Se Renzi dà i numeri sbagliati

numeri

Certo che se quel premier che avrebbe lasciato la politica se avesse perso il referendum, che voleva abolire il Senato perché era inutile e dannoso e ora si candida al Senato, che ha detto di avere rilanciato l’economia quando invece i dati ufficiali indicano che siamo andati peggio degli altri paesi dell’area euro, che ha dichiarato che sulle unioni gay non avrebbe posto la fiducia e poi le ha imposte a colpi di fiducia dopo che nel 2007 era sceso in piazza col Family day contro i Di.Co., se questo politico venisse iscritto alle balliadi, le olimpiadi delle balle, i bookmakers darebbero quote solo per il secondo posto.

 

Ad un Paolo Liguori che il 20 dicembre gli poneva domande sugli Italiani che si trovano a vivere con un reddito inferiore alla soglia di povertà, lo statista da Rignano sull’Arno rispondeva: “Che cosa è accaduto in questi anni? Quel numero di 10 milioni di persone, chiamiamole ‘a rischio’, è diminuito in modo molto rilevante: siamo passati da 16 a 10”.

numeri

Per capire se i numeri siano reali, o se spuntano come quelli che pescava il bambino bendato del Lotto, non resta che consultare i dati ufficiali forniti dall’ISTAT che per praticità sono stati riprodotti in grafico. Ne viene fuori che i numeri dati da Renzi non corrispondono alla realtà nemmeno accontentandosi di una precisione spannometrica.

Poiché il governo Renzi è rimasto in carica dal 22 febbraio 2014 al 7 dicembre 2016, il confronto va fatto tra il 2013, prima che Renzi diventasse presidente del consiglio dei ministri, e il 2016, ultimo anno di permanenza di Renzi a Palazzo Chigi.

Il numero di persone che vivono al di sotto della soglia di povertà, sia assoluta che relativa, non è diminuito di 6 milioni come detto in TV da Renzi, ma è aumentato (di 322.000 e 643.000 persone, rispettivamente). Se Renzi dice che col suo Job act ha fatto un milione di occupati in più, allora dovrebbe prendersi anche il merito di questa prodigiosa fioritura di gente che è stata promossa a povero certificato. Prendersi il merito degli occupati e scaricare sulla congiuntura economica generale i poveri, sarebbe una furbata un po’ troppo grossa persino per uno come lui, che a giochi di prestigio è più bravo di Silvan, Houdini e David Copperfield messi insieme.

num

Anche le percentuali sono aumentate: dal 7,3% nel 2013 le persone sotto la soglia di povertà assoluta, che non hanno cioè la capacità di spesa necessaria a condurre una vita minimamente dignitosa, sono passate al 7,9%. Per la povertà relativa, indicatore della fascia di persone con consumi sotto la media rispetto alla fascia sociale di appartenenza, la percentuale del 13% nel 2013 è cresciuta al 14% nel 2016.

Ma cosa abbiamo fatto di male, noi italiani, per meritarci politici di questo genere?

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Per non fermarsi col rosso passano col verde

      di Marcello Veneziani. Dopo le Sardine verranno le Zucchine. La sinistra cerca un nuovo travestimento per le competizioni elettorali e si converte alla Verdura perché tira, dopo il Covid, Greta e l’amazzonico Bergoglio. Ma il tema verde è molto più serio e profondo di un travestimento elettorale o di una battaglia anti-Trump; e non appartiene certo a una cultura progressista e mao-capitalista. Ma va praticato con realismo, con amore della natura e delle sue leggi, in armonia e non in conflitto con la civiltà e con l’umanesimo. E ricordate: l’amore per la natura è incompatibile con chi vuole modificare geneticamente la natura umana Leggi il seguito…

    • Favori al Pd e migranti usati: la Caritas pelosa di Bergamo

      di Andrea Zambrano. Accuse pesantissime di business sui clandestini: dall'associazione a delinquere allo sfruttamento del lavoro, ma per i sacerdoti e le coop sociali indagati nell'inchiesta della Procura sul Sistema Bergamo cala il silenzio: della Diocesi, di Avvenire e dei giornali d'area cattolica. Eppure, al di là dell'aspetto giudiziario, emerge una connivenza di potere e rapporti tra Pd e Chiesa che getta più di un sospetto sui fini dell'operazione accoglienza, certificata dall'impennata nei bilanci sociali della coop fiore all'occhiello: dai richiedenti asilo sfruttati per il volantinaggio del Pd alle spese gonfiate che la Procura ritiene una truffa dei rimborsi. I protagonisti di un'inchiesta che fa tremare il cuore della cattolica Bergamo, ormai passata a Sinistra. Leggi il seguito…

    • La vera pandemia si chiama “globalizzazione”

      di Corrado Ocone. Fra i tanti libri che stanno uscendo dopo la pandemia, quello di Francesco Borgonovo è sicuramente uno dei più suggestivi (La malattia del mondo. In cerca della cura per il nostro tempo, UTET) Si tratta di una riflessione a tutto campo sullo stato attuale del mondo, i cui tratti essenziali il virus ha confermato e anzi reso ancora più chiari e accelerato. L’acqua è l’elemento attorno a cui Borgonovo fa girare un po’ tutta la narrazione: essa indica fluidità, instabilità, precarietà, incertezza. È cioè l’elemento dominante nel nostro mondo “malato”, non di coronavirus solamente ma di una malattia più profonda. Questa patologia si chiama globalizzazione, e vive dell’abbattimento di ogni confine o frontiera: fra gli Stati, fra le culture, fra le idee, fra i generi sessuali Leggi il seguito…

    • Cattolici in piazza, conta la verità da difendere

      di Stefano Fontana. Per opporsi al Ddl Zan serve coraggio, come per le manifestazioni Restiamo Liberi. Il cattolico che oggi vuole scendere in piazza contro le leggi disumane che si vanno proponendo deve sapere che lo fa contro la Chiesa ufficiale. Il problema è che la Chiesa non educa più alla verità e sta cambiando la sua teologia morale. Oggi esistono tre morali cattoliche: quella prima di Amoris laetitia, quella di Amoris laetitia, quella dopo Amoris laetitia. La morale cattolica che fa scendere in piazza è quella prima di Amoris laetitia, le altre due non sono più in grado di farlo, anzi considerano un errore morale e pastorale farlo (ma morale e pastorale per la nuova teologia morale sono la stessa cosa). Ciò che un tempo era considerato un obbligo, ora viene considerato un peccato Leggi il seguito…