Weinstein e quel velo di ipocrisia liberal che si squarcia

clinton-weinstein

di Nicola Porro.

Il caso di Harvey Weinstein è emerso proprio quando la rete di protezione «intellettuale» del produttore di Hollywood è venuta meno. Weinstein non era uno qualunque del giro cinematografaro.

Era un grande finanziatore del Partito Democratico, era l’uomo che non mancava mai alle cene di fundraising di Hillary Clinton. Era il grande amico della grande nemica proprio di Trump, Meryl Streep. Che in occasione dei Golden Globe lo aveva definito «god».

Lo stupratore seriale, secondo le accuse di decine di attrici, poteva presentarsi nella sede del New York Times e, ricordando la sua importanza come investitore pubblicitario, bloccare un pezzo rischiosissimo che una redattrice del quotidiano aveva messo in piedi.

La stessa giornalista, Sharon Waxman, racconta come Matt Damon e George Clooney, distolti per un attimo dalle loro battaglie ecologiste e contro le armi, avessero avuto il tempo di chiamarla per dissuaderla dal pubblicare le notti bollenti del loro produttore.

Weinstein da una parte finanziava Michael Moore, dall’altra spiegava alle sue amichette che se non avessero ceduto alle sue lusinghe non avrebbero più lavorato.

Tutti sapevano di Weinstein, ma nessuno scriveva.

Era ricco, la sua casa di produzione stellare, i suoi amici erano i big boss democratici. Con il trumpismo tutto ciò finisce. Un paradosso. Il presidente che da candidato inciampa sulla passione delle donne per il potere, è lì alla Casa Bianca che ora gode grazie ad un velo di ipocrisia liberal che si squarcia.

È come beccare Marco Travaglio che ruba un fustino di detersivo all’Esselunga.

La cappa liberal di stampo newyorkese si rompe anche su un altro fronte: i rapporti con Israele. Trump, come Reagan, ha avviato le pratiche per uscire dall’Unesco. Le posizioni dell’organismo internazionale sono state decisamente anti-israeliane, e il presidente sbatte la porta.

Il terzo fronte, che combacia perfettamente con i primi due, è quello aperto con le felpette della Silicon Valley.

L’agenda politica e quella fiscale non la dettano più loro. Google, Facebook, Amazon non sono più le reginette della Casa Bianca, così come Weinstein non è più il principe dei produttori.

Ci voleva Trump per cambiare aria. E si capisce bene per quale motivo la campagna elettorale prima e la sua presidenza poi siano state bersagliate da tante critiche. A Washington si sta assistendo ad un cambio di potere gigantesco.

E i segnali si vedono tutti.

Nicola Porro, Il Giornale 14 ottobre 2017

Fonte

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Gandolfini: “Renzi faccia tosta, chiede voto ai cattolici dopo offensiva senza precedenti a vita, famiglia e libertà educativa

      renzi-il-bomba di Comitato Difendiamo i Nostri Figli. “Ci vuole la faccia foderata di piombo di Renzi per fare un appello al voto cattolico, dopo una legislatura che ha visto un’offensiva senza precedenti all’antropologia umana e alla libertà di pensiero. Basta ricordare due fiducie sulle unioni civili, private delle adozioni solo grazie al Family Day, e il voto sul bio-testamento senza libertà di coscienza. A questo si aggiungono le proposte di legge per la legalizzazione delle droghe, il ddl sull’omofobia che colpisce i reati di opinione, i tentativi di introdurre l’ideologia gender nella riforma della scuola e il divorzio lampo. Leggi il seguito… 

    • Il tour di Emma fa tappa nella Basilica dei napoletani

      bonino_basilica_napoli di Pietro Gargiulo. Speriamo che questo incubo ilare dal quale con difficoltà ci siamo risvegliati segni la fine di questa allucinazione collettiva per la quale, attraverso l’uso di “parole talismano” (accoglienza, autodeterminazione, ecc.) i veri nemici del popolo si accreditano e vengono accreditati come salvatori della patria Leggi il seguito… 

    • Breve storia di sette anni infami

      politica-italiana di Marcello Veneziani. Nel pieno di una deprimente schermaglia elettorale, guardiamoci indietro per capire come siamo arrivati a questo punto. Ricostruiamo la storia degli ultimi sette anni. In principio fu la fine di Berlusconi. Messo fuori gioco da un mezzo golpe interno e internazionale, nel nome di una parola magica chiamata spread, cominciò per l’Italia il settennato più assurdo della nostra pur anomala storia. Leggi il seguito… 

    • Salvini conquista Reggio Calabria

      odeon_reggio-calabria di Nino Spirlì. Non poteva essere certo quello sparuto plotoncino di “contestatori fotocopia” – con in mano i soliti cartelli (stavolta anche di pessimo gusto) scritti fottendosene dell’ortografia, della sintassi e del buongusto –  a scoraggiare l’onda possente di sostenitori di Matteo Salvini, della Lega e del CentroDestra che si è letteralmente impossessata del Teatro Odeon di Reggio Calabria, la sera di San Valentino. Leggi il seguito…