centro in queste ore di un vero scandalo democratico.

Ieri infatti, a meno di 24 ore dalla sosta del mezzo, l’Assessore alle Pari Opportunità e “alle Famiglie” Marco Giusta, già presidente di Arcigay Torino, ha chiesto agli Uffici comunali di revocare la concessione del suolo pubblico già data e che i promotori avevano peraltro già pagato. L’Assessore ha motivato la revoca tacciando la presenza del Bus della Libertà di fascismo, razzismo, omofobia, sessismo.

Un vero e proprio attacco alla libertà di pensiero ed espressione di tutto noi. Ecco perché i militanti del Pdf in città si sono chesti come poter partecipare alla disobbedienza civile annunciata dai promotori, che oggi saranno sul luogo dell’appuntamento nonostante la revoca del Comune.

Ma gli entusiasmi sono stati spenti dal diktat piovuto dall’alto: “Ignorare assolutamente e totalmente“. Possibile mai che Adinolfi si schieri con L’Assessore Arcigay e contro gli amici di CitizenGO e Generazione Famiglia? Oggi si svolgerà a Roma l’assemblea nazionale del Pdf prima del voto del 4 marzo. Ci si augura arrivi presto una smentita di questa micidiale raffica di fuoco amico.

Post scriptum: la segnalazione ci è giunta contemporaneamente da più parti. La abbiamo pubblicata, disponibili, ovviamente, ad ospitare gradite smentite.

 
Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Omofobia, libertà e verità: la lezione di Ruini e Crepaldi

      di Stefano Fontana. Le parole del cardinale Camillo Ruini e dell’arcivescovo Giampaolo Crepaldi a proposito della legge Zan cosiddetta contro l’omotransfobia hanno brillato nel mare di silenzio degli altri vescovi e hanno riproposto con vivacità il modo di ragionare messo a punto da Benedetto XVI. Ambedue gli interventi hanno infatti una chiara impostazione ratzingeriana. Leggi il seguito…

    • I bambini abortiti sono martiri? L’ipotesi si fa strada

      di Ermes Dovico. «Desideriamo sollecitare la Chiesa ad aprire un processo canonico per il riconoscimento del martirio dei bambini uccisi dall’aborto», perché «crediamo che questi bambini abbiano un ruolo importante nell’economia della salvezza». Parla alla Bussola Giovanni Antonucci, fondatore dell’Associazione per la postulazione della causa dei bimbi non nati martiri, fatta da laici e sacerdoti. Alla sua base un’ipotesi teologica che non appare in contrasto con il Magistero. Due i punti principali: il primato della grazia e l’odium fidei rinvenibile nell’ideologia del relativismo. Leggi il seguito…

    • Covid, se i fanatici dell’autodeterminazione ora tifano per il Tso

      di Claudia Passa. “Fare il medico significa anche preoccuparsi per quei due terzi di italiani che non stanno socializzando e sono divisi a metà: ci sono quelli ricchi che stanno a Sankt Moritz, Cortina o a Forte dei Marmi nelle seconde case a fare l’homeworking e poi l’altra metà bloccata in casa a Lorenteggio, o in qualche altro quartiere periferico, impaurito e senza aria condizionata perché qualcuno gli ha detto che se esce muore”. Leggi il seguito…

    • Regno Unito e Belgio, battute d’arresto per l’aborto

      di Luca Volonté. Nel Regno Unito sono naufragati gli emendamenti che miravano a depenalizzare completamente l’aborto e liberalizzare permanentemente l’aborto domestico nei casi di abusi. E intanto la Corte d’Appello ha deciso di accogliere un ricorso di Christian Concern. Sospiro di sollievo anche in Belgio, dove fallisce il progetto di estendere a 18 settimane il tempo per uccidere i bambini in grembo. Leggi il seguito…