Lettera a Francesco

 lettera

Articolo redatto da Liberté politique – 8 settembre 2017

 

Henri de Saint-Bon, scrittore e grande conoscitore dell’islam, molto noto a Liberté politique, ha appena scritto una lettera a papa Francesco per esprimergli il suo smarrimento. Ecco il contenuto della sua lettera.

 

Santo Padre,

Appoggiandomi sul diritto comune, mi permetto di esprimere molto rispettosamente a Vostra Santità il mio smarrimento di fronte alle Sue recenti dichiarazioni sull’immigrazione e l’Europa.

 

È perché esse, in effetti, hanno urtato il cattolico praticante e impegnato, come io mi ritengo, e ferito molto profondamente i francesi fieri della loro nazione, che sento il dovere, come ogni cittadino, di difendere e di proteggere.

La mia intima convinzione è che le sue dichiarazioni:

 

  • fanno strame del concetto di nazione come elemento costitutivo naturale di ogni società.

Ora: Dio ha voluto privilegiare un popolo, il popolo di Israele;

San Paolo inviando lettere agli abitanti di Tessalonica, di Colossi o di Corinto, le ha considerate come comunità;

qualche anno fa S.S Giovanni Paolo II glorificava la Francia, definendola «figlia amata della Chiesa»;

  • ora, un certo disprezzo dell’Europa, che in 2000 anni di storia ha donato tenti e tanti santi;
  • incoraggiando gli Africani a sradicarsi – con tutti i drammi umani che ne derivano – fa sì che esse creino un richiamo innegabile ad inserirsi con forza nel midollo dei paesi da loro scelti.

Per quanto riguarda la carità, essa è dovuta, mi pare, allo straniero DI PASSAGGIO O TEMPORANEO. Ma non sapevo che consistesse nel dar da mangiare e da bere in modo duraturo a colui che si introduce a casa vostra per effrazione, e che vi impone le sue leggi. Che cosa farà Vostra Santità quando dei migranti verranno ad installarsi, contro il Suo volere, anche all’interno del Vaticano, o all’interno di Casa Santa Marta, e Le imporranno la costruzione di una moschea e l’osservanza del ramadan? Certo, non tutti i migranti sono musulmani, ma molti lo sono con la volontà alla lunga, di imporre l’islam in Europa.

Ad ogni modo, mai nessuno dei nostri testi sacri ha incoraggiato delle popolazioni a andare a installarsi in casa d’altri e a imporre le proprie leggi. Cristo non ha mai prescritto a chiunque di venire ad abitare a Nazareth. Al contrario, Dio ha favorito il ritorno del popolo di Israele alla propria casa, per quanto avesse trovato casa in Egitto, o deportato in Babilonia. Giova forse ricordare che l’enciclica Rerum Novarum qualificava come nocivi i trasferimenti di popolazioni?

In fine, il Catechismo della Chiesa Cattolica, precisa nel suo paragrafo 2241, che: «L’immigrato è tenuto a rispettare con riconoscenza il patrimonio materiale e spirituale del paese che lo accoglie, a obbedire alle sue leggi, e a contribuire col suo lavoro». Dispiace che Vostra Santità non l’abbia ricordato.

Voglia gradire, Santo Padre, l’assicurazione della mia più alta considerazione e dei miei più rispettosi e figliali sentimenti.

Possa questa lettera contribuire a far riflettere il Santo Padre sulle incalcolabili conseguenze delle sue prese di posizione.

 

François Billot de Lochner

Presidente della Fondazione di Service politique, di Liberté politique e di France Audace

 

Fonte: http://www.libertepolitique.com/Actualite/Editorial/Lettre-a-Francois

Traduzione di Claudio Forti

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Pozzallo, vittoria italiana o “strada per l’inferno”?

      immigrati-africani di Gianandrea Gaiani. Il caso del barcone con a bordo 458 immigrati clandestini trasbordati su due navi militari poi sbarcati a Pozzallo, si è risolto in un successo politico per l’Italia ma anche in una vittoria dei trafficanti, riusciti a dimostrare ai loro “clienti” che i porti italiani sono ancora aperti. Un approccio che il gruppo Visegrad ha già ribattezzato "una strada per l'inferno".  Leggi il seguito… 

    • “Non condivido, ma…”. Se il vescovo “legittima i gay pride”

      summer-pride-rimini di Marco Tosatti. È prevedibile, durante il Gay Pride di Rimini, l’uso blasfemo di personaggi e simboli della religione. Come l’anno scorso, un gruppo di cattolici, riuniti nel Comitato Beata Giovanna Scopelli, ha indetto una processione di riparazione da cui il vescovo di Rimini ha preso le distanze sebbene anche il pride «non aiuti i legittimi diritti Lgbt». Leggi il seguito… 

    • Negozi chiusi la domenica, una scelta doverosa

      Giampaolo Crepaldi di Giampaolo Crepaldi. Il riposo domenicale valorizza due dimensioni della vita sociale: quella delle relazioni familiari e della dimensione religiosa. Per questo è auspicabile che la proposta del ministro Di Maio trovi forte sostegno nella società e nella politica per diventare presto realtà. Leggi il seguito… 

    • La ricchezza nasce dall’Europa cristiana. Non dall’illuminismo

      Gotti-tedeschi di Ettore Gotti Tedeschi. Il saggio dello storico dell’economia Joel Mokir Una cultura della crescita e soprattutto la recensione che ne ha fatto Repubblica confermano la solita tesi superficiale: poiché la rivoluzione industriale inizia in Europa nel XVIII Secolo, l'origine della ricchezza è l'illuminismo. Giusto? No, sbagliato. Vediamo perché Leggi il seguito…