Una lobby per la vita? Sì, LifeAid

charlie_gard

di Assuntina Morresi.

C’è un prima e un dopo Charlie Gard, e il dopo è già iniziato. Quel bambino che secondo tanti “dotti medici e sapienti” non aveva qualità di vita perché oltre ad essere gravemente malato, non mostrava alcuna capacità di relazione con l’ambiente intorno a sè, ha creato una formidabile rete di contatti e relazioni che hanno letteralmente attraversato le frontiere, come nessun altro leader politico o culturale sarebbe mai in grado di fare, adesso.

E sono bastate poche settimane perché quella trama di rapporti si consolidasse, trasformandosi in una proposta operativa, con un obiettivo antico ma con struttura e articolazione nuove, adeguate ad affrontare situazioni e problematiche del XXI secolo. LifeAid il nome del progetto che nasce dalla realtà di Steadfast onlus, una delle organizzazioni che più ha seguito la drammatica vicenda di Charlie Gard (e che ha già visto un primo frutto della battaglia, nelle settimane scorse, con la nascita della sezione pakistana di Steadfast). Un aiuto alla vita che si basa sulle competenze che le nuove condizioni storiche richiedono: è infatti innanzitutto una rete di competenze a strutturarsi. Medici, giuristi, esperti di comunicazione, bioeticisti, sociologi, economisti, in rete e in sostegno reciproco per tutelare la vita di ogni essere umano in tutte le situazioni di fragilità: quando è povera, quando è nascente, quando è malata, quando è imperfetta, quando sta per finire, quando è in balìa di forze più grandi come lo sono certi percorsi medico-giuridici che stanno segnando il nostro tempo.

LifeAid è la lobby del XXI secolo che tutela la vita, e lo fa innanzitutto sostenendo le persone in condizioni di vulnerabilità e le loro famiglie, quando ci sono; lo fa con vere e proprie azioni di lobbying verso istituzioni, enti governativi e non, agenzie internazionali, e, ogni volta che sarà possibile, lavorando insieme ad altre realtà prolife o organizzazioni che condividano gli stessi obiettivi, come ad esempio molte associazioni di familiari di malati. Ma LifeAid significherà anche iniziative culturali e scientifiche, di ricerca, approfondimento, formazione e divulgazione delle tematiche che via via si affrontano: la generosità del volontariato che contraddistingue l’esperienza italiana non può più fare a meno di uno spessore culturale e comunicativo adeguato, per essere in grado di giudicare ogni situazione e circostanza e poter intervenire adeguatamente.

Come ha spiegato Emmanuele di Leo, Presidente di Steadfast onlus e anima del nuovo LifeAid: “Steadfast è convinta che strutturare una Rete di lobbying in difesa della vita sia un’azione fondamentale per arginare l’enorme deriva etica-valoriale, che la società globale sta subendo. Facendo leva sulla sua già esistente presenza internazionale e sui nuovi contatti nati durante la battaglia per Charlie, Steadfast vuole consolidare e strutturare questa Rete informale e, partendo dall’Italia, farla diventare una Rete internazionale a servizio della Vita umana più vulnerabile. Già in molti hanno aderito e sono convinto che tanti altri si uniranno al progetto. Saremo un gruppo di lavoro ben distinto, sia nell’operare che nella metodologia d’azione, da altre associazioni già esistenti. Collaboreremo con altre organizzazioni specializzate in più e differenti settori, proprio perché siamo convinti che ognuno può dare qualcosa, specialmente se agisce nella sua area di pertinenza.”

Charlie Gard, quel “nostro piccolo bel bambino” che se ne è andato, ha lasciato una eredità immensa. Sta a noi adesso renderla feconda e farla fiorire, nel grande giardino di LifeAid.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria, il Comando che sfida l’ubriacatura globalista

      di Stefano Fontana. Perché la politica crede che lo Stato-nazione sia superato da una globalizzazione inarrestabile e così facendo condanna se stessa? A questo problema è dedicato l’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel Mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân. La nazione si configura come “patria” proprio perché ha le radici nei “padri” e Giovanni Paolo diceva che il dovere verso la patria deriva dal quarto comandamento: Onora il padre e la madre. Ecco perché è necessario un recupero di fronte all’attuale ubriacatura di forzato globalismo. Leggi il seguito…

    • Il tramonto di Giuseppi

      di Frodo. Un inno alla presentabilità che non è bastato: Giuseppe Conte, tra qualche settimana, potrebbe dover fare i conti con un giudizio simile a questo. Il chiacchiericcio retroscenista che limita per sentenza politologica la durata di un governo, di solito, tende ad allungare la vita dello stesso esecutivo. È una regola non scritta del giornalismo: quando si vuole fare un piacere ad un politico, bisogna darlo per politicamente morto. Chiedere, per maggiori informazioni, a Silvio Berlusconi. Ecco perché dare Conte per spacciato non conviene ad un centrodestra che bene farebbe, invece, a pensare a riorganizzarsi come una vera coalizione. Il respiro giallorosso però rimane corto. Come abbiamo già avuto modo di far notare, i nodi stanno inesorabilmente venendo al pettine. Leggi il seguito…

    • Una tolleranza totalitaria. Antologia da BXVI

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In un recente articolo ho sostenuto che l’intervento di Mattarella e Conte in occasione della Giornata mondiale del 17 maggio scorso contro l’omofobia e la transfobia [a cui è stata aggiunta anche la bifobia (!)] usa il principio di tolleranza per istituire un regime intollerante, cioè autoritario, cioè totalitario. In questo articolo dicevo, tra l’altro: “La tolleranza assoluta è intollerante perché deve vietare di pensare che non tutto si debba tollerare”.  E aggiungevo: “Uno Stato che non conosce il limite fa paura. Uno Stato che sa dire tanti no, ma non quelli giusti, fa paura”. Leggi il seguito…

    • Nella confusione coronavirus, un confuso genitore cattolico

      di Amedeo Rossetti. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus Quando Siena nel 1400 fu colpita dalla peste, anche molti medici ed infermieri si ammalarono e morirono. San Bernardino aveva 20 anni ed insieme ai compagni della Confraternita dei Disciplinati nella quale era entrato, Bernardino si offrì come volontario, adoperandosi nell’assistenza agli appestati per quattro mesi, fino all’inizio dell’inverno, quando la pestilenza cominciò e regredire; passò successivamente quattro mesi tra la vita e la morte, essendo rimasto pure lui contagiato, ma poi guarì. Leggi il seguito…