LA LEOPOLDA PARTORISCE LA POLITICA DELLE FAKE NEWS

leopolda

Alla “Leopolda” Matteo Renzi, a corto di argomenti seri, ha puntato, in vista della campagna elettorale, sulla questione, proposta come vitale, delle notizie false, traendo ispirazione, oltre che da Laura Boldrini e da Matteo Grandi, autore del libro “Far Web. Odio, bufale, bullismo, il lato oscuro dei social”, dagli Usa, dove, a seguito delle elezioni presidenziali che hanno visto perdente la favoritissima Hillary Clinton, è riesplosa l’isteria maccartista dei primi anni ’50, quando si dava la caccia ai comunisti annidati in ogni pertugio dello stato e della società. Oggi si attribuisce l’inattesa vittoria di Donald Trump alle fake news diffuse da siti e hacker al servizio di Mosca. In fondo poco è cambiato in settant’anni. Sempre del nemico storico si tratta: la Russia. Quanto all’Italia sulle prime si è creduto a un assist offerto a Renzi dagli americani New York Time e Buzzfeed, preoccupatissimi di un analogo intervento russo nelle prossime elezioni italiane ai danni del PD,

garante dell’alleanza atlantica, e a favore dei 5 Stelle e della Lega. Presto però si è scoperto che il leader PD l’assist se lo era fatto da solo, dal momento che ispiratore (confesso) dei due articoli è risultato un certo Andrea Stoppa, già socio o dipendente di Marco Carrai, a sua volta fido collaboratore informatico di Renzi, che, da presidente del consiglio, voleva affidargli i nostri servizi segreti. Insomma quella esplosa alla Leopolda era una delle solite “balle” del leader “Bomba”.

Chi conosce due parole di storia sa che tanto la diffusione di notizie false quanto l’occultamento di quelle vere sono da sempre strumenti sia della politica estera sia di quella interna degli Stati. Dopo tutto le fake news nelle loro varie gradazioni (notizie inventate di sana pianta o ingigantite, cancellazioni o minimizzazioni), ammanite secondo i mezzi e gli usi dei tempi, sono da sempre l’anima della propaganda degli Stati, che nei casi più gravi vi danno copertura legale con il segreto di Stato e i documenti riservati o top secret. All’esterno si tratta di un forma di guerra in tempo di pace. All’interno invenzioni e silenzi servono a tenere i cittadini all’oscuro di verità scomode. Fingere di scoprirlo adesso è, per l’appunto, un fake new.

Tutto questo era assolutamente pacifico più o meno fino agli anni ’70 del secolo scorso, fino a quando cioè i governi avevano il monopolio pressoché totale delle false notizie politiche o comunque suscettibili di conseguenze e riflessi politici (ufficialmente – come dice il codice penale – “di turbare l’ordine pubblico”). Un’epoca rimpianta dall’amico di Renzi, Carrai, quando dice: “Un tempo l’informazione era verticale, garantita da una autorictas e divulgata solo dai quotidiani”, purtroppo (per lui) sostituita dallo web e dai social con linformazione orizzontale, che (è indubbiamente vero) “si autoalimenta e per i follower diventa vero solo ciò che è virale”. Di conseguenza un gruppuscolo o perfino un singolo, con un minimo di preparazione tecnica, possono diffondere a livello planetario le loro “invenzioni”.

Naturalmente l’auctoritas di cui parla Carrai non garantiva affatto la veridicità delle notizie diffuse dai quotidiani (e dagli altri mass media), ma solo la conformità all’interesse e alla volontà dei centri di potere (in genere, all’epoca, i governi), che, almeno sul piano interno, avevano il controllo pressoché totale dell’informazione. Di qui la reazione di chi agita lo spauracchio delle fake news nel tentativo di ristabilire l’informazione verticale e restaurare il perduto monopolio. Allo stato delle cose (Carrai e Stroppa assicurano però che è allo studio un algoritmo capace di farlo, ma forse si tratta di una fake new), l’impossibilità di trovare un criterio oggettivo per discernere le notizie false dalle vere renderebbe ardua l”impresa se l’intento fosse davvero di bloccare quelle false per la gloriosa affermazione della verità dei fatti. Tuttavia, dal momento che le fake news da eliminare sono solo quelle degli altri, la mancanza di criteri oggettivi facilita il compito, perché non si tratta più di trovarli, ma semplicemente di convincere i sudditi, con le buone o le cattive, ad accettare l’auctoritas del governo e dei mass-media dell’ establishment come unica pietra di paragone del vero. Si aspira a tornare alla prima metà del secolo scorso, quando per le anime ingenue che formavano l’opinione pubblica la maggior garanzia di veridicità era “l’ha detto la radio”.

