Un grande evento a Verona: il primo Festival per la Vita

festival-della-vita_verona_2018-head

Nell’ambito delle manifestazioni per la 40a Giornata nazionale per la Vita, i prossimi 16 e 17 febbraio assisteremo al 1° Festival per la Vita presso la prestigiosa Gran Guardia di Verona.

L’evento si spiega in due giorni e ospiterà personalità di spicco del mondo pro life italiano e internazionale.

In una prima sessione culturale interverranno vari referenti delle associazioni, le loro storie e le loro proposte, ed in una seconda sessione istituzionale parteciperanno personalità del mondo politico, amministrativo e istituzionale in prima linea a difesa della vita.

È quindi nostra e comune intenzione assieme alle decine di associazioni che collaborano al buon esito dell’evento, promuovere i valori della Vita in una vetrina storica e culturale quale è la città di Verona, il cui territorio in ambito nazionale da sempre rispecchia la sensibilità per la difesa della vita nascente.

Festival per la Vita, 16 e 17 febbraio 2018

Inizio ore 18.00 con intervallo buffet
Auditorium della Gran Guardia P.zza Bra Verona
La prenotazione online sul sito www.notizieprovita.it o sul sito www.eventbrite.it garantisce il posto in Auditorium fino alle ore 18.30 in seguito verrà liberato

Programma del Festival per la Vita:  16 febbraio (ore 18:00 – 22:30)

  • Dott. Antonio Oriente, medico chirurgo specialista in ginecologia, fondatore e vicepresidente dell’“Associazione Italiana Ginecologi e Ostetrici Cattolici”. In passato ha praticato numerosi aborti ed ora difende la Vita nascente;
  • Testimonianza post – aborto di una giovane donna
  • Dott. Xavier Dor, pediatra, Presidente dell’associazione cattolica “SOS Tout Petits”, icona prolife francese;

Pausa buffet

  • Dott. Bernard Gappmaier, medico e attivista prolife austriaco, Presidente della “Federazione Europea dei Medici per la tutela della Vita”
  • Prof. Giuseppe Noia, ginecologo, clinico e cattedratico, primario del Policlinico Gemelli di Roma, direttore dell’hospice perinatale e specializzato in terapia intrauterina su feti con sopravvivenza a rischio;
  • Gianna Jessen, sopravvissuta all’aborto salino effettuato al settimo mese.

Modererà il dott. Riccardo Cascioli, laureato in scienze politiche, giornalista, attualmente è direttore del quotidiano “La Nuova Bussola Quotidiana” e del mensile “Il Timone”.

Iscriviti al Festival, clicca qui

Programma del Festival per la Vita:  17 febbraio (ore 18:00 – 22:30)

  • Saluto istituzionale del Sindaco di Verona, avv. Federico Sboarina, che ha dichiarato pubblicamente il suo impegno in difesa della Vita e avviato politiche comunali in supporto della famiglia.
  • Dott. Lorenzo Fontana, Europarlamentare e vicesindaco di Verona, esperto di demografia, da sempre impegnato nelle istanze pro famiglia e pro vita all’interno degli ambienti istituzionali
  • Avv. Roberto Brazzale, imprenditore e padre di tre figli; a Zanè nel vicentino conduce la più antica azienda lattierocasearia del nostro Paese, la Brazzale spa, promotore di innovative di politica familiare aziendale

Pausa buffet

  • On. Inga Yumasheva, deputato, coordinatrice del gruppo parlamentare per le relazioni con il Congresso americano e responsabile per la Vita, la famiglia e i bambini presso la Duma di Mosca;
  • Dott.ssa Elena Donazzan, Consigliere Regionale del Veneto, promotrice della legge sulla sepoltura dei feti abortiti, assessore all’istruzione, formazione e lavoro della Regione Veneto
  • Prof. Giuseppe Noia e dott. Alessandro Cecchi, ginecologo, primario del centro diagnosi prenatale di Loreto che da oltre venticinque anni si occupa della diagnosi di malattie fetali;
  • Prof. Massimo Gandolfini, neurochirurgo e psichiatra, direttore del dipartimento di neuroscienze dell’istituto ospedaliero Poliambulanza di Brescia. e presidente del “Comitato Difendiamo i Nostri Figli”.

