Una scuola di Dottrina Sociale della Chiesa “come Dio comanda”

dsc-nuovi-corsi

di Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân.

L’Osservatorio Cardinale Van Thuân ha messo in piedi un format di Scuola di Dottrina sociale della Chiesa che è già stato realizzato in vari luoghi d’Italia con buon successo. Finora la nostra Scuola è stata realizzata a Trieste (siamo al terzo anno), Staggia Senese, Verona, Schio (Vicenza) dove inizia il secondo anno e, con lezioni svolte direttamente dall’arcivescovo Giampaolo Crepaldi, su La Nuova Bussola Quotidiana (www.lanuovabq.it).

La Scuola è divisa in due Sessioni di 6 o 7 lezioni ognuna: la prima riguarda i problemi di impostazione e di metodo e la seconda la vita politica alla luce della Dottrina sociale della Chiesa. In alcuni casi alla Scuola si può partecipare anche a distanza.

Troverete qui sotto le indicazioni sui luoghi dove, tra qualche giorno, inizieranno nuovi appuntamenti della Scuola di Dottrina sociale della Chiesa con i recapiti utili per iscriversi.

La Scuola di Dottrina sociale della Chiesa dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è “come Dio comanda”. Cosa vuol dire? Oggi le iniziative sulla Dottrina sociale della Chiesa – quando ci sono – hanno varia ispirazione e indirizzo. In molte non si parla più di “principi non negoziabili” oppure si trascura il fatto che la Dottrina sociale della Chiesa c’era anche prima del Concilio. L’impostazione è spesso orizzontalista e viene proposto un completo pluralismo politico dei cattolici. Il bene comune prescinde da Dio e il pluralismo religioso politicamente accettabile perde di vista il primato della religione cattolica.

La Scuola di Dottrina sociale della Chiesa dell’Osservatorio, invece, si inserisce pienamente nella tradizione, collega l’impegno dei laici con la vita della Chiesa, spiega i nessi che la Dottrina sociale della Chiesa ha con la dottrina della fede e i dogmi della Chiesa, mantiene la centralità di Dio anche per la costruzione della comunità politica, spiega che il principio della “regalità sociale di Cristo” non è superato e che lo scopo dell’impegno dei cattolici in politica non è difendere la democrazia o la costituzione repubblicana, che non è lecito dare il proprio appoggio a tutti i partiti indistintamente e che la politica deve porsi il problema della verità delle religioni in vista del bene comune.

NEI PROSSIMI GIORNI INIZIERANNO LE SEGUENTI ATTIVITA’ DELLA SCUOLA DI DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA DEL NOSTRO OSSERVATORIO:

Staggia Senese

Il 13 ottobre 2017 inizierà la Seconda Sessione della Scuola di Dottrina sociale della Chiesa a Staggia Senese: http://www.amicideltimone-staggia.it/it/index.php. C’è la possibilità di partecipare anche a distanza. Per informazioni: www.amicideltimone-staggia.it

Mons. Crepaldi alla Nuova BQ

Il 16 ottobre 2017 inizierà la Seconda sessione della Scuola di Dottrina sociale della Chiesa dal titolo “Mater Ecclesia” condotta dall’arcivescovo Giampaolo Crepaldi, vescovo di Trieste e presidente del nostro Osservatorio, presso il quotidiano online La Nuova Bussola Quotidiana. A questa Scuola si può partecipare solo a distanza. Per iscrizioni e informazioni: http://lanuovabq.it/it/catalogo-online/videocorsi

Schio (Vicenza)

Il 23 ottobre 2017 inizierà la seconda edizione della Scuola di Dottrina sociale della Chiesa a Schio (Vicenza). Per iscrizioni e informazioni contattare il responsabile Pieluigi Bianchi Cagliesi: pierluigi.bianchicagliesi@yahoo.it; 3481429773.

Trieste

Il 26 ottobre 2017 inizierà la Seconda Sessione della Scuola di Dottrina sociale della Chiesa a Trieste per il terzo anno consecutivo. C’è la possibilità di partecipare anche a distanza. Per iscrizioni e informazioni contattare il responsabile Alessandro Perich: alessandro.perich@mac.com; 3487073707.

Lerici (La Spezia)

Il 6 novembre 2017 inizierà la Scuola di Dottrina sociale della Chiesa a Lerici. Per iscrizioni e informazioni contattare don Andrea Cappelli amtcappelli@gmail.com, 3890454430.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Germania è davvero più morale dell’Italia?

      saggio-cesaratto di Marcello Foa. Il saggio “Chi non rispetta le regole? Italia e Germania, le doppie morali dell’euro” (Imprimatur), non piacerà agli economisti e agli osservatori che, da oltre un decennio, sono vittime di un complesso di inferiorità nei confronti dei partner europei e soprattutto dei tedeschi; complesso che, nei casi più acuti, sfocia in un inguaribile e per me incomprensibile autorazzismo Leggi il seguito… 

    • Rimosso il funzionario che registrò la figlia di due padri

      figlia-2-padri da Interris. Ad aprile aveva registrato una bambina, nata in Canada con l'utero in affitto, come figlia di due padri. Oggi, quel funzionario del Comune di Roma dovrà preparare gli scatoloni perché è stato rimosso dal suo incarico di capo dell'ufficio Atti esteri. Sen. Pillon: "L'aria sta cambiando" Leggi il seguito… 

    • Tele-Razza

      telerazza di Marcello Veneziani. Va in onda TeleRazza, il telegiornale monografico a reti unificate che ogni giorno invade le case degli italiani. Razzismo è la parola chiave più ricorrente, anzi ossessiva, che apre e chiude i servizi sugli sbarchi, sui migranti, sulle reazioni a Salvini, che sono sempre dieci volte più ampie delle dichiarazioni proSalvini. Uno a dieci è la regola della rappresaglia sancita dai nazisti. Leggi il seguito… 

    • Vescovi e immigrazione, quanta incompetenza

      sbarchi2 di Riccardo Cascioli. Luoghi comuni, equivoci, ipocrisia. Un altro comunicato della presidenza CEI sulla questione dei migranti ripropone il solito appello ad accoglienza e solidarietà che ignora totalmente i fatti. Leggi il seguito…