Trump un anno dopo, in tredici Stati Usa è piena occupazione

donald-trump

di Roberto Santoro.

L’America di Trump, un anno dopo. Dicevano che sarebbe stato un disastro, ma il numero degli occupati in tredici Stati americani al momento supera tutti i record tracciati nelle serie storiche da quarant’anni a questa parte, più o meno da quando il governo federale ha iniziato a fare queste rilevazioni in modo sistematico. Sono Stati degli Usa “blu”, governati da democratici, e “rossi”, in mano ai repubblicani.

Il tasso di disoccupazione medio a livello nazionale è del 4,1 per cento, il più basso dal 2000. Ma circa tredici, secondo alcuni quindici, Stati hanno tassi significativamente più bassi della media nazionale, e in almeno quattro casi attorno al 2,5/2,7 per cento.

Sui giornali Usa si vedono foto di operai al lavoro nell’Indiana, mentre Goldman Sachs fa sapere che se il 2017 è stato un anno sorprendente, il 2018 riserverà delle sorprese ancora più esaltanti, con una crescita media a livello globale stimata intorno al 4 per cento. Gli Usa di Trump nell’ultimo trimestre hanno marciato nella giusta direzione, superando le stime di un già roseo 3 per cento.

Ora, dicono gli analisti, tutto si giocherà intorno alla riforma del fisco, la grande promessa trumpista di abbassare le tasse a un’America che sembra essere ripartita alla grande. Se anche stavolta il Congresso, e quei repubblicani che da un anno si leccano le ferite e hanno fatto inciampare Trump sulla riforma della sanità, si metteranno di nuovo di traverso, avranno una grande e negativa responsabilità.

Sarebbe a dire la eventuale sterzata protezionista annunciata tante volte dal Don, un ripensamento generale dei trattati commerciali e di libero scambio, come il NAFTA. Una mossa fatta nella convinzione che la Nuova America, tornata solida e forte, dove si investe e si trova lavoro, può fare da sola, scenario che preoccupa non poco i difensori dell’economia globalizzata.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Se il peccato non è un dato oggettivo, salta la Dottrina sociale

      stanislas-lalanne Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Il vescovo francese Stanislas Lalanne ha affermato: “Non posso dire che la pedofilia sia peccato”. Se l’uomo non è più in grado di sapere quando una sua azione è peccato allora vuol dire che anche i peccati sociali ci rimangono oscuri e, con essi, le “strutture di peccato” di cui parlava Giovanni Paolo II nella Sollicitudo rei socialis (1987). Non so quanti vescovi la pensino come monsignor Lalanne. Mi sento di dire solo che un simile modo di vedere le cose è come una pietra tombale sulla Dottrina sociale della Chiesa Leggi il seguito… 

    • Lo spread esiste, il popolo no

      popolo-spread di Marcello Veneziani. Il Corriere della sera, in un editoriale di Angelo Panebianco, è arrivato a sostenere che lo spread è reale, mentre il popolo è un’astrazione, non esiste, se non nella propaganda sovranista. Panebianco rispondeva a una semplificazione demagogica, ma la conclusione a cui portava era questa: il popolo è un’invenzione dei populisti, lo spread, invece, è vero e vivo nel regno della finanza, quindi esiste quasi in natura… Ecco come capovolgere la realtà che ci dice esattamente l’inverso: Leggi il seguito… 

    • Contro l’ideologia che erge a modello un sistema di reati

      mimmo-lucano-sindaco-riace di Centro Studi Livatino. I fatti avrebbero dovuto consigliare prudenza nel commentare la vicenda Riace; soprattutto avrebbero dovuto evitare impropri accostamenti col tema della resistenza alla legge ingiusta. Spiace invece constatare che, oltre a commentatori poco attenti ai fatti, anche magistrati (Magistratura democratica) abbiano strumentalizzato la vicenda per attaccare i Giudici di Locri e la politica dell’Esecutivo in tema di immigrazione Leggi il seguito… 

    • Utero in affitto, si difende il reato, si censura la verità

      manifesto-censurato-contro-utero-affitto di Marco Guerra. La Raggi annuncia la rimozione dei manifesti contro l’utero in affitto di Generazione Famiglia e Pro Vita. In Italia si è liberi di reclamizzare la maternità surrogata, che è reato, mentre viene punita la difesa della verità e del diritto dei bambini a mamma e papà.  Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.