Iscriviti al Festival, clicca qui

Modererà il prof. Tommaso Scandroglio, giornalista, dottore di ricerca in giurisprudenza, docente di etica, bioetica, filosofia del diritto, membro del “Centro interuniversitario per gli Studi sull’etica” dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Il Festival per la Vita è un evento di respiro nazionale ed internazionale che vede coinvolte nell’organizzazione le associazioni ProVita Onlus, Comitato Difendiamo i Nostri Figli, Movimento Europeo Difesa della Vita, Centro Culturale Nicolò Stenone.

Hanno collaborato le associazioni  Comunità Papa Giovanni XXIII, Gruppo Madonna della Corona, Istituto Don Bosco, Regina Pacis, Donum Vitae, Unione Cattolica Farmacisti Italiani, Circolo Culturale Enrico Medi, Associazione Medici Cattolici Italiani, Scuole Alle Stimmate, Associazione Culturale La Pieve, Associazione Culturale La Torre, Coordinamento Famiglie Trentine, Unione Medici Missionari Italiani, Movimento e Centro Aiuto per la Vita di Cologna Veneta.

Offrono il loro patrocinio: Comune di Verona, Provincia di Verona, Regione del Veneto, Congresso Mondiale delle Famiglie.

Con il gentile supporto di: Fondazione Cattolica Assicurazioni, Pedrollo SpA, Movimento per un’Europa delle Nazioni e delle Libertà, Centro Polifunzionale Don Calabria, Ossida Srl, Banco Popolare di Verona, Caseificio Giulia.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Gente seria, tornerà di moda!

      Alcide De Gasperi è una figura gigantesca della storia italiana. Tanto centrale da risultare "utile" per leggere ed interpretare la contemporaneità.… Leggi il seguito…

    • Il Papa, il Conclave. Ogni dittatore ha bisogno di un complotto, prima o poi…

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, vorrei tornare sulle straordinarie esternazioni fatte dal Pontefice regnante durante il suo incontro con i gesuiti in Slovacchia, e di cui ha già scritto benissimo Americo Mascarucci su queste pagine. Vorrei farlo riportando il lavoro di due persone che certamente non sono sospettabili di non amare il Vaticano, la Chiesa e il Pontefice regnante: Vik van Brantegem e Luis Badilla. Ed entrambi sono rimasti colpiti, per non dire sbalorditi (giustamente….), dalle frasi di papa Bergoglio. D’altronde quando mai nella storia di un dittatore non c’è un momento in cui si grida, più o meno strumentalmente, al complotto? Prologo di chiamata alle armi dei fedelissimi, e di inevitabili purghe…Ma lasciamo direttamente la parola a loro. Buona lettura Leggi il seguito…

    • La Cei tratta (poi ritratta), ma la Messa non è negoziabile

      di Stefano Fontana. L’allineamento della Chiesa italiana continua. Il presidente della Cei Bassetti parla di trattativa con lo Stato a proposito del Green pass a Messa. Poi cerca di correggersi e dice di intendere il protocollo di un anno e mezzo fa. Ma i riferimenti al lasciapassare e al coinvolgimento dei vescovi sono indizi chiari. Però l’uso del pass per partecipare alla Messa non può essere oggetto di “trattativa”. Sarebbe intollerabile e preoccupa che Bassetti abbia usato la parola “trattativa” e abbia dato la disponibilità della Cei ad una contrattazione che sarebbe scandalosa. Leggi il seguito…

    • Riflessioni (amare) sul green pass

      di Iustitia in Veritate. Una serie di articoli, redatti dai collaboratori di Iustitia in Veritate, per approfondire la virulenza liberticida del marchio verde, così come è stato concepito e applicato in Italia.

      1. CONSEGUENZE E PRESUPPOSTI NEFASTI
      L’introduzione e l’estensione ormai indiscriminata del cosiddetto green pass costringe ad alcune considerazioni sulla sua caratura morale, sulle sue implicazioni politiche e giuridiche, sui suoi effetti sulla convivenza civile. Leggi il seguito…