Tra pasticci e giravolte, la fretta dei 5 Stelle di diventare “forza di governo”

m5s-banderuola

di Bernardino Ferrero.

La trasformazione da movimento di protesta a forza credibile che si candida a governare il Paese, non è un’operazione che si fa dall’oggi al domani, magari solo cambiando posizioni o con qualche restyling di immagine. Ma si fa formando una classe dirigente in grado di governare e di sapere gestire i problemi del Paese. Ed qui che casca l’asino. Perché se l’“assenza di esperienza politica” veniva presentata come garanzia di efficienza e di novità, oggi le esperienze locali targate 5 Stelle stanno dimostrando l’esatto contrario.

*************

Ormai è sempre più chiaro: il M5S è ad un punto di svolta. Le elezioni politiche si avvicinano e all’interno del Movimento si fa largo, anche con una certa fretta, la necessità di accreditarsi agli occhi di tutti come “forza di governo” (dire partito sarebbe un po’ troppo). Ma per fare questo bisogna uscire dall’immagine del “movimento di protesta”. O perlomeno cercare di farlo. In questa direzione rientra la partecipazione di Luigi Di Maio al Forum Ambrosetti di Cernobbio, classica passerella per uomini di governo, dove il premier in pectore del Movimento ha cercato di rassicurare tutti, usando espressioni del tipo “il M5S non vuole uscire dall’euro”. Come dire: state tranquilli. Non siamo poi diversi dagli altri, siamo, casomai, “più uguali”, come insegnava Orwell.

Ma così facendo il buon Gigino ha servito a tutti su un piatto d’argento l’ennesima giravolta pentastellata, dato che l’uscita dall’euro era uno dei temi chiave del Movimento. Era, appunto. E si perché, la fretta di compiere il passaggio da movimento di rabbia a partito di governo, ha più volte fatto cadere i 5 Stelle in questo tranello: pur di accreditarci ricalibriamo le nostre posizioni in base a come conviene. Elettoralmente parlando. Altro esempio di giravolta è quello sull’immigrazione. Mentre la base, qualche tempo fa, aveva detto sì alla depenalizzazione del reato di clandestinità, poi “il capo” ha fatto dietrofront. Oppure sullo ius soli: Grillo ha dichiarato che la legge in discussione in Parlamento è “un pastrocchio invotabile” e “un provvedimento senza capo né coda”, ma ad inizio legislatura i suoi avevano presentato in Parlamento (proposta di legge c.1204 del 14 giugno 2013) una proposta quasi identica, anzi ancora più favorevole per i figli degli immigrati.

Insomma, i cinquestelle hanno capito che qualcosa deve cambiare. Ma è il “come” il vero problema. E ora vogliono giocare il tutto per tutto nelle elezioni siciliane perché sanno bene che una vittoria sull’Isola sarebbe un ottimo viatico per arrivare a Palazzo Chigi. Ma, si sa, la gatta frettolosa fa i figli ciechi. La trasformazione da movimento di protesta a forza credibile che si candida a governare il Paese, non è un’operazione che si fa dall’oggi al domani, magari solo cambiando posizioni o con qualche restyling di immagine. Ma si fa formando una classe dirigente in grado di governare e di sapere gestire i problemi del Paese. Ed qui che casca l’asino. Perché se l’“assenza di esperienza politica” veniva presentata come garanzia di efficienza e di novità, oggi le esperienze locali targate 5 Stelle stanno dimostrando l’esatto contrario.

Lo dicevamo proprio ieri sull’Occidentale: alcune delle più grandi delusioni sono arrivate proprio dagli amministratori locali del Movimento, ovvero da quelli che per primi avrebbero dovuto anticipare il “paradigma” di buongoverno grillino. Ma che invece, almeno fino ad ora, di 5 Stelle hanno dimostrato ben poco. Le cattive gestioni dei fatti di Livorno e di Torino, unite alla “zavorra mediatica” delle enormi difficoltà dell’amministrazione romana, sono sotto gli occhi di tutti. Così come sono sotto gli occhi di tutti i vari ricorsi e problemi giuridici provocati dal sistema di voto grillino per la selezione dei candidati. Basta ricordare il caso di Genova, patria del Grande Capo Grillo, dove alle amministrative il pasticciaccio brutto delle candidature ha certamente influito sul flop elettorale dei 5stelle. L’ultimo problema, in ordine di tempo, è stato prodotto dalla decisione di oggi del Tribunale di Palermo di “congelare” la candidatura del pentastellato Giancarlo Cancelleri a governatore della Sicilia, a seguito del ricorso presentato dall’attivista Mauro Giulivi che contesta la sua esclusione dalle ‘regionarie’.

Insomma, forse per arrivare a diventare forza di governo, più che sbandierare novità è necessario formare una classe dirigente adeguata, selezionata in modo credibile, in grado di gestire e risolvere i problemi del territorio. Ma, probabilmente, questo passaggio per i 5 Stelle è ancora in download.

Fonte: l’Occidentale

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Corte Europea dei diritti umani… e di Soros

      di Luca Volontè. Il centro studi ECLJ smaschera il conflitto di interessi della CEDU con le fondazioni di Soros. 22 giudici nel 2019 hanno o avevano avuto legami con sette ONG legate al magnate filantropo. Il Commissario dei diritti umani difenderà la giustizia europea?  Leggi il seguito…

    • I vescovi e il Dio che sostiene, ma non può fare miracoli

      di Stefano Fontana. I vescovi invitano a pregare perché Dio sostenga i malati e i medici, pochi di loro chiedono di pregare perché il Cielo sconfigga il contagio. Sembra che non si riconosca a Dio la possibilità di operare al di fuori dell’ordine del creato, come invece in San Tommaso, ma solo rispettando le leggi di questo ordine. Ecco il frutto della teologia di Rahner, dove Dio è intramondano.  Leggi il seguito…

    • Prudenza sì, panico no

      di Riccardo Cascioli. Strade semideserte, locali chiusi, supermercati presi d'assalto, incontri pubblici e privati annullati: in Italia c'è ormai il panico da Coronavirus. Ma la realtà dei fatti non giustifica questa isteria. L'epidemia è molto circoscritta e al momento non è prevedibile una diffusione a tappeto. Essere prudenti ed evitare rischi inutili è doveroso, ma il panico diffuso è segno anche di una fragilità personale diffusa. Leggi il seguito…

    • Stati Uniti-Ungheria, l’asse in difesa della famiglia

      di Federico Cenci. Sono 7.330 i chilometri che separano Washington da Budapest. Eppure le due capitali non sono mai state così vicine. I governi di Stati Uniti e Ungheria, infatti, lavorano fianco a fianco per sostenere le comunità cristiane nel mondo, e per realizzare politiche in favore della famiglia e della vita. Lo ha sottolineato nei giorni scorsi Katalin Novak, segretario di Stato ungherese per la Famiglia e la Gioventù, tornata di recente da una visita diplomatica Oltreoceano durante la quale ha incontrato il deputato Repubblicano Jeff Fortenberry e membri del centro studi conservatore American Enterprise Institute. Tra l’altro la Novak intervenne al Congresso mondiale delle famiglie di Verona in marzo. Leggi il seguito…