Ma cosa dici, Renzi? Il primo populista, a ben vedere, sei tu

renzi-il-bomba

di Marcello Foa.

Sembra un decennio fa e invece sono trascorsi, in fondo, pochi mesi. Perché di quel Renzi non c’è più traccia nell’immaginario collettivo. Ora lo giudicano come uno che parla bene ma per spararle grosse, uno la cui mimica facciale è senza mistero, perché riflette quella del “bomba”, del fanfarone che pensa sempre di essere più furbo degli altri e di poter “intortare” chiunque con la sua parlantina e la sua giovialità tanto esuberante quanto falsa.

*****************

Oddio, Matteo Renzi in tv. Ieri sera ho provato a seguirlo dalla Berlinguer, facendo violenza a me stesso. E Renzi si è dimostrato ancora una volta un buon comunicatore; anzi, tecnicamente un ottimo comunicatore. Si vede che ha uno spin doctor alle spalle, il quale gli ha fornito gli elementi per attaccare i rivali, ricorrendo a una tecnica ben nota: screditare la persona anziché contrastarne le idee.

I nemici sono Di Maio e Salvini e per l’occasione ha aggiunto anche Di Battista; di tutti e tre ha ricordato battute controverse o gaffe del passato al fine di etichettarli come inaffidabili populisti. Era molto preciso Renzi, si vede che si era preparato e ha di fatto indicato quella che sarà, molto verosimilmente, la strategia del Pd durante la prossima campagna elettorale. Preparatevi al tormentone! “Il Pd non è perfetto e ha commesso qualche errore ma per il bene dell’Italia è sempre meglio di questi qualunquisti”. Il senso delle sue parole era questo.

Parallelamente bassa conflittualità nei confronti di Berlusconi, descritto come un rivale ma da rispettare. Lo scopo recondito è evidente: se nessun partito o nessuna coalizione otterrà la maggioranza, bisogna preparare il terreno a nuove alleanze, anzi vecchie; dunque a una riedizione del Patto del Nazzareno ovviamente con Forza Italia. Che tutti oggi negano ma a cui molti pensano.

E poi tante promesse sul futuro dell’Italia, sulla necessità di ridurre le tasse, rivendicazioni sulla ripresa, sull’Italia che riparte. Sì, Matteo Renzi è tornato! Un po’ sovrappeso, ce ne siamo accorti, ma sempre lo stesso. Con tanti nemici fuori e uno dentro al partito. Colui che nelle sue intenzioni doveva essere un innocuo uomo di paglia, Paolo Gentiloni, e che, per quanto insipido, è diventato il suo primo rivale, proprio perché uomo per tutte le stagioni.

Retorica e strategia perfetta, non c’è che dire. Eppure poco convincente, perché le idee contano, ma in politica conta anche, anzi soprattutto, la percezione degli elettori. E più è radicata e più è difficile cambiarla. Ne conveniamo: era un campione, Renzi. All’inizio vedevano in lui il quarantenne moderno e rottamatore, tanto auspicato, che governava sulle ali della popolarità. Anche chi non era convinto diceva: senza di lui non c’è alternativa! E tutti si allineavano.

Sembra un decennio fa e invece sono trascorsi, in fondo, pochi mesi. Perché di quel Renzi non c’è più traccia nell’immaginario collettivo. Ora lo giudicano come uno che parla bene ma per spararle grosse, uno la cui mimica facciale è senza mistero, perché riflette quella del “bomba”, del fanfarone che pensa sempre di essere più furbo degli altri e di poter “intortare” chiunque con la sua parlantina e la sua giovialità tanto esuberante quanto falsa.

Non gli credono più. Men che meno quando accusa gli altri di essere populisti: basta fare una ricerca su internet per rintracciare tutte le promesse immaginifiche annunciate in questi anni e regolarmente disattese. Perché, diciamola tutta, a ben vedere, il primo populista è lui.
E non basterà una campagna di immagine, per quanto ben congegnata, a sradicare un giudizio scolpito nel cuore e nella mente degli elettori.

Vogliono altro e non sono più disposti a dargli credito. Non come prima. Quei tempi non torneranno più, Matteo.

Fonte

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Bibbiano, come guarire dall’orrore

      di Silvana de Mari. Nel caso dei bambini strappati alle loro famiglie per darle in affido a persone non ideonee, assistenti sociali, psicologi, politici hanno provocato gravi danni, psicologici e fisici. Ma ora che i bambini sono stati liberati è importante che possano guarire in famiglia, dove genitori e bambini devono dirsi la verità su quanto accaduto. Leggi il seguito…

    • Gandolfini: “Legalizzare l’eutanasia? Meglio che cada il governo”

      di Marco Guerra. L’eutanasia e il suicidio assistito saranno il banco di prova dei pro life che sono in maggioranza. Meglio che cada il governo che una legge ingiusta”, parlando ad In Terris il leader del Family day Massimo Gandolfini chiede che la difesa della vita sia portata fino all’estrema conseguenza di un'eventuale caduta dell’esecutivo. Intanto prosegue il lavoro per portare in piazza tutte le sigle cattoliche italiane. Leggi il seguito…

    • Rinunciare agli effetti civili del matrimonio religioso

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Se, come accade oggi, lo Stato non riconosce nessun valore al matrimonio indissolubile tra uomo e donna e aperto alla vita, anzi contempla giuridicamente tutto il contrario, allora il Concordato non ha più ragione di essere. Un sacerdote unisce in matrimonio religioso due sposi, a ciò lo Stato riconosce gli effetti civili, ma in virtù di questi effetti civili il giorno dopo concede il divorzio ai due sposi … si tratta di una burla ai danni del matrimonio religioso. Se gli effetti civili sono contro il matrimonio non si vede perché debbano essere previsti dal matrimonio religioso. Per questo motivo, un modo oggi per far valere il principio della “Regalità sociale di Cristo” è di rifiutare il Concordato tra Stato e Chiesa laddove prevede gli effetti civili del matrimonio religioso. Leggi il seguito…

    • Quando la libertà uccide la vita

      di Marcello Veneziani. Ogni volta che qualcuno osa divergere dal Dogma Assoluto “l’Aborto non si tocca”, appena accenna a un pensiero  critico e divergente, o più semplicemente ad adottare linee favorevoli alla maternità e alla natalità, viene circondato e pestato “a sangue” dai mazzieri dell’ideologia abortista, che usano ogni genere d’intimidazione per impedire che si discuta, dico si discuta, intorno al tema. C’è una vera e propria istigazione a considerare la maternità come un incidente, una regressione primitiva, un evento che può essere giustificato solo dall’auto-determinazione della donna, dall’autogestione della sua sessualità, prescindendo totalmente da ogni contesto: la famiglia, la vita che continua, il futuro e le generazioni che verranno, il senso comunitario dell’esistenza… Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.