Un grande evento a Verona: il primo Festival per la Vita

festival-della-vita_verona_2018-head

Nell’ambito delle manifestazioni per la 40a Giornata nazionale per la Vita, i prossimi 16 e 17 febbraio assisteremo al 1° Festival per la Vita presso la prestigiosa Gran Guardia di Verona.

L’evento si spiega in due giorni e ospiterà personalità di spicco del mondo pro life italiano e internazionale.

In una prima sessione culturale interverranno vari referenti delle associazioni, le loro storie e le loro proposte, ed in una seconda sessione istituzionale parteciperanno personalità del mondo politico, amministrativo e istituzionale in prima linea a difesa della vita.

È quindi nostra e comune intenzione assieme alle decine di associazioni che collaborano al buon esito dell’evento, promuovere i valori della Vita in una vetrina storica e culturale quale è la città di Verona, il cui territorio in ambito nazionale da sempre rispecchia la sensibilità per la difesa della vita nascente.

Festival per la Vita, 16 e 17 febbraio 2018

Inizio ore 18.00 con intervallo buffet
Auditorium della Gran Guardia P.zza Bra Verona
La prenotazione online sul sito www.notizieprovita.it o sul sito www.eventbrite.it garantisce il posto in Auditorium fino alle ore 18.30 in seguito verrà liberato

Programma del Festival per la Vita:  16 febbraio (ore 18:00 – 22:30)

  • Dott. Antonio Oriente, medico chirurgo specialista in ginecologia, fondatore e vicepresidente dell’“Associazione Italiana Ginecologi e Ostetrici Cattolici”. In passato ha praticato numerosi aborti ed ora difende la Vita nascente;
  • Testimonianza post – aborto di una giovane donna
  • Dott. Xavier Dor, pediatra, Presidente dell’associazione cattolica “SOS Tout Petits”, icona prolife francese;

Pausa buffet

  • Dott. Bernard Gappmaier, medico e attivista prolife austriaco, Presidente della “Federazione Europea dei Medici per la tutela della Vita”
  • Prof. Giuseppe Noia, ginecologo, clinico e cattedratico, primario del Policlinico Gemelli di Roma, direttore dell’hospice perinatale e specializzato in terapia intrauterina su feti con sopravvivenza a rischio;
  • Gianna Jessen, sopravvissuta all’aborto salino effettuato al settimo mese.

Modererà il dott. Riccardo Cascioli, laureato in scienze politiche, giornalista, attualmente è direttore del quotidiano “La Nuova Bussola Quotidiana” e del mensile “Il Timone”.

Iscriviti al Festival, clicca qui

Programma del Festival per la Vita:  17 febbraio (ore 18:00 – 22:30)

  • Saluto istituzionale del Sindaco di Verona, avv. Federico Sboarina, che ha dichiarato pubblicamente il suo impegno in difesa della Vita e avviato politiche comunali in supporto della famiglia.
  • Dott. Lorenzo Fontana, Europarlamentare e vicesindaco di Verona, esperto di demografia, da sempre impegnato nelle istanze pro famiglia e pro vita all’interno degli ambienti istituzionali
  • Avv. Roberto Brazzale, imprenditore e padre di tre figli; a Zanè nel vicentino conduce la più antica azienda lattierocasearia del nostro Paese, la Brazzale spa, promotore di innovative di politica familiare aziendale

Pausa buffet

  • On. Inga Yumasheva, deputato, coordinatrice del gruppo parlamentare per le relazioni con il Congresso americano e responsabile per la Vita, la famiglia e i bambini presso la Duma di Mosca;
  • Dott.ssa Elena Donazzan, Consigliere Regionale del Veneto, promotrice della legge sulla sepoltura dei feti abortiti, assessore all’istruzione, formazione e lavoro della Regione Veneto
  • Prof. Giuseppe Noia e dott. Alessandro Cecchi, ginecologo, primario del centro diagnosi prenatale di Loreto che da oltre venticinque anni si occupa della diagnosi di malattie fetali;
  • Prof. Massimo Gandolfini, neurochirurgo e psichiatra, direttore del dipartimento di neuroscienze dell’istituto ospedaliero Poliambulanza di Brescia. e presidente del “Comitato Difendiamo i Nostri Figli”.

Iscriviti al Festival, clicca qui

Modererà il prof. Tommaso Scandroglio, giornalista, dottore di ricerca in giurisprudenza, docente di etica, bioetica, filosofia del diritto, membro del “Centro interuniversitario per gli Studi sull’etica” dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Il Festival per la Vita è un evento di respiro nazionale ed internazionale che vede coinvolte nell’organizzazione le associazioni ProVita Onlus, Comitato Difendiamo i Nostri Figli, Movimento Europeo Difesa della Vita, Centro Culturale Nicolò Stenone.