Renzi può contare sulla sponda del neo-maccartismo americano, perché entrambi ne guadagnano. Gli Stati Uniti hanno bisogno di tutti gli alleati europei nella loro guerra comunicazionale alla Russia. A Renzi l’indiscussa (in Italia) autorità americana serve come criterio di verità o falsità delle news, incluse quelle, utili per la campagna elettorale, che danno per certa l’esistenza di un’offensiva russa supportata da Lega e 5 Stelle. In Italia, in attesa dell’algoritmo, la comunicazione verticale si nutre delle notizie passate dai reports di un organo di propaganda del governo statunitense come l’Atlantic Council, un pensatoio con sede a Washington, che ha lo scopo di “promuovere la leadership americana e il ruolo centrale dell’alleanza atlantica nell’affrontare le sfide del XXI secolo”. Sempre all’informazione verticale si deve la notizia, riportata dalla Stampa (tanto esperta fin dall’origine di fake news – all’epoca si chiamavano semplicemente bugie – da essere stata ribattezzata dai torinesi “la busiarda”), che “già nell’autunno 2016 il Dipartimento di Stato Usa aveva informato con tanto di prove il governo italiano di una offensiva russa in Italia”, specificando che “le prove portate a Roma dalla missione del Dipartimento di Stato erano concrete, ma sarebbe impossibile rivelarle senza violare la legge”. Insomma, basta la parola di Washington.

da Domus Europa

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e scuola: alle radici del problema

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Alla Dottrina sociale della Chiesa è sempre appartenuta la dottrina della “Regalità sociale di Cristo”. Questa è stata direttamente enunciata in molte encicliche preconciliari. In quelle postconciliari non è più stata affermata con chiarezza, quanto piuttosto presupposta indirettamente, quindi non obliata ma oscurata. In ogni caso non è mai stata formalmente negata. Leggi il seguito…

    • «Sinodo Amazzonia, un pretesto per cambiare la Chiesa»

      di Riccardo Cascioli. Il cardinale Gerhard Müller, già prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, boccia senza appello l'Instrumentum Laboris del Sinodo per l'Amazzonia: «Nasce da una visione ideologica che nulla ha a che fare con il cattolicesimo». «Trattano il nostro Credo come se fosse una nostra opinione europea, ma il Credo è la Rivelazione di Dio in Gesù Cristo, che vive nella Chiesa. Non ci sono altri credo».«Dobbiamo rifiutare in modo assoluto espressioni come “conversione ecologica”. C’è solo la conversione al Signore, e come conseguenza c’è anche il bene della natura». «I sacramenti non sono riti che ci piacciono e il sacerdozio non è una categoria sociologica». «La Rivelazione di Dio in Cristo si fa presente nei sacramenti, e la Chiesa non ha alcuna autorità per cambiare la sostanza dei sacramenti». Leggi il seguito…

    • I cattolici, il suicidio assistito e l’Ordinanza della Corte costituzionale

      di Silvio Brachetta. Assuntina Morresi, su Tempi, critica le posizioni dell’Osservatorio Van Thuân – espresse da Stefano Fontana – circa la necessità di non scendere a compromessi sull’eutanasia. Il compromesso in questione – che un gruppo di parlamentari cattolici ha richiesto alla Conferenza episcopale italiana di sostenere – prevede, tra l’altro, l’attenuazione delle pene regolate dall’articolo 580 del Codice penale, nella speranza di mantenerlo in essere. Se, infatti, l’articolo 580 non sarà abrogato, costituirà almeno un argine all’eutanasia, che potrebbe essere introdotta da future legislazioni in materia Leggi il seguito…

    • Ma oltre i migranti ci sono i restanti

      di Marcello Veneziani. Ero l’altro giorno a Otranto nella piazza dedicata “all’umanità migrante”, dove campeggia un monumento in forma di barca dedicato ai migranti. E mi sono detto: ma all’umanità restante nessuno dedica niente, piazze, monumenti, prediche, premure? Non c’è settimana che Papa Bergoglio non si preoccupi dei migranti che ritiene un’umanità speciale; a loro dà priorità e dedica l’evangelico “Prima gli ultimi”. E non c’è dem, progressista, radicale, cattosinistro, ogni santo giorno, che non consideri bestie, razzisti, subumani e disumani coloro che non ritengono assoluto e illimitato il diritto di migrare e il dovere di essere accolti. Al Papa e ai promigranti vorrei dire: i veri ultimi non sono i migranti. Sono i restanti. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.