“Ho costatato”. Quando San Bonaventura si tolse alcuni sassolini dalle scarpe

san-bonaventura

di Silvio Brachetta.

San Bonaventura fu all’altezza del proprio ministero? Ecco, di seguito, un estratto del suo primo atto ufficiale – un’epistola – dallo stile mite ma fermissimo. Il nuovo ministro non ha alcun timore a dire le cose come stanno. Non si perde nei convenevoli e stila una lista severa di cose che ha “costatato”. Da notare la fine ironia del martellante rimprovero, che dice pane al pane e vino al vino. Da notare anche l’attualità delle osservazioni.

**************

Appena eletto ministro generale dell’Ordine francescano, San Bonaventura da Bagnoregio scrive una lettera a tutti i ministri provinciali e ai custodi. È il 1257. Bonaventura non è per nulla contento della nomina, da parte del Papa. Deve ora rinunciare all’insegnamento e vede mortificata un’intera vita dedicata agli studi e alla ricerca teologica. L’Ordine poi, dimenticata la freschezza del primo annuncio francescano, è già divenuto una fucina di contestatori. Non sarà una passeggiata rimediare al caos.

Chi contesta la troppa rigidità della Regola, chi ne contesta il lassismo, chi si oppone ai frati teologi, chi non sopporta più la povertà, chi si lamenta dei superiori. La colpa non è tanto dei frati: non tutti possono avere la determinazione e la santità di San Francesco d’Assisi. Il problema sta nell’autorità: chi comanda deve imporre una disciplina, ma sono poche le persone veramente all’altezza.

San Bonaventura fu all’altezza del proprio ministero? Ecco, di seguito, un estratto del suo primo atto ufficiale – un’epistola – dallo stile mite ma fermissimo. Il nuovo ministro non ha alcun timore a dire le cose come stanno. Non si perde nei convenevoli e stila una lista severa di cose che ha “costatato”. Da notare la fine ironia del martellante rimprovero, che dice pane al pane e vino al vino. Da notare anche l’attualità delle osservazioni.

***

San Bonaventura da Bagnoregio, dall’Epistola ad omnes Ministros provinciales et custodes ordinis Fratrum minorum, 23 aprile 1257, tr. dal latino Mario Sgarbossa:

«Essendomi domandato perché lo splendore del nostro Ordine sia in un certo modo offuscato […] ho costatato che si trattano troppi affari per cui il denaro, principale nemico della povertà del nostro Ordine, è avidamente cercato, incautamente ricevuto, più incautamente conservato.

Ho costatato che molti frati stanno in ozio, ricettacolo di tutti i vizi, e stando a mezza strada tra la vita contemplativa e la vita attiva, bevono non dico materialmente ma crudelmente il sangue delle anime.

Ho costatato che molti amano girovagare e, cercando il proprio comodo, sono di peso a chi li ospita e lasciano dietro di sé non esempi da imitare ma scandali.

Ho costatato che si è importuni nel chiedere l’elemosina, a tal punto che i passanti hanno paura di imbattersi nei frati, come se si imbattessero nei ladroni.

Ho costatato che si costruiscono grandi edifici molto appariscenti, per cui è turbata la coscienza dei frati, aggravati i contributi degli amici e si è esposti a maligni giudizi.

Ho costatato che si indulge ad amicizie vietate dalla Regola, che danno origine a sospetti, mormorazioni e scandali.

Ho costatato che non si usa prudenza nell’assegnare gli incarichi; vengono affidati a frati immaturi, non fortificati nello spirito della penitenza, uffici che non sono in grado di portare a buon termine.

Ho costatato che si va avidamente a caccia di testamenti e di funerali, e ciò ci aliena l’animo del clero parrocchiale. […]».

Fonte: Vita Nuova Trieste

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La croce intatta tra le macerie è il segno per salvare l’Europa

      croce-maria-gesu-notre-dame di Giacomo Susca. «Stat crux dum volvitur orbis», la croce resta salda mentre il mondo cambia. È la storia del Cristianesimo racchiusa in cinque parole. Il motto dei certosini non può essere ridotto a uno status da social network, però la comunità cristiana, che vive di simboli, si aggrappa al Simbolo per eccellenza. Quella croce perseguitata, offesa, osteggiata, dileggiata, mercificata, nonostante tutto rimane l'Alfa e l'Omega, il principio quando sembra arrivata l'Apocalisse. Se c'è stato un errore di valutazione nel commentare nell'immediatezza la catastrofe parigina, forse è stato quello di intravedere in un incidente la fine di una cultura o di un sistema di valori. Può crollare il tetto sopra le nostre teste, ma non il pavimento in cui affondano le radici della cristianità Leggi il seguito… 

    • L’eros anarchico e l’ideologia nichilista del Sessantotto. A proposito delle recenti “Note“ di Benedetto XVI

      1968 di Don Samuele Cecotti. Papa Benedetto XVI, nelle sue Note scritte a favore di papa Francesco e dei presidenti delle Conferenze Episcopali riuniti in Vaticano per affrontare lo scandalo pedofilia nella Chiesa e ora pubblicate, individua nella Contestazione Sessantottesca una vera e propria rivoluzione affermatasi tanto nel mondo (occidentale) quanto nella Chiesa. Come Osservatorio abbiamo dedicato al ’68 il numero 3 (2108) del “Bollettino di Dottrina sociale della Chiesa” [leggi] partendo proprio dal riconoscimento della natura rivoluzionaria della Contestazione e sviluppando una attenta analisi circa gli esiti socio-politici di tale rivoluzione nichilista. Leggi il seguito… 

    • Cattolici e Radio Radicale: lo scandalo continua

      radio-radicale di Riccardo Cascioli. Ancora una volta, di fronte all'intenzione del governo di cancellare il truffaldino finanziamento pubblico a Radio Radicale, c'è una mobilitazione generale. E in prima fila come sempre ci sono fette importanti del mondo cattolico. Un gioco di favori e ricatti reciproci, a danno della fede dei semplici. Leggi il seguito… 

    • Se il mondo che disprezza il Medioevo piange per Notre Dame

      croce-maria-gesu-notre-dame di Luca Volontè. Dopo le fiamme a Notre Dame i fautori del politicamente corretto, gli stessi che tacciano di “oscurantismo medievale” coloro che difendono la vita del concepito e il matrimonio, hanno esternato lamenti per la cattedrale fondata nel Medioevo. C’è dell’ironia (e della menzogna) in questo. Ma c’è anche la speranza di una ricostruzione della società, che può avvenire solo tornando a Cristo, come ricordano i fedeli raccoltisi in preghiera a chiedere l’intercessione di Maria Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.