Una Lega attenta ai valori cristiani

 

gotti

 

 

 

 

 

 

Quale partito può votare o considerare interessante, un cattolico, alle prossime elezioni? Immaginando che il centrosinistra – dal divorzio breve alle unioni civili, dalla proposta di una riforma costituzionale autoritaria alle odierne rincorse ad un biotestamento anticamera dell’eutanasia – abbia già dimostrato a tutti di essere uno schieramento semplicemente impresentabile, e considerando quanto il M5S sia politicamente parlando una mina vagante del tutto insensibile ai valori non negoziabili, non resta che guardare al centro destra.

Centrodestra dove, insieme a Fratelli d’Italia, troviamo una Lega Nord che si sta mostrando sempre più attenta ai valori cristiani. Sinceramente attenta. Lo dimostra un recente convegno di formazione politica per giovani tenutosi lo scorso fine settimana a Milano, organizzato e promosso dall’europarlamentare Lorenzo Fontana, al quale hanno partecipato anche figure come il banchiere Ettore Gotti Tedeschi, che ha parlato di denatalità e verità scomode ad essa legate, e il sociologo Giuliano Guzzo, che è invece intervenuto sul tema delle bufale che la cultura progressista, da decenni, racconta contro la famiglia.

guzzo-e-salvini

 

 

 

 

 

 

 

Al convegno in questione  – vero – vi sono stati anche interventi di altri relatori non esattamente vicini al mondo cattolico; un nome su tutti, quello di Giuseppe Cruciani, che comunque è stato chiamato a intervenire contro il fondamentalismo ecologista e animalista, in un’ottica che non può non trovare d’accordo anche i cattolici. Ergo, non da oggi, la Lega Nord non solo si conferma un partito interessante per un elettorato che considera ancora importanti i valori non negoziabili, ma mostra sempre più attenzione ad essi, formando i propri giovani amministratori all’insegna di verità del tutto detestate dalla cultura dominante. Un aspetto, in vista delle future elezioni politiche, da tenere presente.

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Legge sul biotestamento, è giusto fare resistenza

      mons-negri di Luigi Negri. Di fronte all’approvazione definitiva della legge sul testamento biologico, la prima osservazione, amara, è che la Chiesa italiana ha perso una battaglia che peraltro non ha neanche combattuto. Più in generale non si può evitare un confronto con quanto accadde solo pochi anni fa quando Eluana Englaro è stata uccisa dallo Stato con una operazione infame: allora la realtà popolare cattolica aveva accompagnato questo martirio con una presenza viva e attiva, cercando di impedirlo. Leggi il seguito… 

    • La politica si è arresa

      alfredo-mantovano di Alfredo Mantovano. Non è detto che il totalitarismo si manifesti solo coi carri armati: quando vi è una sostanza di selezione eugenetica, di soppressione del più debole, di frantumazione della famiglia, la circostanza che tutto questo sia espresso da maggioranze o da sentenze non elimina sinistre similitudini con i più oppressivi regimi del XX secolo Leggi il seguito… 

    • Biotestamento. Don Arice, “il Cottolengo farà obiezione di coscienza, non applicherà le DAT”

      don-arice Nelle sue strutture, il Cottolengo non applicherà le Dat. Lo ha comunicato all’AGI il superiore generale don Carmine Arice. “Noi – ha affermato il sacerdote – non possiamo eseguire pratiche che vadano contro il Vangelo, pazienza se la possibilità dell’obiezione di coscienza non è prevista dalla legge: è andato sotto processo Marco Cappato che accompagna le persone a fare il suicidio assisitito, possiamo andarci anche noi che in un possibile conflitto tra la legge e il Vangelo siamo tenuti a scegliere il Vangelo”. Leggi il seguito… 

    • Approvata la legge che apre all’eutanasia. Crepaldi: I ponti senza verità non reggono

      Giampaolo Crepaldi di Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân. Giovedì scorso 14 dicembre il Parlamento italiano ha approvato la legge cosiddetta sulle DAT che apre all’eutanasia, persino in forme più accentuate che in altri Paesi. Durante la fase della discussione in Parlamento e nel Paese anche io, come vescovo e come presidente dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân, ero intervenuto, insieme ad altri, come per esempio il Centro Studi Rosario Livatino, per mettere in evidenza la gravità del contenuto di questo testo di legge. Purtroppo ha prevalso un’ideologia libertaria e, in definitiva, nichilista, espressa in coscienza da tanti parlamentari. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.