Hanno collaborato le associazioni  Comunità Papa Giovanni XXIII, Gruppo Madonna della Corona, Istituto Don Bosco, Regina Pacis, Donum Vitae, Unione Cattolica Farmacisti Italiani, Circolo Culturale Enrico Medi, Associazione Medici Cattolici Italiani, Scuole Alle Stimmate, Associazione Culturale La Pieve, Associazione Culturale La Torre, Coordinamento Famiglie Trentine, Unione Medici Missionari Italiani, Movimento e Centro Aiuto per la Vita di Cologna Veneta.

Offrono il loro patrocinio: Comune di Verona, Provincia di Verona, Regione del Veneto, Congresso Mondiale delle Famiglie.

Con il gentile supporto di: Fondazione Cattolica Assicurazioni, Pedrollo SpA, Movimento per un’Europa delle Nazioni e delle Libertà, Centro Polifunzionale Don Calabria, Ossida Srl, Banco Popolare di Verona, Caseificio Giulia.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Ddl Zan: non si tratta solo di una minaccia alla libertà di opinione

      di Fabio Fuiano. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus. L’unico modo per vincere questa battaglia è adottare il principio dell’agere contra: per cui alla falsità si deve opporre la verità e al vizio la virtù. Senza una strategia del genere non metteremo mai in discussione le fondamenta su cui si basano certe proposte di legge e continueremo a subire cocenti sconfitte, come è già accaduto in passato. Se oggi siamo arrivati ad una tale dissoluzione morale e sociale, lo dobbiamo ad una rinuncia del mondo cattolico ad essere militante in virtù di una difesa incondizionata della libertà che però, senza la verità perde totalmente di significato e si tramuta in schiavitù Leggi il seguito…

    • Com’è buono (e inetto) il Comitato degli scienziatoni

      di Andrea Zambrano. Dai verbali desecretati del Cts emerge la volontà di imporre le norme del lockdown come esperimento di intruppamento sociologico. L'incredibie vademecum ai bambini: sveglia, bagno, colazione, igiene personale, attività domestiche e scolastiche. È l'insopportabile pretesa, tipica di uno Stato totalitario, di togliere la libertà insegnando a mamma e papà a fare i genitori. Questo daily plan andrebbe studiato nelle università di tutto il mondo perché è la prova che il Cts altro non era che una scusa per disporre della nostra libertà e intelligenza. È un insulto alla nostra pazienza, un’insopportabile e moralistica presa per il naso da parte di signorinessuno che hanno la grande responsabilità di aver dettato al governo l'azzoppamento di questo Paese Leggi il seguito…

    • Il Covid-19 è nato in laboratorio, le responsabilità cinesi e dell’OMS. Cantagalli pubblica il libro del prof. Joseph Tritto

      di Tiziano Fonte. È uscito ieri in libreria per le Edizioni Cantagalli il libro di Joseph Tritto “Cina Covid-19: la chimera che ha cambiato il mondo” (272 pp., 20 euro). La fama dell’autore, presidente del WABT (World Academy of Biomedical Sciences and Thecnologies di Parigi) e il fatto che il libro prova che il covid-19 non è di origine naturale ma è stato prodotto in laboratorio a Wuhan, mostrando le enormi difficoltà che un sistema politico totalitario come quello della Cina comunista pone alla ricerca e alla sanità, ci si sarebbe aspettati una mobilitazione dei media di particolare vigore. Invece, purtroppo, dobbiamo constatare che è prevalso il silenzio da parte delle grandi testate. Leggi il seguito…

    • Ecco perché sul Ponte di Genova la “retorica dell’arcobaleno” non regge

      di Corrado Ocone. L’impresa, che sarebbe normale in un Paese normale, è stata realizzata, ma il merito è soprattutto di chi ha voluto un commissario straordinario con potere speciali e del commissario stesso, il sindaco di centrodestra di Genova Marco Bucci, che li ha saputi utilizzare. E’ merito poi del governatore della regione Giovanni Toti che ha agevolato e collaborato al risultato e che, sotto l’insegna del buon governo, vola tranquillo verso la rielezione. Ed è anche in parte merito del governo di Giuseppe Conte, ma del precedente non di questo, quello con l’odiato nemico leghista. Insomma, la vittoria politica è tutta del centrodestra, se proprio dovessimo scendere sul terreno volgare della “stampa di regime” Leggi il seguito…