Trump tradisce gli americani. Ma non finisce qui…

trump

di Marcello Foa.

Sono bastati 8 mesi per trasformare Donald Trump in Donald Clinton o, se preferite, in Hillary Trump. Ovvero nella negazione del programma e delle aspettative che avevano accompagnato e reso possibile la sua elezione alla Casa Bianca. Quel che contava non era l’uomo Trump – che non aveva certo la cultura e il carisma del grande leader politico – quanto le idee che interpretava e che traslava dai suoi più stretti collaboratori.

Quali idee? Un’agenda sovranista, intesa come il desiderio di contrastare le derive di una globalizzazione che si è tradotta negli ultimi 20 in una continua sottrazione di sovranità e di ricchezza, di cui la stessa America, quella profonda, è stata vittima; la voglia di un nuovo ruolo degli Stati Uniti, meno caoticamente e distruttivamente interventista e fonte, piuttosto, di stabilità; il desiderio di preservare gli interessi geopolitici non attraverso un pericoloso confronto con la Russia, volto chiaramente a provocare la rimozione di Putin dal Cremlino, quanto a una nuova era di collaborazione con Mosca.

E poi: il desiderio di ridurre l’influenza della finanza, che per sua natura è apolide, con programmi di investimenti economici che rimettessero al centro l’interesse nazionale, una nuova etica del capitalismo, più ancorata al territorio e al senso di responsabilità anche sociale del capitalismo.

Oggi di quel programma non è rimasto più nulla, perché Trump non ha saputo resistere alle pressioni furibonde del cosiddetto Deep State ovvero di quell’establishment che da Reagan in poi – e soprattutto con Bush junior e con Obama – ha governato davvero l’America, senza soluzioni di continuità. Che il presidente fosse democratico o repubblicano nulla cambiava in realtà a Washington, il potere – quello vero – non passava mai di mano, cambiava semplicemente interprete.

Trump e i suoi collaboratori non appartenevano a quell’establishment e per questo la reazione contro di loro è stata così furibonda, usando uno scandalo per ora molto presunto, il Russiagate, come ariete mediatico e congressuale. Diciamolo chiaramente: oggi il Deep State ha vinto e Donald Trump, di cui già in aprile avevo segnalato la normalizzazione, si è adeguato, abbandonando tutti i suoi più stretti collaboratori. Il più famoso è Steve Bannon, l’ultimo in ordine di tempo è Sebastian Gorka. Come osserva Giuseppe Germinario alla Casa Bianca resta solo uno dei fedelissimi: Peter Navarro. Gorka nella sua lettera di addio lo dice : “E’ chiaro che le forze che non sostengono la promessa Make America Great Again (Facciamo di nuovo grande l’America) sono – per ora – in ascesa nella Casa Bianca“.

Trump, temendo l’impeachment, si è consegnato a chi spera possa difenderlo ovvero ai generali, creando un ulteriore pericoloso paradosso. Oggi la Casa Bianca è retta – in almeno 3 settori chiave (difesa, esteri, sicurezza) – direttamente da uomini del Pentagono, che stanno riportando l’America sulla vecchia rotta.

L’escalation con la Russia, colpita da nuove sanzioni e costretta a chiudere tre consolati, lo dimostra. Non è affatto una buona notizia per noi europei.

Che Trump resti al potere e o che venga rimosso poco cambia: ha rinnegato se stesso. Ma la vittoria del Deep State non risolve i problemi di fondo del popolo americano e non deflette la determinazione di chi vuole cambiare davvero il Paese; anche perché per spezzare le reni a Trump hanno dovuto ricorrere a metodi socialmente destabilizzanti e mettere a nudo le ipocrisie del potere come osserva con molta lucidità Gianfranco Campa. Il velo della propaganda e dello spin in parte è caduto, ma la rabbia degli americani i cui livelli di reddito non crescono da decenni, che sono sempre più indebitati (siamo tornati ai livelli pre 2008!), i cui giovani si laureano ma non trovano lavoro (eh sì, come in Italia); quella rabbia resta intatta. E cercherà nuovi interpreti.

Quel “per ora” nella lettera di Gorka è significativo. Come dire: non finisce qui…

Fonte

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Voto Emilia Romagna, il centrodestra in coro: “Uniti si vince”

      I partiti della coalizione di centrodestra hanno festeggiato questa sera la chiusura della campagna elettorale in piazza del Popolo a Ravenna, gremita da migliaia di persone. La candidata Lucia Borgonzoni ha chiuso gli interventi dal palco sottolineando che “vinceremo perchè siamo la piazza che propone, non quella contro. Non siamo quelli degli insulti. Per me stravinciamo, ma non dobbiamo mollare fino alla fine. E dopo che ci siamo liberati, con questa squadra andiamo a prendere il Paese”. Leggi il seguito…

    • Le elezioni in Emilia fanno paura ai giallorossi: ecco tutti gli scenari

      di Giuseppe Pica. Mancano ormai soltanto poche ore all’appuntamento che in molti considerano cruciale per la sopravvivenza del governo “giallo-rosso”: le elezioni in Emilia-Romagna, infatti potrebbero rappresentare un vero e proprio spartiacque all’interno di questa legislatura. Sono in molti a credere che l’attuale maggioranza non riuscirebbe ad uscire indenne dall’ennesima sconfitta rimediata in un’elezione regionale, soprattutto dopo il disastro verificatosi pochi mesi fa in Umbria ed è inutile negare come il peso specifico del voto emiliano-romagnolo sia infinitamente più alto sia per il grande numero di elettori che coinvolge (circa tre milioni e mezzo), sia perché da sempre questo territorio ha rappresentato un inespugnabile fortino della sinistra. Leggi il seguito…

    • Ascesa e caduta di Luigi Di Maio: una fine annunciata

      di Giuseppe Pica. Alla fine, è successo: Luigi Di Maio non sarà più il capo politico del Movimento Cinque Stelle. Termina così un’avventura da leader di partito che per l’attuale Ministro degli Esteri era iniziata nel settembre del 2017, quando fu incensato da un voto plebiscitario tenutosi sulla piattaforma Rousseau: erano tempi certamente felici per i grillini, i quali già degustavano la possibilità di ottenere un grande risultato alle elezioni politiche che si sarebbero tenute sei mesi dopo. Questo però, una volta materializzatosi, ha paradossalmente rappresentato l’inizio del declino del giovane esponente politico di origini napoletane. Leggi il seguito…

    • Sardine nostalgiche. Ma non solo di “Bella Ciao”

      di Cominius. Qui Bologna: cronache dell’entusiasmo.Un ragazzo regge uno dei tanti cartelli a forma di pesce sul quale si legge che le sardine non sono mute, hanno tante cose da dire. Forse devono decidere ancora quali cose dire, quali scelte fare, è passato così poco tempo dalla loro nascita. Non sono fatte comunque per gli slogan, per le frasi a effetto. Mattia definisce questo concerto «una svolta epocale per la politica». L’inviato del Corriere non riesce a contenersi, e il rapimento è così estatico da non avvertire neppure l’effetto ossimoro: niente frasi a effetto, per carità, ma subito una bella dichiarazione all’insegna del più umile understatement, ossia il concerto come svolta epocale. Nientepopodimeno. Leggi il seguito…