Il Regno di Dio è grande

 

Un anno scorre dopo l’altro, ma il Signore non si dimentica di nessuno e chiama sempre, anche chi si dimentica di Lui.

Non è semplice la vita per un  sacerdote che ha lasciato il ministero (erroneamente si sente dire l’espressione lasciato il sacerdozio), allo stesso modo che per chi ha lasciato il proprio sposo o sposa, ma non principalmente per i giudizi dentro o fuori la comunità. Essi possono esistere o meno, ma la realtà profonda non cambia.

Qual è questa profonda realtà? In genere, quando un cristiano si discosta dalla propria vocazione, in mezzo ai molteplici motivi umani si riscontra una profonda incomprensione e non accettazione del senso della propria vocazione. Se la persona sposata, in qualche modo, è parzialmente scusabile, il sacerdote, certo, molto meno, in quanto preparato per la missione alla scuola di Gesù Sacerdote. Proprio convivere con la consapevolezza crescente di non aver risposto con generosità sufficiente alla chiamata del Signore è l’aspetto difficile e anche il grande dono che queste persone ricevono. Scoprire meglio che Dio e la Sua chiamata sono grandi. Poi, accettare con umiltà, il servizio di Dio nelle sue nuove modalità e, con semplicità continuare il cammino di santità. C’è sempre un posto nel Suo Regno e anche nella Sua Chiesa, basta, questa volta, accoglierlo pienamente.

Spiace, davanti a questa verità , periodicamente trovare sulla stampa, on line o meno, scritti rivendicativi di un sacerdozio uxorato, che non comprendono a fondo le esigenze del sacerdozio celibatario. Adesso si trova anche il modo di invocare Amoris laetitia a sostegno del contributo che il sacerdozio uxorato potrebbe dare alla cura della famiglia (AL 202), ma non si cercano motivi per l’incalcolabile valore del sacerdozio celibatario. Sol perché non li vediamo, laici e sacerdoti, non vuol dire che non esistano. Possiamo sempre scoprirli.

Non metto in discussione i begli esempi di sacerdoti sposati nelle Chiese Orientali che accolgono questo uso, ma mi permetto dire che la scuola del sacerdozio celibatario, sia Cattolico che nelle Chiese Orientali pure esistente, è intramontabile e grande faro. In fondo, perché dovrebbe attrarre meno l’esempio personale di Gesù, se non la necessità  di non pochi sostenitori del sacerdozio uxorato di trovare argomenti che giustifichino la propria condizione all’interno della quale legittimare il recupero di ciò che hanno “perso” per propria scelta? Qualcuno desidera ricevere la comunione quando non è nelle dovute disposizioni e qualcun altro desidera esercitare un ministero rivendicando. Ma la Chiesa non è il supermercato delle rivendicazioni ed i suoi ministri, anche quando avessero lasciato il ministero, dovranno rispettarne le scelte.

Spero che queste parole, dette con pace del cuore, non suonino provocatorie a qualcuno, ma un fraterno richiamo ad essere realmente nella Chiesa, visto che questo ci è ampiamente dato, anche se nella nostra nuova condizione. Il Regno di Dio è grande e a quante grandi cose ci chiama il Signore.

Per esempio, ricordo a tutti che l’Adorazione eucaristica per le vocazioni in difficoltà, nella nostra Diocesi, continua ogni mese: quest’anno, il terzo lunedì del mese alle ore 20.30, guidato dalle Sorelle Clarisse, che la ospitano, ormai, da anni.

Chiedo ad ogni lettore di unirsi a questo momento di preghiera e di suscitarne altri nelle loro comunità .

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Omogenitorialità, una causa contro gli abusi dei sindaci

      generazione-famiglia-senato di Marco Guerra. Generazione Famiglia e CitizenGo, presentano esposti ai tribunali di Milano, Torino, Firenze, Bologna e Pesaro e hanno tenuto ieri una conferenza stampa al Senato con i parlamentari di centrodestra, per rispondere ai sindaci che, aggirando la legge, hanno affidati minori a coppie gay Leggi il seguito… 

    • Gli Stati Uniti si ritirano dal Consiglio dei Diritti Umani dell’Onu

      ambasciatrice-usa-onu di Lorenzo Vita. Gli Stati Uniti scelgono, ancora una volta, la via della rottura con la comunità internazionale. L'ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite ha annunciato che il suo Paese si ritira dal Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, definito come "la fogna della faziosità politica". "Prendiamo questa decisione perché il nostro impegno non ci permette di continuare a far parte di un'organizzazione ipocrita e asservita ai propri interessi che ha fatto dei diritti umani una barzelletta", ha dichiarato la Haley. Leggi il seguito… 

    • Tanti interessi dietro le accuse di inumanità

      centro-di-accoglienza di Gianandrea Gaiani. L'Italia continua ad accogliere migranti irregolari, anzi sono aumentati negli ultimi giorni. Lo stop riguarda solo le navi delle Ong, ma potrebbe essere l'inizio di una nuova linea europea, che manderebbe in crisi il fiorente business dell'accoglienza. E guarda caso le accuse arrivano da chi sui clandestini ci sta guadagnando. Leggi il seguito… 

    • Quando Bergoglio telefonò a Enrico Letta, e partì l’operazione “Mare Nostrum”. Una rivelazione.

      papa_lampedusa_ansa di Marco Tosatti. L’operazione “Mare Nostrum”, che segnò l’inizio della straordinaria ondata di migrazione (alcuni parlando di invasione) dalle coste africane, e in particolare dalla Libia destabilizzata dall’aggressione anglo-franco-americana,  ha avuto uno sponsor eccezionale. Lo rivelano a Stilum Curiae fonti di alto livello del Ministero degli Interni, che all’epoca erano presenti e operative nella stanza dei bottoni. Leggi il seguito…