Giovanni Paolo I: le profezie di Fatima e il decesso

cattura

105 anni fa nasceva Albino Luciani, futuro papa Giovanni Paolo I. Diventa papa il 26 agosto 1978 e muore 33 giorni dopo. Molto si è discusso intorno a questo decesso, così rapido.
Ucciso?
Morto a causa del suo mal di cuore, aumentato dalle innumerevoli difficoltà nei primi giorni del pontificato?

La seconda sembra la riposta più convincente: i malanni c’erano, i suoi scontri, appena eletto, con il cardinal Villot, segretario di Stato, in odore di massoneria, nemico accerrimo del mondo cattolico tradizionale francese (Mons. Lefebvre compreso), pure.

Luciani aveva avuto, come patriarca di Venezia, una pessima impressione di Marcinkus, e sembra certo che da papa volesse:

1) fare piazza pulita dei prelati massoni, compreso Villot, accusato da molti di far parte della società segreta;
2) imprimere una svolta tradizionale, o conservatrice che dir si voglia, alla Chiesa, in fatto di dottrina (certa la sua decisione di affrontare a muso duro i Gesuiti e le loro innovazioni dottrinali);
3) cambiare completamente lo IOR.

Come ricorda Benny Lay, vaticanista celebre di quegli anni, tutte le voci che gli arrivavano andavano nella stessa direzione: Luciani si sentiva assediato, controllato, ostacolato.

Luciani che nel 1977 aveva incontrato Lucia di Fatima ed aveva ricevuto da lei un messaggio: la Chiesa rischia l’apostasia; Luciani che nei suoi scritti precedenti all’elezione, metteva in guardia contro le novità stravaganti di molti cattolici, e contro la deriva etica del tempo (nei suoi scritti critica spesso la cultura dell’aborto e dell’omosessualismo).

luciani

Ebbene in un articolo di Marco Tosatti su La Stampa del 25 giugno 1984 (vedi foto), Gianni Gennari rivela che Luciani aveva già cambiato nella sua mente l’organigramma della Chiesa, mettendo in posti chiave tradizionalisti come i cardinali Felici, Poletti e Benelli, e togliendo al già citato Villot il ruolo di segretario di stato.
Villot stesso, informato, avrebbe comunicato al papa le sue perplessità e Luciani, prima di andare a dormire, schiacciato dal peso della sua responsabilità, avrebbe sbagliato la dose del calmante di cui aveva, evidentemente, parecchio bisogno vista l’ostilità di quanti gli stavano intorno e la consapevolezza che la Madonna, tramite Lucia, gli aveva affidato un messaggio terribile.
Quella del dosaggio sbagliato del calmante è solo una ipotesi, del tutto probabile. Gli altri sono fatti accertati.

Qui ciò che pensava Giovanni Spadolini sul rapporto tra Montini, Luciani e Wojtyla, e la sua convinzione che Luciani avrebbe impresso una svolta, rispetto a Paolo VI, collocandosi maggiormente sulla linea più tradizionale di s.Pio X:

spadolini-su-luciani

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I cattolici, il suicidio assistito e l’Ordinanza della Corte costituzionale

      di Silvio Brachetta. Assuntina Morresi, su Tempi, critica le posizioni dell’Osservatorio Van Thuân – espresse da Stefano Fontana – circa la necessità di non scendere a compromessi sull’eutanasia. Il compromesso in questione – che un gruppo di parlamentari cattolici ha richiesto alla Conferenza episcopale italiana di sostenere – prevede, tra l’altro, l’attenuazione delle pene regolate dall’articolo 580 del Codice penale, nella speranza di mantenerlo in essere. Se, infatti, l’articolo 580 non sarà abrogato, costituirà almeno un argine all’eutanasia, che potrebbe essere introdotta da future legislazioni in materia Leggi il seguito…

    • Ma oltre i migranti ci sono i restanti

      di Marcello Veneziani. Ero l’altro giorno a Otranto nella piazza dedicata “all’umanità migrante”, dove campeggia un monumento in forma di barca dedicato ai migranti. E mi sono detto: ma all’umanità restante nessuno dedica niente, piazze, monumenti, prediche, premure? Non c’è settimana che Papa Bergoglio non si preoccupi dei migranti che ritiene un’umanità speciale; a loro dà priorità e dedica l’evangelico “Prima gli ultimi”. E non c’è dem, progressista, radicale, cattosinistro, ogni santo giorno, che non consideri bestie, razzisti, subumani e disumani coloro che non ritengono assoluto e illimitato il diritto di migrare e il dovere di essere accolti. Al Papa e ai promigranti vorrei dire: i veri ultimi non sono i migranti. Sono i restanti. Leggi il seguito…

    • La Sea Watch3, Antigone e la Dottrina sociale della Chiesa

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Dottrina sociale della Chiesa non è mai stata tenera verso lo Stato, anche nella sua forma di “Stato di diritto” (Rule of Law) nel quale governa la legge. Ciò però non vuol dire che entrare in acque territoriali di uno Stato sovrano come l’Italia, non obbedire alle intimazioni della Guardia costiera e, anzi, speronare una imbarcazione della stessa Guardia siano atti da apprezzare. Leggi il seguito…

    • Ambiguità su Vincent, è l’ecumenismo dell’eutanasia

      di Tommaso Scandroglio. Dopo la morte del 42enne disabile francese, è stata resa nota una Dichiarazione congiunta di sei responsabili religiosi (due cattolici) della città di Reims. I firmatari sono il rabbino Amar, l’imam Bendaoud, i pastori protestanti Langlois e Geoffroy, l’arcivescovo de Moulins-Beaufort e il suo ausiliare Feillet. Dal documento pare proprio che i sei ritengano che aver dato acqua e cibo a Lambert fosse accanimento terapeutico. Segno della dinamica involutiva, anche in casa cattolica, rispetto ai principi non negoziabili, che sta portando all’accettazione supina dell’eutanasia. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.