La propaganda e la realtà

renzi

Vedete, una delle cose che proprio non sopporto è la mistificazione. Il governo Renzi entra in carica nel febbraio 2014 e resta in carica fino al dicembre 2016, succeduto dal governo Gentiloni.

Ora il PD vende la “sola” della ripresa economica paragonando il prima col dopo.

Questo è però un modo truffaldino di presentare la realtà. Come se un ristoratore confrontasse il numero dei clienti durante l’epidemia di colera e dopo. Se i governi PD avessero fatto bene, l’economia italiana sarebbe dovuta andare meglio della media degli altri partner europei.

In caso contrario vorrebbe dire che Renzi e Gentiloni non sono poi così bravi come vogliono fare intendere.

renzo

Eurostat mostra che il PIL dell’area EURO nel 2013, l’anno precedente a Renzi-Gentiloni, era 100,4 mentre l’Italia era 96,1 (differenza 4,3 punti). Nel 2016, alla fine del governo Renzi, l’area EURO era cresciuta a 105,8 con l’Italia a 98 (la differenza era salita a 7,8 punti). Andiamo a vedere la previsione della commissione europea nell’ottobre 2017 per il triennio 2017-2019 usando un diverso indice, la crescita percentuale. Nel 2017 l’area euro sarà cresciuta del 2,2% e l’Italia dell’1,5% (differenza 0,7%).

Nel 2018 e 2019 la crescita nell’area euro sarà rispettivamente del 2,1 e 1,9%, ma in Italia continuerà ad essere sempre più bassa, riducendosi all’1,3 nel 2018 e all’1,0% nel 2019 (differenza 0,8 e 0,9%).

renzo-2

Dunque andiamo costantemente e progressivamente peggio dei nostri competitori, ma la narrazione di Renzi e Gentiloni è che i loro governi hanno portato l’Italia fuori dalla crisi.

Nel compenso hanno dato a l’Italia tanti “diritti di civiltà”: divorzio breve, unioni civili, testamento biologico. E ce ne avrebbero date molte altre se quei cattivoni del centro destra non si fossero messi di traverso: adozione gaya, ius soli, droghe, legge omofobia, divorzio lampo, sono ciò che il partito radicale di massa ha nell’agenda se dovesse prevalere nella prossima legislatura.

Abbiamo un solo colpo in canna, è la nostra scheda elettorale. Non sprechiamola.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Humanae Vitae, la questione sociale

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nei giorni scorsi ho presentato su la Nuova Bussola Quotidiana (vedi qui) il Dizionario su Sesso, amore e fecondità (Cantagalli 2019) dell’Istituto Giovanni Paolo II per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia, curato da José Noriega. Il prof. Noriega aveva chiesto anche a me di scrivere una voce del Dizionario che riguardasse il rapporto tra la Humanae vitae e l’ambito politico dell’agire umano. Ne è uscita quindi la voce Humanae vitae: la questione sociale nella quale si segnala l’importanza del nesso tra la prospettiva dell’enciclica di Paolo VI e la Dottrina sociale della Chiesa. Pubblico ora qui sotto un breve stralcio della voce del Dizionario. Leggi il seguito…

    • Il Cardinale nigeriano Francis Arinze attacca Papa Bergoglio sull’immigrazione. Guerra aperta nel Gotha Vaticano. Il papa nero Arinze: “Basta con l’immigrazione”

      di Carlo Franza. Il cardinale Francis Arinze, ottantaseienne, è uno dei cardinali dell’ordine dei Vescovi ed è tra gli attuali 6 titolari delle Chiese suburbircarie di Roma. Così chiare le parole del Cardinale Arinze: “Gli europei devono smetterla di incoraggiare la partenza dei giovani africani. L’Africa ha bisogno di loro. Il miglior modo in cui i paesi dell’Europa e dell’America possono aiutare l’Africa non è incoraggiando i giovani a venire in Europa facendogli pensare all’Europa come un paradiso – un luogo dove il denaro cresce sugli alberi – ma aiutando i paesi da dove vengono…” Leggi il seguito…

    • Ci vogliono campo profughi dell’Europa

      di Riccardo Cascioli. La strana crisi di governo che si è aperta in Italia, a prescindere da come evolverà, una cosa l’ha comunque chiarita: c’è un potere che ha deciso che l’Italia deve diventare il campo profughi dell’Europa. Leggi il seguito…

    • L’inutile dialogo senza identità né verità

      di Peppino Zola. Tanta parte del mondo cattolico si sta riducendo a dire cose scontate, per lo più banali. Fra cui la necessità del dialogo. Che tipo di dialogo? Al Meeting di Rimini, ad esempio, si esclude l'argomento "fine vita" perché "troppo divisivo". In queste condizioni non è dialogo, ma condiscendenza.  Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.