Il camion pericoloso

img_5134

Oggi, a Roma, è partita la campagna per ricordare il cardinal Carlo Caffarra, a 3 mesi dalla sua morte: camion vele e manifesti, con l’immmagine sopra riportata.

Un ricordo di un grande cardinale, che ha destato grande preoccupazione: la polizia ha fermato il camion per 2 ore, per motivi di sicurezza e per comprendere il motivo dell’iniziativa!

Una vicenda surreale, con una motivazione solo sussurrata:

Caffarra non era sulla linea di Bergoglio”.

Damnatio memoriae: mentre si celebra il protestante Lutero, morto da 500 anni, e non più pericoloso per il papato e per le mura leonine, si teme un cardinale defunto da poco, per i suoi moderatissimi Dubia! I papi del passato possono essere tutti condannati, “figli del demonio”, come voleva Lutero, ma a quello attuale neppure una domanda…

Qui il comunicato di Vita è, per descrivere il senso dell’iniziativa e del ricordo di un cardinale che è stato molto amico dell’associazione:

Oggi, 6 novembre 2017 vogliamo ricordare, a 3 mesi dalla sua morte, il cardinale di Bologna Carlo Caffarra: servitore fedele di Cristo e della Chiesa, fu intimo collaboratore di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI, con i quali condivise l’attenzione verso la famiglia, immagine della Trinità, voluta da Dio per il bene degli uomini.

Il 13 maggio del 1981, nel giorno in cui si festeggiava l’anniversario della I apparizione di Fatima (13 maggio 1917) e Giovanni Paolo II veniva ferito quasi mortalmente con un colpo di pistola, nasceva il Pontificio Istituto per gli studi su Matrimonio e Famiglia di cui Caffarra fu, per volere del papa, primo preside.

Anni più tardi, sempre coraggiosamente impegnato nella difesa della vita e della famiglia contro l’aborto, la fecondazione artificiale, l’utero in affitto e ogni altra aberrazione, Caffarra ricorderà una lettera speditagli da suor Lucia di Fatima, in cui la veggente diceva: “Verrà un momento in cui la battaglia decisiva tra il regno di Cristo e Satana sarà sul matrimonio e sulla famiglia“.

Nell’ultima parte della sua vita Caffarra ha combattutto, con la sua sapienza, la sua umiltà e mite fermezza, per la “sana dottrina” di cui parla l’apostolo san Paolo: “sana dottrina” che sola può permettere, insiema alla Carità vera, la fine della profonda “divisione” in cui versa oggi il mondo cattolico. Perchè, come ebbe a dire il cardinal Caffarra in un’intervista al Foglio, “solo un cieco può negare che nella Chiesa ci sia grande confusione”. Grazie cardinale!

Vita è

Per sostenere le spese della campagna:

Associazione Vita è

Iban IT83Z0103070900000000572267

o:

https://www.notizieprovita.it/step1.php?rel=donazione

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Omofobia, libertà e verità: la lezione di Ruini e Crepaldi

      di Stefano Fontana. Le parole del cardinale Camillo Ruini e dell’arcivescovo Giampaolo Crepaldi a proposito della legge Zan cosiddetta contro l’omotransfobia hanno brillato nel mare di silenzio degli altri vescovi e hanno riproposto con vivacità il modo di ragionare messo a punto da Benedetto XVI. Ambedue gli interventi hanno infatti una chiara impostazione ratzingeriana. Leggi il seguito…

    • I bambini abortiti sono martiri? L’ipotesi si fa strada

      di Ermes Dovico. «Desideriamo sollecitare la Chiesa ad aprire un processo canonico per il riconoscimento del martirio dei bambini uccisi dall’aborto», perché «crediamo che questi bambini abbiano un ruolo importante nell’economia della salvezza». Parla alla Bussola Giovanni Antonucci, fondatore dell’Associazione per la postulazione della causa dei bimbi non nati martiri, fatta da laici e sacerdoti. Alla sua base un’ipotesi teologica che non appare in contrasto con il Magistero. Due i punti principali: il primato della grazia e l’odium fidei rinvenibile nell’ideologia del relativismo. Leggi il seguito…

    • Covid, se i fanatici dell’autodeterminazione ora tifano per il Tso

      di Claudia Passa. “Fare il medico significa anche preoccuparsi per quei due terzi di italiani che non stanno socializzando e sono divisi a metà: ci sono quelli ricchi che stanno a Sankt Moritz, Cortina o a Forte dei Marmi nelle seconde case a fare l’homeworking e poi l’altra metà bloccata in casa a Lorenteggio, o in qualche altro quartiere periferico, impaurito e senza aria condizionata perché qualcuno gli ha detto che se esce muore”. Leggi il seguito…

    • Regno Unito e Belgio, battute d’arresto per l’aborto

      di Luca Volonté. Nel Regno Unito sono naufragati gli emendamenti che miravano a depenalizzare completamente l’aborto e liberalizzare permanentemente l’aborto domestico nei casi di abusi. E intanto la Corte d’Appello ha deciso di accogliere un ricorso di Christian Concern. Sospiro di sollievo anche in Belgio, dove fallisce il progetto di estendere a 18 settimane il tempo per uccidere i bambini in grembo. Leggi il seguito…