Lettera a Francesco

 lettera

Articolo redatto da Liberté politique – 8 settembre 2017

 

Henri de Saint-Bon, scrittore e grande conoscitore dell’islam, molto noto a Liberté politique, ha appena scritto una lettera a papa Francesco per esprimergli il suo smarrimento. Ecco il contenuto della sua lettera.

 

Santo Padre,

Appoggiandomi sul diritto comune, mi permetto di esprimere molto rispettosamente a Vostra Santità il mio smarrimento di fronte alle Sue recenti dichiarazioni sull’immigrazione e l’Europa.

 

È perché esse, in effetti, hanno urtato il cattolico praticante e impegnato, come io mi ritengo, e ferito molto profondamente i francesi fieri della loro nazione, che sento il dovere, come ogni cittadino, di difendere e di proteggere.

La mia intima convinzione è che le sue dichiarazioni:

 

  • fanno strame del concetto di nazione come elemento costitutivo naturale di ogni società.

Ora: Dio ha voluto privilegiare un popolo, il popolo di Israele;

San Paolo inviando lettere agli abitanti di Tessalonica, di Colossi o di Corinto, le ha considerate come comunità;

qualche anno fa S.S Giovanni Paolo II glorificava la Francia, definendola «figlia amata della Chiesa»;

  • ora, un certo disprezzo dell’Europa, che in 2000 anni di storia ha donato tenti e tanti santi;
  • incoraggiando gli Africani a sradicarsi – con tutti i drammi umani che ne derivano – fa sì che esse creino un richiamo innegabile ad inserirsi con forza nel midollo dei paesi da loro scelti.

Per quanto riguarda la carità, essa è dovuta, mi pare, allo straniero DI PASSAGGIO O TEMPORANEO. Ma non sapevo che consistesse nel dar da mangiare e da bere in modo duraturo a colui che si introduce a casa vostra per effrazione, e che vi impone le sue leggi. Che cosa farà Vostra Santità quando dei migranti verranno ad installarsi, contro il Suo volere, anche all’interno del Vaticano, o all’interno di Casa Santa Marta, e Le imporranno la costruzione di una moschea e l’osservanza del ramadan? Certo, non tutti i migranti sono musulmani, ma molti lo sono con la volontà alla lunga, di imporre l’islam in Europa.

Ad ogni modo, mai nessuno dei nostri testi sacri ha incoraggiato delle popolazioni a andare a installarsi in casa d’altri e a imporre le proprie leggi. Cristo non ha mai prescritto a chiunque di venire ad abitare a Nazareth. Al contrario, Dio ha favorito il ritorno del popolo di Israele alla propria casa, per quanto avesse trovato casa in Egitto, o deportato in Babilonia. Giova forse ricordare che l’enciclica Rerum Novarum qualificava come nocivi i trasferimenti di popolazioni?

In fine, il Catechismo della Chiesa Cattolica, precisa nel suo paragrafo 2241, che: «L’immigrato è tenuto a rispettare con riconoscenza il patrimonio materiale e spirituale del paese che lo accoglie, a obbedire alle sue leggi, e a contribuire col suo lavoro». Dispiace che Vostra Santità non l’abbia ricordato.

Voglia gradire, Santo Padre, l’assicurazione della mia più alta considerazione e dei miei più rispettosi e figliali sentimenti.

Possa questa lettera contribuire a far riflettere il Santo Padre sulle incalcolabili conseguenze delle sue prese di posizione.

 

François Billot de Lochner

Presidente della Fondazione di Service politique, di Liberté politique e di France Audace

 

Fonte: http://www.libertepolitique.com/Actualite/Editorial/Lettre-a-Francois

Traduzione di Claudio Forti

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Legge sul biotestamento, è giusto fare resistenza

      mons-negri di Luigi Negri. Di fronte all’approvazione definitiva della legge sul testamento biologico, la prima osservazione, amara, è che la Chiesa italiana ha perso una battaglia che peraltro non ha neanche combattuto. Più in generale non si può evitare un confronto con quanto accadde solo pochi anni fa quando Eluana Englaro è stata uccisa dallo Stato con una operazione infame: allora la realtà popolare cattolica aveva accompagnato questo martirio con una presenza viva e attiva, cercando di impedirlo. Leggi il seguito… 

    • La politica si è arresa

      alfredo-mantovano di Alfredo Mantovano. Non è detto che il totalitarismo si manifesti solo coi carri armati: quando vi è una sostanza di selezione eugenetica, di soppressione del più debole, di frantumazione della famiglia, la circostanza che tutto questo sia espresso da maggioranze o da sentenze non elimina sinistre similitudini con i più oppressivi regimi del XX secolo Leggi il seguito… 

    • Biotestamento. Don Arice, “il Cottolengo farà obiezione di coscienza, non applicherà le DAT”

      don-arice Nelle sue strutture, il Cottolengo non applicherà le Dat. Lo ha comunicato all’AGI il superiore generale don Carmine Arice. “Noi – ha affermato il sacerdote – non possiamo eseguire pratiche che vadano contro il Vangelo, pazienza se la possibilità dell’obiezione di coscienza non è prevista dalla legge: è andato sotto processo Marco Cappato che accompagna le persone a fare il suicidio assisitito, possiamo andarci anche noi che in un possibile conflitto tra la legge e il Vangelo siamo tenuti a scegliere il Vangelo”. Leggi il seguito… 

    • Approvata la legge che apre all’eutanasia. Crepaldi: I ponti senza verità non reggono

      Giampaolo Crepaldi di Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân. Giovedì scorso 14 dicembre il Parlamento italiano ha approvato la legge cosiddetta sulle DAT che apre all’eutanasia, persino in forme più accentuate che in altri Paesi. Durante la fase della discussione in Parlamento e nel Paese anche io, come vescovo e come presidente dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân, ero intervenuto, insieme ad altri, come per esempio il Centro Studi Rosario Livatino, per mettere in evidenza la gravità del contenuto di questo testo di legge. Purtroppo ha prevalso un’ideologia libertaria e, in definitiva, nichilista, espressa in coscienza da tanti parlamentari. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.