La profezia di Giovanni Paolo II a Caffarra: “sarai accusato di durezza, ma resisti con semplice ed umile fermezza”

PAPA GIOVANNI PAOLO II

E’ risaputo che il cardinal Carlo Caffarra ha continuato a difendere il magistero tradizionale della Chiesa sul matrimonio contro le innovazioni presenti nel cap. VIII di Amoris laetitia, quello che introduce un evidente e rivendicato mutamento rispetto all’enciclica Familiaris consortio di Giovanni Paolo II

sulla comunione ai divorziati risposati; si sa anche molto bene che Caffarra si è opposto, al Sinodo sulla famiglia, a quanti vogliono mutare l’interpretazione di Humanae vitae, l’enciclica di Paolo VI  che Bergoglio sta mettendo parzialmente in discussione dopo Familiaris consortio (avendo istituito un’ apposita commissione di “studio” e revisione).

Per questo Caffarra è stato accusato di essere un “dottrinario”, di eccessiva durezza, di non comprendere i tempi, di non essere misericordioso come i novatori…

Era stato tutto già predetto da Giovanni Paolo II, le cui parole potrebbero quasi essere viste come la profezia di cui Caffarra è stato, insieme agli altri 3 cardinali, il protagonista.

Parole che certamente Caffarra, che è stato il vicario di Giovanni Paolo II sulla famiglia, conosceva ed ha tenuto presenti, in questi anni per lui dolorosissimi.

Scrisse infatti Giovanni Paolo II:

“… Voi ben sapete che spesso la fedeltà da parte dei sacerdoti – diciamo, anzi, della Chiesa – a questa verità e alle norme morali conseguenti, quelle, voglio dire, insegnate dall’Humanae vitae e dalla Familiaris consortio, deve essere spesso pagata ad un prezzo alto. Si è spesso derisi, accusati di incomprensione e di durezza, e di altro ancora. È la sorte di ogni testimone della verità, come ben sappiamo. Ascoltiamo ancora una pagina di sant’Agostino; “Ma perché la verità genera odio?”, si chiede il santo dottore. “In realtà” egli risponde “l’amore della verità è tale, che quanti amano un oggetto diverso pretendono che l’oggetto del loro amore sia la verità; e poiché detestano di essere ingannati, detestano di essere convinti che s’ingannano. Perciò odiano la verità; per amore di ciò che credono verità. L’amano quando splende, l’odiano quando riprende” (S. Augustini, Confessiones, 10, 23, 33: CSEL, 23,34: CSEL 33/1, 253).

Con semplice e umile fermezza, siate fedeli al magistero della Chiesa su un punto di così decisiva importanza per i destini dell’uomo“.

(http://w2.vatican.va/content/john-paul-ii/it/speeches/1984/march/documents/hf_jp-ii_spe_19840301_procreazione-responsabile.html )

Semplice ed umile fermezza: sì, Caffarra ha difeso sino all’ultimo la Tradizione ed il magistero di Giovanni Paolo II proprio semplice ed umile fermezza.

 

Di seguito il vademecum del Pontificio Consoglio per la famiglia, del 1997, al punto 9:

La «legge della gradualità » pastorale, che non si può confondere con « la gradualità della legge », che pretende di diminuire le sue esigenze, consiste nel chiedere una decisiva rottura col peccato e un progressivo cammino verso la totale unione con la volontà di Dio e con le sue amabili esigenze.

http://www.vatican.va/roman_curia/pontifical_councils/family/documents/rc_pc_family_doc_12021997_vademecum_it.html

Risulita evidente la distanza tra ciò che la Chiesa insegnava allora, e ciò che insegna oggi, su confessione e matrimonio.

 

 

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Legge sul biotestamento, è giusto fare resistenza

      mons-negri di Luigi Negri. Di fronte all’approvazione definitiva della legge sul testamento biologico, la prima osservazione, amara, è che la Chiesa italiana ha perso una battaglia che peraltro non ha neanche combattuto. Più in generale non si può evitare un confronto con quanto accadde solo pochi anni fa quando Eluana Englaro è stata uccisa dallo Stato con una operazione infame: allora la realtà popolare cattolica aveva accompagnato questo martirio con una presenza viva e attiva, cercando di impedirlo. Leggi il seguito… 

    • La politica si è arresa

      alfredo-mantovano di Alfredo Mantovano. Non è detto che il totalitarismo si manifesti solo coi carri armati: quando vi è una sostanza di selezione eugenetica, di soppressione del più debole, di frantumazione della famiglia, la circostanza che tutto questo sia espresso da maggioranze o da sentenze non elimina sinistre similitudini con i più oppressivi regimi del XX secolo Leggi il seguito… 

    • Biotestamento. Don Arice, “il Cottolengo farà obiezione di coscienza, non applicherà le DAT”

      don-arice Nelle sue strutture, il Cottolengo non applicherà le Dat. Lo ha comunicato all’AGI il superiore generale don Carmine Arice. “Noi – ha affermato il sacerdote – non possiamo eseguire pratiche che vadano contro il Vangelo, pazienza se la possibilità dell’obiezione di coscienza non è prevista dalla legge: è andato sotto processo Marco Cappato che accompagna le persone a fare il suicidio assisitito, possiamo andarci anche noi che in un possibile conflitto tra la legge e il Vangelo siamo tenuti a scegliere il Vangelo”. Leggi il seguito… 

    • Approvata la legge che apre all’eutanasia. Crepaldi: I ponti senza verità non reggono

      Giampaolo Crepaldi di Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân. Giovedì scorso 14 dicembre il Parlamento italiano ha approvato la legge cosiddetta sulle DAT che apre all’eutanasia, persino in forme più accentuate che in altri Paesi. Durante la fase della discussione in Parlamento e nel Paese anche io, come vescovo e come presidente dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân, ero intervenuto, insieme ad altri, come per esempio il Centro Studi Rosario Livatino, per mettere in evidenza la gravità del contenuto di questo testo di legge. Purtroppo ha prevalso un’ideologia libertaria e, in definitiva, nichilista, espressa in coscienza da tanti parlamentari. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.