Biotestamento. Don Arice, “il Cottolengo farà obiezione di coscienza, non applicherà le DAT”

don-arice

Nelle sue strutture, il Cottolengo non applicherà le Dat. Lo ha comunicato all’AGI il superiore generale don Carmine Arice. “Noi – ha affermato il sacerdote – non possiamo eseguire pratiche che vadano contro il Vangelo, pazienza se la possibilità dell’obiezione di coscienza non è prevista dalla legge: è andato sotto processo Marco Cappato che accompagna le persone a fare il suicidio assisitito, possiamo andarci anche noi che in un possibile conflitto tra la legge e il Vangelo siamo tenuti a scegliere il Vangelo”.

“Di fronte ad una richiesta di morte – ha spiegato – la nostra struttura non può rispondere positivamente. Attualmente l’obiezione di coscienza non è prevista per le istituzioni sanitarie private, però io penso che in coscienza non possiamo rispondere positivamente ad una richiesta di morte: quindi ci asterremmo con tutte le conseguenze del caso”.

Secondo don Arice, che è stato direttore nazionale della pastorale sanitaria della Cei ed è membro dell’organismo vaticano per gli ospedali cattolici, “il tema vero da affrontare, e non viene fatto, è quello di creare condizioni che permettano a chi è solo e in condizioni di difficoltà e sofferenza di non invocare la morte, a cominciare dalle persone anziane che si trovano in povertà e afflitte da patologie. Invece vediamo prevalere troppo spesso la cultura dello scarto che spinge le persone più deboli a dire ‘tolgo il fastidio’”.

Quanto al tema della sospensione dell’idratazione e della nutrizione invocato da diversi esponenti del mondo cattolico come la discriminante che impedisce un giudizio positivo sulle DAT, per don Carmine Arice superiore generale del Cottolengo “è un falso problema”. “Le nostre riserve – ha spiegato il religioso al vaticanista Agi Salvatore Izzo- sono motivate dalla questione di un’autodeterminazione che mortifica il rapporto medico-paziente e la professione stessa del medico, cristallizza una volontà espressa in tempi diversi dalla situazione che si sta vivendo in quel momento e soprattutto spinge a una visione della vita che non è accettabile, per la quale solo chi è vincente merita di sopravvivere”.

Secondo don Arice, “la sospensione dell’idratazione e la sospensione della nutrizione sono infatti già accettate dalla Chiesa: il criterio della proporzionalità delle cure è stato fissato già da Pio XII ed è ripreso in modo esplicito nella Carta per gli Operatori Sanitari approvata da Papa Francesco, nella quale al punto 152 si afferma che nutrizione e idratazione sono da mantenere quando “non risultino troppo gravose” mentre in altri casi “non sono giustificate”.

Fonte: Faro di Roma

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il festival itinerante del Migrante

      sinistra-migranti di Marcello Veneziani. Una compagnia di giro fatta di scrittori, cineasti, artisti, giornalisti, pensatori, preti da sbarco, poeti da sballo, attori, cantanti e musicanti, guidata da un collettivo d’impresari a senso unico animerà l’estate italiana portando in scena il solito copione: Viva l’accoglienza, a morte il razzismo, forza stranieri, aprite i porti e le frontiere, come ci piacciono i bambini venuti dal mare o dalla provetta, mentre quelli nati dalla madre italiana non li reggiamo più. Viva gli uteri in affitto per coppie gay, abbasso la chicco e i suoi molesti utenti neonati Leggi il seguito… 

    • Bufale sulla Sindone? Eccome, sono tutte nel “falso” studio

      sindone di Emanuela Marinelli. Tesi a dir poco approssimative, esperimenti oltre il "bizzarro", mancanza di conoscenza e di fondamenti scientifici... questo e molto altro c'è nello studio rimbalzato sui media e che attribuirebbe elementi di falsità alla Sacra Sindone. Ma non è tutto: gli autori della ricerca, Borrini e Garlaschelli, non hanno mai fatto parte del team di scienziati che ha studiato il Lenzuolo di lino, anzi non l'hanno mai nemmeno visto da vicino. C'è altro da aggiungere? Leggi il seguito… 

    • Addio culto, la chiesa si ricicla rifugio dei clandestini

      zanotelli di Luisella Scrosati. Zanotelli auspica la trasformazione delle chiese in ostelli per i clandestini; il vescovo di Caserta vorrebbe chiese-moschee per accogliere. E' il trionfo della strategia Sant'Egidio, che segna l'addio all'esclusività del culto. Una "politica" confermata anche da un prossimo convegno vaticano sull'uso delle chiese dismesse per scopi "sociali e culturali". Leggi il seguito… 

    • Nessuna azione sociale senza dottrina. Non è possibile “costruire la città nuova sulle nuvole”

      giuseppe_toniolo di Silvio Brachetta. San Pio X insegna che è impossibile un’azione sociale senza dottrina: «In questi tempi di anarchia sociale e intellettuale, in cui ciascuno si atteggia a dottore e legislatore, non si costruirà la città diversamente da come Dio l’ha costruita; non si edificherà la società, se la Chiesa non ne getta le basi e non ne dirige i lavori; no, la civiltà non è più da inventare, né la città nuova da costruire sulle nuvole» Leggi il seguito…