Dogma e spiritualità

Layout 1Un tempo la spiritualità era più vissuta e praticata, che studiata e descritta nei libri. Ma oggi – mala tempora currunt – di fatto è così. Ed è inutile piangere sul latte versato.

Da un male anzi può comunque derivare qualche bene, visto che secondo l’Angelico, il male non esiste che nel bene, non ha causa che nel solo bene, e non si dà nella realtà creata un sommo Male (cf. SCG, 3, cc. XI-XV). Il bene poi sta in questo: negli ultimi decenni, mentre la spiritualità cristiana andava errando tra carismatismo, ricerca sfrenata del sovrannaturale e irrazionalità, venivano approfonditi i fondamenti teologici della spiritualità e al contempo numerosi studi facevano luce sul legame necessario tra mistica e dottrina della fede. Un autore che ne vale cento in tal senso è il sulpiziano Tanquerey, il cui Compendio di teologia ascetica e mistica (1924), è una summa di sapienza difficile da eguagliare.

Esistono infatti, o almeno sono esistite nei 20 secoli di cristianesimo storico, diverse scuole di spiritualità, divisibili sia per epoca (patristica, scolastica, età moderna e contemporanea) che ancor più per tendenze teologiche, come la scuola benedettina, quella domenicana, quella ignaziana-gesuita, quella carmelitana, oltre ad autori e mistici al di fuori di ogni scuola.

In vasti ambienti della odierna Ecclesia si vorrebbe quasi quasi una spiritualità senza dottrina, una vita cristiana attiva e consapevole senza un Credo stabile e vincolante di verità universali e immutabili. Ma anche l’inetto capisce che una cosa del genere non ha alcun senso, e trasformerebbe presto la spiritualità di cui sopra, in una sorta di panteismo new age a base di emozioni, trasporto, psicoterapie e visioni più o meno autoindotte.

D’altra parte, in altri ambienti della cattolicità, si commette un errore pari e contrario. Affascina, a giusto titolo, la dottrina, il dogma, la Tradizione in tutta la sua potenza e la sua opponibilità ai conati sacrileghi del mondo moderno. E però, se da un lato si vuole difendere il sacro deposito dagli assalti dell’empietà e dell’ateismo, si bada concretamente troppo poco all’edificazione, propria e altrui, di una solida spiritualità, cristiana e cristocentrica. In taluni ambienti di nostra conoscenza si va matti per il catechismo, le sintesi di teologia, per una liturgia verticale e sacralizzante, e per l’apologetica, e ciò è un bene, specie oggi. Ma poi si trascura la lettura devota, la vera mistica (che è altro rispetto all’insano misticismo dei guru) e le stesse numerose ierofanie approvate dalla Chiesa.

Per tutti questi motivi, e molti altri, giova riscoprire al più presto la nobiltà della spiritualità cattolica che consiste, secondo padre Enrico Zoffoli, “nel singolare rapporto di comunione dell’anima con Dio, caratterizzato da un personale modo di partecipare alla vita di Cristo ed espresso da corrispondenti forme di zelo per il bene del prossimo”.

Ecco detto l’interesse per i testi di spiritualità. Da poco ne è stato edito uno, singolarissimo e di piacevole lettura: Sabatino Sciorio, Dogma e spiritualità in Eugenia von der Leyen. Preghiera e sacrificio per le anime del Purgatorio, Casa Editrice Leonardo da Vinci, Roma 2017, pp. 230, euro 20.

In pratica, il teologo campano don Sabatino ha presentato e commentato il Diario spirituale tenuto da una figura di eccezione come è la principessa Eugenia (1867-1929), del casato bavarese dei Thurn und Taxis.

La principessa, “nubile, profondamente religiosa, per nulla bigotta” (p. 9), ebbe speciali visioni mistiche per alcuni anni, in cui le apparvero molte anime purganti. E descrisse queste visioni su consiglio del suo parroco.

