Il Regno di Dio è grande

 

Un anno scorre dopo l’altro, ma il Signore non si dimentica di nessuno e chiama sempre, anche chi si dimentica di Lui.

Non è semplice la vita per un  sacerdote che ha lasciato il ministero (erroneamente si sente dire l’espressione lasciato il sacerdozio), allo stesso modo che per chi ha lasciato il proprio sposo o sposa, ma non principalmente per i giudizi dentro o fuori la comunità. Essi possono esistere o meno, ma la realtà profonda non cambia.

Qual è questa profonda realtà? In genere, quando un cristiano si discosta dalla propria vocazione, in mezzo ai molteplici motivi umani si riscontra una profonda incomprensione e non accettazione del senso della propria vocazione. Se la persona sposata, in qualche modo, è parzialmente scusabile, il sacerdote, certo, molto meno, in quanto preparato per la missione alla scuola di Gesù Sacerdote. Proprio convivere con la consapevolezza crescente di non aver risposto con generosità sufficiente alla chiamata del Signore è l’aspetto difficile e anche il grande dono che queste persone ricevono. Scoprire meglio che Dio e la Sua chiamata sono grandi. Poi, accettare con umiltà, il servizio di Dio nelle sue nuove modalità e, con semplicità continuare il cammino di santità. C’è sempre un posto nel Suo Regno e anche nella Sua Chiesa, basta, questa volta, accoglierlo pienamente.

Spiace, davanti a questa verità , periodicamente trovare sulla stampa, on line o meno, scritti rivendicativi di un sacerdozio uxorato, che non comprendono a fondo le esigenze del sacerdozio celibatario. Adesso si trova anche il modo di invocare Amoris laetitia a sostegno del contributo che il sacerdozio uxorato potrebbe dare alla cura della famiglia (AL 202), ma non si cercano motivi per l’incalcolabile valore del sacerdozio celibatario. Sol perché non li vediamo, laici e sacerdoti, non vuol dire che non esistano. Possiamo sempre scoprirli.

Non metto in discussione i begli esempi di sacerdoti sposati nelle Chiese Orientali che accolgono questo uso, ma mi permetto dire che la scuola del sacerdozio celibatario, sia Cattolico che nelle Chiese Orientali pure esistente, è intramontabile e grande faro. In fondo, perché dovrebbe attrarre meno l’esempio personale di Gesù, se non la necessità  di non pochi sostenitori del sacerdozio uxorato di trovare argomenti che giustifichino la propria condizione all’interno della quale legittimare il recupero di ciò che hanno “perso” per propria scelta? Qualcuno desidera ricevere la comunione quando non è nelle dovute disposizioni e qualcun altro desidera esercitare un ministero rivendicando. Ma la Chiesa non è il supermercato delle rivendicazioni ed i suoi ministri, anche quando avessero lasciato il ministero, dovranno rispettarne le scelte.

Spero che queste parole, dette con pace del cuore, non suonino provocatorie a qualcuno, ma un fraterno richiamo ad essere realmente nella Chiesa, visto che questo ci è ampiamente dato, anche se nella nostra nuova condizione. Il Regno di Dio è grande e a quante grandi cose ci chiama il Signore.

Per esempio, ricordo a tutti che l’Adorazione eucaristica per le vocazioni in difficoltà, nella nostra Diocesi, continua ogni mese: quest’anno, il terzo lunedì del mese alle ore 20.30, guidato dalle Sorelle Clarisse, che la ospitano, ormai, da anni.

Chiedo ad ogni lettore di unirsi a questo momento di preghiera e di suscitarne altri nelle loro comunità .

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Gandolfini: “Renzi faccia tosta, chiede voto ai cattolici dopo offensiva senza precedenti a vita, famiglia e libertà educativa

      renzi-il-bomba di Comitato Difendiamo i Nostri Figli. “Ci vuole la faccia foderata di piombo di Renzi per fare un appello al voto cattolico, dopo una legislatura che ha visto un’offensiva senza precedenti all’antropologia umana e alla libertà di pensiero. Basta ricordare due fiducie sulle unioni civili, private delle adozioni solo grazie al Family Day, e il voto sul bio-testamento senza libertà di coscienza. A questo si aggiungono le proposte di legge per la legalizzazione delle droghe, il ddl sull’omofobia che colpisce i reati di opinione, i tentativi di introdurre l’ideologia gender nella riforma della scuola e il divorzio lampo. Leggi il seguito… 

    • Il tour di Emma fa tappa nella Basilica dei napoletani

      bonino_basilica_napoli di Pietro Gargiulo. Speriamo che questo incubo ilare dal quale con difficoltà ci siamo risvegliati segni la fine di questa allucinazione collettiva per la quale, attraverso l’uso di “parole talismano” (accoglienza, autodeterminazione, ecc.) i veri nemici del popolo si accreditano e vengono accreditati come salvatori della patria Leggi il seguito… 

    • Breve storia di sette anni infami

      politica-italiana di Marcello Veneziani. Nel pieno di una deprimente schermaglia elettorale, guardiamoci indietro per capire come siamo arrivati a questo punto. Ricostruiamo la storia degli ultimi sette anni. In principio fu la fine di Berlusconi. Messo fuori gioco da un mezzo golpe interno e internazionale, nel nome di una parola magica chiamata spread, cominciò per l’Italia il settennato più assurdo della nostra pur anomala storia. Leggi il seguito… 

    • Salvini conquista Reggio Calabria

      odeon_reggio-calabria di Nino Spirlì. Non poteva essere certo quello sparuto plotoncino di “contestatori fotocopia” – con in mano i soliti cartelli (stavolta anche di pessimo gusto) scritti fottendosene dell’ortografia, della sintassi e del buongusto –  a scoraggiare l’onda possente di sostenitori di Matteo Salvini, della Lega e del CentroDestra che si è letteralmente impossessata del Teatro Odeon di Reggio Calabria, la sera di San Valentino. Leggi il seguito…