Perché mai San Francesco avrebbe dovuto camminare alla cieca?

the_parable_of_the_blind

di Silvio Brachetta.

Si è aperta ad Assisi l’edizione 2017 de “Il Cortile di Francesco”. Il problema però sta soprattutto nelle parole degli organizzatori. Il Cardinale Gianfranco Ravasi prospetta un “Cammino” fine a se stesso e fa parlare Montaigne: «A chi mi domanda ragione dei miei viaggi, rispondo che so bene quello che sfuggo, ma non quello che cerco». Dovrebbe, invece, essere ben chiaro cosa cerca il pellegrino cristiano…

****************

Si è aperta ad Assisi l’edizione 2017 de “Il Cortile di Francesco”, una sorta di “Cattedra dei non credenti”, nato come «luogo di incontro – attraverso la scoperta dell’altro – non solo tra credenti e non, ma anche tra fedi e culture diverse». Così lo presenta padre Enzo Fortunato, Coordinatore dell’evento. Molti gli invitati, per discutere attorno al tema “Cammino. Dialogo tra credenti e non credenti”.

Non è il titolo a fare problema: il frate francescano è in fondo un itinerante, un peregrinus, che dalla città dell’uomo si dirige verso la città di Dio. Non sarebbe un problema, a certe condizioni, la scelta degli invitati, che in un dialogo tra credenti e non-credenti, tra anticonformisti e conformisti, ci possono pure stare: Oliviero Toscani, Gabriele Lavia, Romano Prodi, Carlo De Benedetti, Valeria Fedeli, Umberto Galimberti e altri. Si tratta dell’italica intellighenzia che conta nei media, allineati al mainstream ufficiale. E qua s’intravvede un’ombra.

Il problema però sta soprattutto nelle parole degli organizzatori. Il Cardinale Gianfranco Ravasi prospetta un “Cammino” fine a se stesso e fa parlare Montaigne: «A chi mi domanda ragione dei miei viaggi, rispondo che so bene quello che sfuggo, ma non quello che cerco».
Dovrebbe, invece, essere ben chiaro cosa cerca il pellegrino cristiano. Il penitente, il seguace di Gesù, cerca appunto la città di Dio. Non dichiarare il fine della ricerca, potrebbe indurre a pensare che si vuole nascondere o negare la propria identità, la propria appartenenza. E che dialogo ci potrebbe essere – lo si è detto più volte qua su Vita Nuova – senza avere ben chiara e senza dichiarare apertamente la propria appartenenza?

Tanto più che il Card. Ravasi afferma che, in quanto «credenti e non credenti», siamo «insieme invitati a interrogarci sul senso del nostro cammino». Ma il senso del cammino cristiano è ben conosciuto: la gloria a Dio, la salvezza della propria anima, la verità, l’amore, l’itinerario bonaventuriano della mente in Dio. Non è facoltativo il dichiararlo.
Singolare è anche la conclusione: «I percorsi sono diversi […]. Importante è non sedersi ai bordi del sentiero, inerti e scoraggiati, ma continuare la ricerca di una meta perché, come già insegnava il Socrate di Platone, “una vita senza ricerca non merita di essere vissuta”». E, in effetti, l’ateo o l’agnostico cercano una meta che non hanno conosciuto. Non però il credente, che deve avere ben chiara la meta ed è tenuto a testimoniarla, poiché l’ha conosciuta. Non è tanto importante il camminare in sé, ma l’imbocco della via giusta e l’abbandono della via perduta.

Più conforme a San Francesco è la presentazione dell’evento che ne fa padre Mauro Gambetti, Custode del sacro Convento di Assisi. L’uomo – scrive – è «homo viator» (pellegrino), mosso e attratto dal Vangelo, che è «l’amore più grande di ogni altro amore». E aggiunge che l’«itinerare» costituisce «una provocazione alla ricerca della verità». Meno chiara è l’affermazione di padre Gambetti, secondo cui il “Cammino” si «struttura mediante l’apporto di differenti prospettive, attraverso la confluenza di esperienze dissimili e grazie all’accoglienza di visioni apparentemente in conflitto».
Eppure non ci possono essere, come pensa Gambetti, «visioni apparentemente in conflitto» tra credenti e non-credenti. Le visioni, al contrario, sono in evidente conflitto, non apparente, rispetto alla verità: il non dichiararlo preclude a priori il dialogo, che si trasforma in chiacchiera. Come un cammino di questo tipo possa contenere l’«apertura universale ispirata da Francesco» non è per nulla chiaro.

