“A proposito di scuola parentale…”: il 24 febbraio a Rovereto (TN)

scuola_parentale_rovereto_febbraio_gulisano_sermarini

Viviamo un tempo critico sotto tanti punti di vista, non da ultimo quello educativo e scolastico. Crisi che porta molti genitori a chiedersi se la scuola – da quella dell’infanzia, all’istruzione superiore – sia ancora un luogo utileper la crescita umana e formativa dei propri figli, o se sia invece diventata un contesto di dis-educazione ideologizzata.

Data questa situazione, negli ultimi mesi ulteriormente appesantita dall’introduzione dell’obbligo vaccinale, è d’obbligo constatare come siano sempre di più le famiglie che alla scuola decidono di rinunciare, assumendosi in prima persona la responsabilità di istruire i propri figli. Una possibilità che, in Italia, è garantita dagli articoli 30, 33 e 34della Costituzione e che è perfettamente in linea con il principio secondo il quale i genitori sono – e devono rimanere – i primi responsabili dell’educazione dei loro bambini e ragazzi.

Di fronte alla scelta di non usufruire della scuola pubblica, statale o privata che sia, le possibilità rimangono quindi due: la scuola parentale, che prevede una figura docente selezionata dai genitori e un gruppo classe più o meno numeroso; oppure l’Homeschooling, ossia l’educazione impartita a casa dai genitori (solitamente dalla mamma).

A proposito di scuola parentale…

Per cercare di comprendere meglio questi mondi educativi, sempre più diffusi e caratterizzati da un’elevata qualità educativa, ProVita Onlus, l’Associazione culturale “La Torre” e il Coordinamento Famiglie Trentine promuovono una conferenza dal titolo: A proposito di scuola parentale.

Durante la serata interverranno, portando la loro testimonianza diretta:

  • don Stefano Bimbi, in collegamento video, sulla scuola parentale di Staggia Senese
  • Avv. Marco Sermarini, Presidente della Società Chestertoniana, sull’esperienza della scuola libera Gilbert Keith Chesterton di San Benedetto del Tronto, attiva dal settembre del 2008.

A seguire prenderà la parola il dottor Paolo Gulisano, medico e scrittore, sul tema: l’attualità di Chesterton nella libertà educativa.

L’appuntamento è per sabato 24 febbraio 2018 alle ore 20:30, presso la Sala Kennedy dell’Urban Center di Rovereto (TN), in Corso Rosmini 58.

Qui ne parla L’Adige.

Scarica qui la locandina integrale dell’evento.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La giunta Appendino vieta il bus anti-gender

      bus-liberta di Elena Barlozzari. Secondo l’assessore grillino l’iniziativa sarebbe in contrasto con una mozione del consiglio comunale. Quella con cui sindaca e giunta si sono impegnate “a non concedere spazi o suolo pubblico a coloro i quali non garantiscono di rispettare i valori sanciti dalla Costituzione, professando e praticando comportamenti fascisti, razzisti, omofobi, transfobici e razzisti”. È bastato evocare lo spauracchio del fascismo ed i suoi corollari per ottenere il ritiro immediato dell’autorizzazione. Leggi il seguito… 

    • Il prestigio internazionale del maggiordomo Gentiloni

      gentiloni di Lodovico Festa. Paolo Gentiloni si fa fregare ogni volta che incontra Emmanuel Macron (dalla Libia all’Egitto, dalla Difesa comune europea alla Fincantieri e così via), va a Berlino e Angela Merkel gli chiede di tornare una settimana dopo perché è impegnata, riceve Recep Tayyip Erdogan con tutti gli onori e quest’ultimo sequestra una nave dell’Eni, gli bocciano Pier Carlo Padoan come presidente dell’Ecofin, la Whirpool ci tratta come dei poveracci senza peso politico, i franco-tedeschi ci imbrogliano sull’Ema per favorire i ben più importanti olandesi Leggi il seguito… 

    • La civiltà della vita e la secolarizzazione del diritto. Conferenza dell’arcivescovo Giampaolo Crepaldi a Milano

      crepaldi_conferenza di Stefano Fontana. Lunedì 19 febbraio l’arcivescovo Giampaolo Crepaldi, vescovo di Trieste e presidente dell’Osservatorio cardinale Van Thuân, ha tenuto a Milano una conferenza su invito del Centro Studi Livatino sul tema “Civiltà della vita e legislazioni che la minacciano” Leggi il seguito… 

    • Francia, vittime dell’antisemitismo islamico

      antisemitismo-in-francia di Lorenza Formicola. Per le strade francesi la parola "ebreo" scritta sulle saracinesche dei negozi e dei ristoranti ebraici, si diffonde sempre di più. Graffiti su dimore private e lettere minatorie per costringere intere famiglie a trasferirsi si moltiplicano. Gli ebrei stanno abbandonando la Francia, le loro case, per trasferirsi in quartieri più sicuri o all'estero. La nuova pulizia etnica targata islam è in corso. Leggi il seguito…