Le fake news di Repubblica… smentite da Repubblica

Si parla tanto di fake news, e si dimentica sempre di dire che di solito sono i grandi giornali a diffondere le grandi bugie. Non qualche povero internauta.

Per anni Repubblica ci ha impartito le notizie sulla Siria dell’Osservatorio siriano sui diritti umani, nonostante tale fonte fosse considerata da molti esperti faziosa e inattendibile.

osservatorio

Qui alcuni degli inumerevoli articoli di Repubblica basati sui dati fasulli dell’Osservatorio.

Ebbene, a guerra finita, apprendiamo da Repubblica (vedi immagine in alto) che… erano tutte bugie,

che l’Osservatorio fornisce “narrazioni fasulle” e che “da più parti è stata svelata la scarsa o nulla attendibilità, essendo di fatto gestito da una sola persona, peraltro finanziata, a quanto pare, da una non meglio precisata agenzia britannica” (Repubblica, 4 gennaio 2018; http://www.repubblica.it/solidarieta/immigrazione/2018/01/04/news/siria-185788804/).

La rete aveva già svelato tutto diversi anni fa, ma un grande giornale non si era accorto di nulla: come mai? Forse perchè di solito più che la veridicità delle fonti e delle notizie, ad essere determinanti sono ideologia ed interessi di parte? E’ un caso che Repubblica si accorga solo oggi che l’Osservatorio, che faceva assai comodo alle posizioni oltranziste della Clinton, non è attendibile? O l’accorgersi coincide semplicemente con la fine del sogno clintoniano di travolgere Assad con qualsiasi mezzo e alleandosi con chiunque?

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Se il peccato non è un dato oggettivo, salta la Dottrina sociale

      stanislas-lalanne Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Il vescovo francese Stanislas Lalanne ha affermato: “Non posso dire che la pedofilia sia peccato”. Se l’uomo non è più in grado di sapere quando una sua azione è peccato allora vuol dire che anche i peccati sociali ci rimangono oscuri e, con essi, le “strutture di peccato” di cui parlava Giovanni Paolo II nella Sollicitudo rei socialis (1987). Non so quanti vescovi la pensino come monsignor Lalanne. Mi sento di dire solo che un simile modo di vedere le cose è come una pietra tombale sulla Dottrina sociale della Chiesa Leggi il seguito… 

    • Lo spread esiste, il popolo no

      popolo-spread di Marcello Veneziani. Il Corriere della sera, in un editoriale di Angelo Panebianco, è arrivato a sostenere che lo spread è reale, mentre il popolo è un’astrazione, non esiste, se non nella propaganda sovranista. Panebianco rispondeva a una semplificazione demagogica, ma la conclusione a cui portava era questa: il popolo è un’invenzione dei populisti, lo spread, invece, è vero e vivo nel regno della finanza, quindi esiste quasi in natura… Ecco come capovolgere la realtà che ci dice esattamente l’inverso: Leggi il seguito… 

    • Contro l’ideologia che erge a modello un sistema di reati

      mimmo-lucano-sindaco-riace di Centro Studi Livatino. I fatti avrebbero dovuto consigliare prudenza nel commentare la vicenda Riace; soprattutto avrebbero dovuto evitare impropri accostamenti col tema della resistenza alla legge ingiusta. Spiace invece constatare che, oltre a commentatori poco attenti ai fatti, anche magistrati (Magistratura democratica) abbiano strumentalizzato la vicenda per attaccare i Giudici di Locri e la politica dell’Esecutivo in tema di immigrazione Leggi il seguito… 

    • Utero in affitto, si difende il reato, si censura la verità

      manifesto-censurato-contro-utero-affitto di Marco Guerra. La Raggi annuncia la rimozione dei manifesti contro l’utero in affitto di Generazione Famiglia e Pro Vita. In Italia si è liberi di reclamizzare la maternità surrogata, che è reato, mentre viene punita la difesa della verità e del diritto dei bambini a mamma e papà.  Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.