Le fake news di Repubblica… smentite da Repubblica

Si parla tanto di fake news, e si dimentica sempre di dire che di solito sono i grandi giornali a diffondere le grandi bugie. Non qualche povero internauta.

Per anni Repubblica ci ha impartito le notizie sulla Siria dell’Osservatorio siriano sui diritti umani, nonostante tale fonte fosse considerata da molti esperti faziosa e inattendibile.

osservatorio

Qui alcuni degli inumerevoli articoli di Repubblica basati sui dati fasulli dell’Osservatorio.

Ebbene, a guerra finita, apprendiamo da Repubblica (vedi immagine in alto) che… erano tutte bugie,

che l’Osservatorio fornisce “narrazioni fasulle” e che “da più parti è stata svelata la scarsa o nulla attendibilità, essendo di fatto gestito da una sola persona, peraltro finanziata, a quanto pare, da una non meglio precisata agenzia britannica” (Repubblica, 4 gennaio 2018; http://www.repubblica.it/solidarieta/immigrazione/2018/01/04/news/siria-185788804/).

La rete aveva già svelato tutto diversi anni fa, ma un grande giornale non si era accorto di nulla: come mai? Forse perchè di solito più che la veridicità delle fonti e delle notizie, ad essere determinanti sono ideologia ed interessi di parte? E’ un caso che Repubblica si accorga solo oggi che l’Osservatorio, che faceva assai comodo alle posizioni oltranziste della Clinton, non è attendibile? O l’accorgersi coincide semplicemente con la fine del sogno clintoniano di travolgere Assad con qualsiasi mezzo e alleandosi con chiunque?

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Pozzallo, vittoria italiana o “strada per l’inferno”?

      immigrati-africani di Gianandrea Gaiani. Il caso del barcone con a bordo 458 immigrati clandestini trasbordati su due navi militari poi sbarcati a Pozzallo, si è risolto in un successo politico per l’Italia ma anche in una vittoria dei trafficanti, riusciti a dimostrare ai loro “clienti” che i porti italiani sono ancora aperti. Un approccio che il gruppo Visegrad ha già ribattezzato "una strada per l'inferno".  Leggi il seguito… 

    • “Non condivido, ma…”. Se il vescovo “legittima i gay pride”

      summer-pride-rimini di Marco Tosatti. È prevedibile, durante il Gay Pride di Rimini, l’uso blasfemo di personaggi e simboli della religione. Come l’anno scorso, un gruppo di cattolici, riuniti nel Comitato Beata Giovanna Scopelli, ha indetto una processione di riparazione da cui il vescovo di Rimini ha preso le distanze sebbene anche il pride «non aiuti i legittimi diritti Lgbt». Leggi il seguito… 

    • Negozi chiusi la domenica, una scelta doverosa

      Giampaolo Crepaldi di Giampaolo Crepaldi. Il riposo domenicale valorizza due dimensioni della vita sociale: quella delle relazioni familiari e della dimensione religiosa. Per questo è auspicabile che la proposta del ministro Di Maio trovi forte sostegno nella società e nella politica per diventare presto realtà. Leggi il seguito… 

    • La ricchezza nasce dall’Europa cristiana. Non dall’illuminismo

      Gotti-tedeschi di Ettore Gotti Tedeschi. Il saggio dello storico dell’economia Joel Mokir Una cultura della crescita e soprattutto la recensione che ne ha fatto Repubblica confermano la solita tesi superficiale: poiché la rivoluzione industriale inizia in Europa nel XVIII Secolo, l'origine della ricchezza è l'illuminismo. Giusto? No, sbagliato. Vediamo perché Leggi il seguito…