La profezia di Giovanni Paolo II a Caffarra: “sarai accusato di durezza, ma resisti con semplice ed umile fermezza”

PAPA GIOVANNI PAOLO II

E’ risaputo che il cardinal Carlo Caffarra ha continuato a difendere il magistero tradizionale della Chiesa sul matrimonio contro le innovazioni presenti nel cap. VIII di Amoris laetitia, quello che introduce un evidente e rivendicato mutamento rispetto all’enciclica Familiaris consortio di Giovanni Paolo II

sulla comunione ai divorziati risposati; si sa anche molto bene che Caffarra si è opposto, al Sinodo sulla famiglia, a quanti vogliono mutare l’interpretazione di Humanae vitae, l’enciclica di Paolo VI  che Bergoglio sta mettendo parzialmente in discussione dopo Familiaris consortio (avendo istituito un’ apposita commissione di “studio” e revisione).

Per questo Caffarra è stato accusato di essere un “dottrinario”, di eccessiva durezza, di non comprendere i tempi, di non essere misericordioso come i novatori…

Era stato tutto già predetto da Giovanni Paolo II, le cui parole potrebbero quasi essere viste come la profezia di cui Caffarra è stato, insieme agli altri 3 cardinali, il protagonista.

Parole che certamente Caffarra, che è stato il vicario di Giovanni Paolo II sulla famiglia, conosceva ed ha tenuto presenti, in questi anni per lui dolorosissimi.

Scrisse infatti Giovanni Paolo II:

“… Voi ben sapete che spesso la fedeltà da parte dei sacerdoti – diciamo, anzi, della Chiesa – a questa verità e alle norme morali conseguenti, quelle, voglio dire, insegnate dall’Humanae vitae e dalla Familiaris consortio, deve essere spesso pagata ad un prezzo alto. Si è spesso derisi, accusati di incomprensione e di durezza, e di altro ancora. È la sorte di ogni testimone della verità, come ben sappiamo. Ascoltiamo ancora una pagina di sant’Agostino; “Ma perché la verità genera odio?”, si chiede il santo dottore. “In realtà” egli risponde “l’amore della verità è tale, che quanti amano un oggetto diverso pretendono che l’oggetto del loro amore sia la verità; e poiché detestano di essere ingannati, detestano di essere convinti che s’ingannano. Perciò odiano la verità; per amore di ciò che credono verità. L’amano quando splende, l’odiano quando riprende” (S. Augustini, Confessiones, 10, 23, 33: CSEL, 23,34: CSEL 33/1, 253).

Con semplice e umile fermezza, siate fedeli al magistero della Chiesa su un punto di così decisiva importanza per i destini dell’uomo“.

(http://w2.vatican.va/content/john-paul-ii/it/speeches/1984/march/documents/hf_jp-ii_spe_19840301_procreazione-responsabile.html )

Semplice ed umile fermezza: sì, Caffarra ha difeso sino all’ultimo la Tradizione ed il magistero di Giovanni Paolo II proprio semplice ed umile fermezza.

 

Di seguito il vademecum del Pontificio Consoglio per la famiglia, del 1997, al punto 9:

La «legge della gradualità » pastorale, che non si può confondere con « la gradualità della legge », che pretende di diminuire le sue esigenze, consiste nel chiedere una decisiva rottura col peccato e un progressivo cammino verso la totale unione con la volontà di Dio e con le sue amabili esigenze.

http://www.vatican.va/roman_curia/pontifical_councils/family/documents/rc_pc_family_doc_12021997_vademecum_it.html

Risulita evidente la distanza tra ciò che la Chiesa insegnava allora, e ciò che insegna oggi, su confessione e matrimonio.

 

 

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Pozzallo, vittoria italiana o “strada per l’inferno”?

      immigrati-africani di Gianandrea Gaiani. Il caso del barcone con a bordo 458 immigrati clandestini trasbordati su due navi militari poi sbarcati a Pozzallo, si è risolto in un successo politico per l’Italia ma anche in una vittoria dei trafficanti, riusciti a dimostrare ai loro “clienti” che i porti italiani sono ancora aperti. Un approccio che il gruppo Visegrad ha già ribattezzato "una strada per l'inferno".  Leggi il seguito… 

    • “Non condivido, ma…”. Se il vescovo “legittima i gay pride”

      summer-pride-rimini di Marco Tosatti. È prevedibile, durante il Gay Pride di Rimini, l’uso blasfemo di personaggi e simboli della religione. Come l’anno scorso, un gruppo di cattolici, riuniti nel Comitato Beata Giovanna Scopelli, ha indetto una processione di riparazione da cui il vescovo di Rimini ha preso le distanze sebbene anche il pride «non aiuti i legittimi diritti Lgbt». Leggi il seguito… 

    • Negozi chiusi la domenica, una scelta doverosa

      Giampaolo Crepaldi di Giampaolo Crepaldi. Il riposo domenicale valorizza due dimensioni della vita sociale: quella delle relazioni familiari e della dimensione religiosa. Per questo è auspicabile che la proposta del ministro Di Maio trovi forte sostegno nella società e nella politica per diventare presto realtà. Leggi il seguito… 

    • La ricchezza nasce dall’Europa cristiana. Non dall’illuminismo

      Gotti-tedeschi di Ettore Gotti Tedeschi. Il saggio dello storico dell’economia Joel Mokir Una cultura della crescita e soprattutto la recensione che ne ha fatto Repubblica confermano la solita tesi superficiale: poiché la rivoluzione industriale inizia in Europa nel XVIII Secolo, l'origine della ricchezza è l'illuminismo. Giusto? No, sbagliato. Vediamo perché Leggi il seguito…