Per il sacerdote la lettura del Diario della veggente sarà propizia, “per un verso ad incoraggiare il desiderio della santificazione di ciascuno di noi e, per l’altro, a rafforzare la personale sensibilità soccorritrice a favore dei fedeli defunti” (p. 19). Come impera la settima opera di misericordia spirituale, forse la più trascurata e la più importante: pregare Dio per i vivi e per i morti

D’altra parte, secondo quanto già detto, è impossibile un contrasto tra la sana vita mistica ed i contenuti della fede cattolica, già definiti dal Magistero della Chiesa. Così, come nota don Antonio Livi nella presentazione dell’opera, “il dogma, nella sua trascendenza come verità rivelata, costituisce allo stesso tempo il punto di partenza e la meta finale di ogni autentica via o cammino di perfezionamento spirituale” (p. 5). Più il dogma sarà compreso e meditato, e più si eleveranno le nostre anime: cosa c’è di più bello ed elevante in effetti che pensare Dio? Più la nostra ricerca di spirituale sarà sincera e meglio sonderemo gli insondabili misteri della Rivelazione.

Noi semplici credenti non dobbiamo desiderare visioni, apparizioni o estasi. Dobbiamo cercare di vivere in modo virtuoso e retto, seguendo l’esempio e l’insegnamento dei tantissimi cristiani che ci hanno preceduto nella lotta per la santità.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La croce intatta tra le macerie è il segno per salvare l’Europa

      croce-maria-gesu-notre-dame di Giacomo Susca. «Stat crux dum volvitur orbis», la croce resta salda mentre il mondo cambia. È la storia del Cristianesimo racchiusa in cinque parole. Il motto dei certosini non può essere ridotto a uno status da social network, però la comunità cristiana, che vive di simboli, si aggrappa al Simbolo per eccellenza. Quella croce perseguitata, offesa, osteggiata, dileggiata, mercificata, nonostante tutto rimane l'Alfa e l'Omega, il principio quando sembra arrivata l'Apocalisse. Se c'è stato un errore di valutazione nel commentare nell'immediatezza la catastrofe parigina, forse è stato quello di intravedere in un incidente la fine di una cultura o di un sistema di valori. Può crollare il tetto sopra le nostre teste, ma non il pavimento in cui affondano le radici della cristianità Leggi il seguito… 

    • L’eros anarchico e l’ideologia nichilista del Sessantotto. A proposito delle recenti “Note“ di Benedetto XVI

      1968 di Don Samuele Cecotti. Papa Benedetto XVI, nelle sue Note scritte a favore di papa Francesco e dei presidenti delle Conferenze Episcopali riuniti in Vaticano per affrontare lo scandalo pedofilia nella Chiesa e ora pubblicate, individua nella Contestazione Sessantottesca una vera e propria rivoluzione affermatasi tanto nel mondo (occidentale) quanto nella Chiesa. Come Osservatorio abbiamo dedicato al ’68 il numero 3 (2108) del “Bollettino di Dottrina sociale della Chiesa” [leggi] partendo proprio dal riconoscimento della natura rivoluzionaria della Contestazione e sviluppando una attenta analisi circa gli esiti socio-politici di tale rivoluzione nichilista. Leggi il seguito… 

    • Cattolici e Radio Radicale: lo scandalo continua

      radio-radicale di Riccardo Cascioli. Ancora una volta, di fronte all'intenzione del governo di cancellare il truffaldino finanziamento pubblico a Radio Radicale, c'è una mobilitazione generale. E in prima fila come sempre ci sono fette importanti del mondo cattolico. Un gioco di favori e ricatti reciproci, a danno della fede dei semplici. Leggi il seguito… 

    • Se il mondo che disprezza il Medioevo piange per Notre Dame

      croce-maria-gesu-notre-dame di Luca Volontè. Dopo le fiamme a Notre Dame i fautori del politicamente corretto, gli stessi che tacciano di “oscurantismo medievale” coloro che difendono la vita del concepito e il matrimonio, hanno esternato lamenti per la cattedrale fondata nel Medioevo. C’è dell’ironia (e della menzogna) in questo. Ma c’è anche la speranza di una ricostruzione della società, che può avvenire solo tornando a Cristo, come ricordano i fedeli raccoltisi in preghiera a chiedere l’intercessione di Maria Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.