La propaganda e la realtà

renzi

Vedete, una delle cose che proprio non sopporto è la mistificazione. Il governo Renzi entra in carica nel febbraio 2014 e resta in carica fino al dicembre 2016, succeduto dal governo Gentiloni.

Ora il PD vende la “sola” della ripresa economica paragonando il prima col dopo.

Questo è però un modo truffaldino di presentare la realtà. Come se un ristoratore confrontasse il numero dei clienti durante l’epidemia di colera e dopo. Se i governi PD avessero fatto bene, l’economia italiana sarebbe dovuta andare meglio della media degli altri partner europei.

In caso contrario vorrebbe dire che Renzi e Gentiloni non sono poi così bravi come vogliono fare intendere.

renzo

Eurostat mostra che il PIL dell’area EURO nel 2013, l’anno precedente a Renzi-Gentiloni, era 100,4 mentre l’Italia era 96,1 (differenza 4,3 punti). Nel 2016, alla fine del governo Renzi, l’area EURO era cresciuta a 105,8 con l’Italia a 98 (la differenza era salita a 7,8 punti). Andiamo a vedere la previsione della commissione europea nell’ottobre 2017 per il triennio 2017-2019 usando un diverso indice, la crescita percentuale. Nel 2017 l’area euro sarà cresciuta del 2,2% e l’Italia dell’1,5% (differenza 0,7%).

Nel 2018 e 2019 la crescita nell’area euro sarà rispettivamente del 2,1 e 1,9%, ma in Italia continuerà ad essere sempre più bassa, riducendosi all’1,3 nel 2018 e all’1,0% nel 2019 (differenza 0,8 e 0,9%).

renzo-2

Dunque andiamo costantemente e progressivamente peggio dei nostri competitori, ma la narrazione di Renzi e Gentiloni è che i loro governi hanno portato l’Italia fuori dalla crisi.

Nel compenso hanno dato a l’Italia tanti “diritti di civiltà”: divorzio breve, unioni civili, testamento biologico. E ce ne avrebbero date molte altre se quei cattivoni del centro destra non si fossero messi di traverso: adozione gaya, ius soli, droghe, legge omofobia, divorzio lampo, sono ciò che il partito radicale di massa ha nell’agenda se dovesse prevalere nella prossima legislatura.

Abbiamo un solo colpo in canna, è la nostra scheda elettorale. Non sprechiamola.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Uniti, ma fino a un certo punto

      di Marcello Veneziani. Noi europei siamo fragile cosa ma se avessimo vera unità verso l’esterno, anziché pretendere uniformità all’interno, saremmo in grado di esprimere una forte e coesa leadership europea, un esercito comune, una linea strategica unita. Alla fine mi accorgo che i veri europeisti poi sono i sovranisti, quelli che credono cioè alla sovranità europea rispetto al mondo, dopo aver rivendicato all’interno le sovranità nazionali rispetto alle imposizioni eurocratiche; quelli che credono che sia decisivo difendere i confini e la sicurezza, e che sia necessario avere decisori forti. Non puoi misurarti con nessuno al mondo se ti definisci globalista, nemico delle frontiere, pacifista disarmato ad ogni costo Leggi il seguito…

    • Super ex cita Newman: perchè è giusto resistere al papa

      di Marco Tosatti. Il nuovo santo, il cardinal J. H. Newman, ci parla. Prendiamo in mano la sua Lettera al duca di Norfolk. Coscienza e libertà (Paoline), e immaginiamola scritta ai pochi cardinali che oggi si oppongo alla distruzione sistematica della Chiesa, guidata da Bergoglio Leggi il seguito…

    • Benedetto XVI ad Aparecida: una luce per oggi

      di Stefano Fontana. Può essere molto utile, mentre si svolge il sinodo dell’Amazzonia, rileggere il discorso di Benedetto XVI all’inaugurazione della V Conferenza dei vescovi latinoamericani e dei Caraibi ad Aparecida il 13 maggio 2007. La prima cosa che si nota è una visione provvidenziale e cristiana del processo di evangelizzazione di quel continente. “Che cosa ha significato l’accettazione della fede cristiana per i Paesi dell’America Latina e dei Caraibi?” si chiedeva il papa. E rispondeva “Per essi ha significato conoscere e accogliere Cristo … ha significato anche aver ricevuto, con le acque del Battesimo, la vita divina che li ha fatti figli di Dio per adozione; avere ricevuto, inoltre, lo Spirito Santo, che è venuto a fecondare le loro culture, purificandole”. Leggi il seguito…

    • E il Nobel di Greta è volato in Etiopia

      di Giuseppe Leonelli. I bookmaker hanno toppato. Greta Thunberg non ha vinto il premio Nobel per la Pace 2019 che è invece stato assegnato al premier etiope Abiy Ahmed Ali “per i suoi sforzi  – si legge nella motivazione – per raggiungere la pace e la cooperazione internazionale, e in particolare per la sua decisiva iniziativa per risolvere il conflitto di confine con la vicina Eritrea”. E così, dopo avere accusato il leader del pianeta di averle “rubato i sogni e l’infanzia”, Greta si è vista scippare l’importante riconoscimento dal premier etiope. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.