E ancora, padre Fortunato auspica che «tra noi e gli altri la contrapposizione dovrebbe scomparire», perché «i rischi sono gli scontri di piazza, i populismi che conducono a nuove crociate». Non è così per San Francesco, secondo cui l’unico vero rischio per l’uomo è perdere la vita eterna, abbandonare la verità del Cristo e la testimonianza.
Il Poverello – scrive San Bonaventura nella Legenda Maior – «ancora una terza volta tentò di partire verso i paesi infedeli, per diffondere, con l’effusione del proprio sangue, la fede nella Trinità». Non aborrì l’opera dei crociati e dei soldati cristiani ma, anzi, come «soldato di Cristo, animato dalla speranza di poter realizzare presto il suo sogno, decise di tentare l’impresa, non atterrito dalla paura della morte».
San Francesco, dunque, fu «homo viator» e pellegrino, ma viaggiò con un’identità, una meta precisa e non per vagare a zonzo e finire nel burrone assieme agli altri ciechi.

In che modo iniziative di questo tipo possono essere utili all’evangelizzazione? Non sarebbe un’occasione, il Cortile, per indicare che il Cammino non è un vagare alla cieca, ma un viaggio che, dalla civitas umana, si conclude nella Civitas Dei? E non sarebbe forse necessario informare i convenuti che, di questo Cammino, la Chiesa possiede la bussola?

Fonte: Vita Nuova Trieste

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria, il Comando che sfida l’ubriacatura globalista

      di Stefano Fontana. Perché la politica crede che lo Stato-nazione sia superato da una globalizzazione inarrestabile e così facendo condanna se stessa? A questo problema è dedicato l’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel Mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân. La nazione si configura come “patria” proprio perché ha le radici nei “padri” e Giovanni Paolo diceva che il dovere verso la patria deriva dal quarto comandamento: Onora il padre e la madre. Ecco perché è necessario un recupero di fronte all’attuale ubriacatura di forzato globalismo. Leggi il seguito…

    • Il tramonto di Giuseppi

      di Frodo. Un inno alla presentabilità che non è bastato: Giuseppe Conte, tra qualche settimana, potrebbe dover fare i conti con un giudizio simile a questo. Il chiacchiericcio retroscenista che limita per sentenza politologica la durata di un governo, di solito, tende ad allungare la vita dello stesso esecutivo. È una regola non scritta del giornalismo: quando si vuole fare un piacere ad un politico, bisogna darlo per politicamente morto. Chiedere, per maggiori informazioni, a Silvio Berlusconi. Ecco perché dare Conte per spacciato non conviene ad un centrodestra che bene farebbe, invece, a pensare a riorganizzarsi come una vera coalizione. Il respiro giallorosso però rimane corto. Come abbiamo già avuto modo di far notare, i nodi stanno inesorabilmente venendo al pettine. Leggi il seguito…

    • Una tolleranza totalitaria. Antologia da BXVI

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In un recente articolo ho sostenuto che l’intervento di Mattarella e Conte in occasione della Giornata mondiale del 17 maggio scorso contro l’omofobia e la transfobia [a cui è stata aggiunta anche la bifobia (!)] usa il principio di tolleranza per istituire un regime intollerante, cioè autoritario, cioè totalitario. In questo articolo dicevo, tra l’altro: “La tolleranza assoluta è intollerante perché deve vietare di pensare che non tutto si debba tollerare”.  E aggiungevo: “Uno Stato che non conosce il limite fa paura. Uno Stato che sa dire tanti no, ma non quelli giusti, fa paura”. Leggi il seguito…

    • Nella confusione coronavirus, un confuso genitore cattolico

      di Amedeo Rossetti. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus Quando Siena nel 1400 fu colpita dalla peste, anche molti medici ed infermieri si ammalarono e morirono. San Bernardino aveva 20 anni ed insieme ai compagni della Confraternita dei Disciplinati nella quale era entrato, Bernardino si offrì come volontario, adoperandosi nell’assistenza agli appestati per quattro mesi, fino all’inizio dell’inverno, quando la pestilenza cominciò e regredire; passò successivamente quattro mesi tra la vita e la morte, essendo rimasto pure lui contagiato, ma poi guarì. Leggi il seguito…