Renzi, De Benedetti e quelle informazioni sulle banche: Augello (IDEA) colpisce ancora

augello

Per il Pd e per Matteo Renzi la maledizione banche continua. E ancora una volta, dopo le domande ficcanti che hanno portato

alle rivelazioni sul caso Boschi-Etruria in commissione banche, c’è lo zampino del senatore di Idea Andrea Augello.

È stato infatti proprio Augello a richiedere che la commissione banche venisse in possesso degli atti in mano alla Procura di Roma contenenti le intercettazioni tra Carlo De Benedetti e il suo broker Gianluca Bolengo dove sembra che l’ingegnere fosse a conoscenza che il decreto sulle banche popolari varato dal governo Renzi fosse imminente (“Passa, ho parlato con Renzi ieri, passa” dice De Benedetti a Bolengo parlando del provvedimento). Atti che, altrimenti, sarebbero rimasti segreti proprio perché il procuratore Giuseppe Pignatone e il sostituto Stefano Pesci hanno chiesto l’archiviazione dell’indagine perché non ci sarebbe insider trading, dato che, a loro dire, l’informazione in possesso di De Benedetti “nulla apporta in più rispetto a quanto ben noto a Bolengo”.

L’archiviazione però non convince affatto Augello: “Il fatto che la Consob non sia stata in grado di sanzionare i responsabili dell’operazione, che la magistratura si proponga di archiviare l’inchiesta, ipotizzando come un navigato operatore e consulente finanziario quando usa il vocabolo ‘decreto’ non lo faccia in senso ‘tecnico’, dimostra che nel nostro Paese siamo lontanissimi dal disporre di strumenti efficaci e credibili  per evitare che episodi di questo genere si ripetano in futuro”. Concetto ribadito anche dal senatore e leader di Idea Gaetano Quagliariello secondo cui il giudizio sulla classe politica al governo in merito all’ “affidabilità” e alla “terzietà nei confronti degli interessi economici” ormai è abbastanza evidente.

Insomma, al netto della decisione dei magistrati, i dubbi restano tutti. La certezza con cui De Benedetti parla in merito al provvedimento (“passa…passa”) lascia presagire che non si riferisse ad un disegno di legge, bensì proprio ad un decreto che, essendo una misura d’urgenza, viene approvato in tempi molto più brevi rispetto ad un normale provvedimento di iniziativa parlamentare. Ma, lasciando parlare i fatti, resta un dato: la plusvalenza incassata dalla società di De Benedetti. 600mila euro. Non pochi spiccioli. Ma se davvero le informazioni in merito fossero state di pubblico dominio come sostiene Renzi – secondo cui era noto a tutti che quel provvedimento si sarebbe fatto al più presto – il margine di guadagno non doveva esserci, o doveva essere minimo.

Se infatti tutti sapevano già come e quando sarebbe passata la riforma, come mai non c’è stata la corsa all’acquisto delle azioni delle popolari, cosa che avrebbe annullato o quasi la plusvalenza di De Benedetti? In ogni caso, per Pignatone la questione dev’essere archiviata. Se lo è anche per gli elettori si vedrà il 4 marzo.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Torino/Gandolfini: “Non esistono figli di due madri. Appendino viola la legge e il diritto ad avere un padre”

      appendino di Comitato Difendiamo i Nostri Figli. “Il Comune di Torino partecipa a pieno titolo alla distruzione del diritto di famiglia già operato dalla giurisprudenza creativa ma soprattutto contribuisce a picconare il sacrosanto diritto di ogni bambino ad avere un padre e una madre. Il sindaco Appendino ha tenuto fede alla promessa, fatta nei giorni scorsi, di forzare la mano per registrare un bambino come figlio di due madri. Ovviamente si tratta di un falso in atto pubblico perché qualsiasi essere umano ha una sola madre e un solo padre.  Leggi il seguito… 

    • Quella voglia degli italiani di cambiare davvero il Paese. E di non essere ancora una volta traditi

      salvini_dimaio di Marcello Foa. Il messaggio è forte e chiaro: gli italiani non sono disposti a farsi ingannare dalle lusinghe e soprattutto dalla propaganda dall’establishment. Hanno voglia di una vera svolta e sono sempre più attenti alla coerenza dei leader. Non è un caso che il gradimento di Di Maio sia sceso di 6 punti, mentre quello di Salvini continui a salire, fino a superare, per la prima volta, quello del capo del Movimento 5 Stelle. Gli elettori non gradiscono la disinvoltura con cui quest’ultimo si propone sia alla Lega sia al Pd e non amano chi antepone evidenti, incontrollabili ambizioni personali al perseguimento di un disegno più ampio e nell’interesse del Paese Leggi il seguito… 

    • Il bullo in classe figlio della cappa statalista

      bulli-di-lucca di Marco Lepore. Di fronte al caso dello studente di Lucca che ha preso a testate il professore, al di là delle banalità ministeriali, giova ricordare due cose. La prima: non tutti gli insegnanti preparati sulla materia sono adatti a insegnare. La seconda: anche questa violenza è figlia della logica statale, che non consente un'autonomia gestionale che servirebbe alla scuola statale per ripartire. Leggi il seguito… 

    • Da Riad e dal Cairo, segni di apertura al cristianesimo

      al-abrar-mecca di Stefano Magni. Una chiesa in Arabia Saudita? Il regno potrebbe consentire a una svolta storica, secondo voci che circolano dopo la visita del cardinal Tauran a Riad. Seguendo la stessa tendenza, anche l’Egitto cambia rotta e autorizza 166 luoghi di culto cristiani. Leggi il seguito…