Una Lega attenta ai valori cristiani

 

gotti

 

 

 

 

 

 

Quale partito può votare o considerare interessante, un cattolico, alle prossime elezioni? Immaginando che il centrosinistra – dal divorzio breve alle unioni civili, dalla proposta di una riforma costituzionale autoritaria alle odierne rincorse ad un biotestamento anticamera dell’eutanasia – abbia già dimostrato a tutti di essere uno schieramento semplicemente impresentabile, e considerando quanto il M5S sia politicamente parlando una mina vagante del tutto insensibile ai valori non negoziabili, non resta che guardare al centro destra.

Centrodestra dove, insieme a Fratelli d’Italia, troviamo una Lega Nord che si sta mostrando sempre più attenta ai valori cristiani. Sinceramente attenta. Lo dimostra un recente convegno di formazione politica per giovani tenutosi lo scorso fine settimana a Milano, organizzato e promosso dall’europarlamentare Lorenzo Fontana, al quale hanno partecipato anche figure come il banchiere Ettore Gotti Tedeschi, che ha parlato di denatalità e verità scomode ad essa legate, e il sociologo Giuliano Guzzo, che è invece intervenuto sul tema delle bufale che la cultura progressista, da decenni, racconta contro la famiglia.

guzzo-e-salvini

 

 

 

 

 

 

 

Al convegno in questione  – vero – vi sono stati anche interventi di altri relatori non esattamente vicini al mondo cattolico; un nome su tutti, quello di Giuseppe Cruciani, che comunque è stato chiamato a intervenire contro il fondamentalismo ecologista e animalista, in un’ottica che non può non trovare d’accordo anche i cattolici. Ergo, non da oggi, la Lega Nord non solo si conferma un partito interessante per un elettorato che considera ancora importanti i valori non negoziabili, ma mostra sempre più attenzione ad essi, formando i propri giovani amministratori all’insegna di verità del tutto detestate dalla cultura dominante. Un aspetto, in vista delle future elezioni politiche, da tenere presente.

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Se il peccato non è un dato oggettivo, salta la Dottrina sociale

      stanislas-lalanne Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Il vescovo francese Stanislas Lalanne ha affermato: “Non posso dire che la pedofilia sia peccato”. Se l’uomo non è più in grado di sapere quando una sua azione è peccato allora vuol dire che anche i peccati sociali ci rimangono oscuri e, con essi, le “strutture di peccato” di cui parlava Giovanni Paolo II nella Sollicitudo rei socialis (1987). Non so quanti vescovi la pensino come monsignor Lalanne. Mi sento di dire solo che un simile modo di vedere le cose è come una pietra tombale sulla Dottrina sociale della Chiesa Leggi il seguito… 

    • Lo spread esiste, il popolo no

      popolo-spread di Marcello Veneziani. Il Corriere della sera, in un editoriale di Angelo Panebianco, è arrivato a sostenere che lo spread è reale, mentre il popolo è un’astrazione, non esiste, se non nella propaganda sovranista. Panebianco rispondeva a una semplificazione demagogica, ma la conclusione a cui portava era questa: il popolo è un’invenzione dei populisti, lo spread, invece, è vero e vivo nel regno della finanza, quindi esiste quasi in natura… Ecco come capovolgere la realtà che ci dice esattamente l’inverso: Leggi il seguito… 

    • Contro l’ideologia che erge a modello un sistema di reati

      mimmo-lucano-sindaco-riace di Centro Studi Livatino. I fatti avrebbero dovuto consigliare prudenza nel commentare la vicenda Riace; soprattutto avrebbero dovuto evitare impropri accostamenti col tema della resistenza alla legge ingiusta. Spiace invece constatare che, oltre a commentatori poco attenti ai fatti, anche magistrati (Magistratura democratica) abbiano strumentalizzato la vicenda per attaccare i Giudici di Locri e la politica dell’Esecutivo in tema di immigrazione Leggi il seguito… 

    • Utero in affitto, si difende il reato, si censura la verità

      manifesto-censurato-contro-utero-affitto di Marco Guerra. La Raggi annuncia la rimozione dei manifesti contro l’utero in affitto di Generazione Famiglia e Pro Vita. In Italia si è liberi di reclamizzare la maternità surrogata, che è reato, mentre viene punita la difesa della verità e del diritto dei bambini a mamma e papà.  Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.