Adinolfi ai suoi: “Non sostenete il Bus della Libertà a Torino”. Possibile?

pdf

Sta circolando in diverse chat di WhatsApp, partecipate da centinaia di utenti, uno screenshot preso dal gruppo PDF PIEMONTE in cui si dà conto dell’ordine imposto da Mario Adinolfi ai membri del suo partito a Torino di non sostenere né avvicinarsi al Bus della Libertà di CitizenGO Italia e Generazione Famiglia, al centro in queste ore di un vero scandalo democratico.

Ieri infatti, a meno di 24 ore dalla sosta del mezzo, l’Assessore alle Pari Opportunità e “alle Famiglie” Marco Giusta, già presidente di Arcigay Torino, ha chiesto agli Uffici comunali di revocare la concessione del suolo pubblico già data e che i promotori avevano peraltro già pagato. L’Assessore ha motivato la revoca tacciando la presenza del Bus della Libertà di fascismo, razzismo, omofobia, sessismo.

Un vero e proprio attacco alla libertà di pensiero ed espressione di tutto noi. Ecco perché i militanti del Pdf in città si sono chesti come poter partecipare alla disobbedienza civile annunciata dai promotori, che oggi saranno sul luogo dell’appuntamento nonostante la revoca del Comune.

Ma gli entusiasmi sono stati spenti dal diktat piovuto dall’alto: “Ignorare assolutamente e totalmente“. Possibile mai che Adinolfi si schieri con L’Assessore Arcigay e contro gli amici di CitizenGO e Generazione Famiglia? Oggi si svolgerà a Roma l’assemblea nazionale del Pdf prima del voto del 4 marzo. Ci si augura arrivi presto una smentita di questa micidiale raffica di fuoco amico.

Post scriptum: la segnalazione ci è giunta contemporaneamente da più parti. La abbiamo pubblicata, disponibili, ovviamente, ad ospitare gradite smentite.

 
Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Inizia l’era di Biden, il presidente del compromesso. Mentre Trump già prepara il ritorno in scena: come, si vedrà

      di Vito De Luca. D’accordo, Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti, il 46°, e Donald Trump, il predecessore, è volato al caldo della Florida. Forse “The Donald” fonderà un suo partito, o un movimento, forse rimarrà all’interno del Gop, il Grand Old Party, forse darà vita ad un network tutto suo, forse si ricandiderà alla presidenza degli Stati Uniti nel 2024, forse lo farà uno dei suoi figli. Di sicuro, però, si ha che da un lato Biden sarà, sin da oggi, a partire dalla raffica degli ordini esecutivi sparati immediatamente (tra l’altro, l’unico e autentico potere governativo che hanno i presidenti americani), un presidente anatra zoppa, e dall’altro che Trump non sparirà. Leggi il seguito…

    • Perché la Chiesa ormai fa politica diretta

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. I vertici ecclesiastici sia della Chiesa universale che di quella italiana ormai fanno politica diretta, appoggiano governi e uomini politici, ne condannano altri, sostengono formule politiche a danno di altre o addirittura collaborano a creare nuovi corsi politici. Gli esempi sono molteplici. L’appoggio a Biden, l’odio politico per Trump oppure per Salvini, l’appoggio a suo tempo al governo Monti e ora al governo Conte, il sostegno incondizionato per il governo dell’Unione Europea, la produzione di nuovi soggetti politici come per esempio il partito “Insieme” di Stefano Zamagni, l’invito ai parlamentari cattolici a sostenere un possibile nuovo partito di Conte in cui forse confluirebbe anche “Insieme”. Papa e Vescovi fanno i politicanti, non c’è dubbio. Leggi il seguito…

    • Ettore Gotti Tedeschi: la Scomparsa dei Matrimoni Religiosi in Italia

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, il prof. Ettore Gotti Tedeschi ha scritto per La Verità, che ringraziamo, questa riflessione estremamente interessante sul crollo, in termini numerici, dei matrimoni religiosi. Buona lettura.  Leggi il seguito…

    • Crisi di Governo, il day after. Nuovo bivio per Conte: o allarga maggioranza o punta egli stesso al voto

      di Giuseppe Leonelli. Il day after di Giuseppe Conte e del Governo si apre per il premier con la consapevolezza di avere sì vinto la battaglia del Senato ai punti, ma che il match è ancora in pieno svolgimento. Il presidente del Consiglio esce infatti legittimato a livello istituzionale dal voto di palazzo Madama, ma debolissimo a livello politico. Leggi il seguito…