“Hanno convinto papà a uccidersi”

SUICIDIO ASSISTITO IN SVIZZERA PER EX MAGISTRATO CALABRIA

di Nino Materi.

«Papà stava vivendo solo un momento psicologicamente difficile. Andava aiutato a vivere, non a morire… Chi gli ha permesso di morire senza convincerlo a trovare una via d’uscita alternativa, meriterebbe di andare in galera», dichiara la figlia del magistrato Pietro D’Amico – morto di suicidio assistito in una clinica svizzera -, che dopo la morte del padre ha intrapreso una coraggiosa battaglia contro il business dell’eutanasia

****************

Pietro D’Amico era un uomo perbene. E un giudice irreprensibile. Che amava la toga. Quando era procuratore generale di Catanzaro, cercarono di coinvolgerlo nella controversa inchiesta «Why not» per una improbabile «fuga di notizie»: ombre che D’Amico fugò, dimostrando la sua assoluta correttezza.

Forse non fu la causa scatenante, ma certo quelle illazioni non contribuirono ad alleviare la depressione che, nel tempo, avrebbe stretto il magistrato in una morsa sempre più intollerabile. Tanto da spingerlo a ricorrere al suicidio assistito in una clinica svizzera; una scelta tragica resa ancora più drammatica da circostanze oscure, mai completamente chiarite. Ne è persuasa anche Francesca, figlia del giudice, che da 2013 (anno della morte del padre) ha intrapreso una coraggiosa battaglia contro il business dell’eutanasia, particolarmente fiorente in alcuni centri della Svizzera dove ogni anno 700 «pazienti» (gli italiani sono circa il 40%) scelgono di andare a morire terra portando alle labbra un bicchiere pieno di veleno.

Ma la storia del giudice D’Amico è diversa da tutte le altre: «Mio padre – ha sempre raccontato Francesca in ogni sede, compresa quella giudiziaria – non era un malato incurabile o terminale. Era depresso, è vero. Ma dalla depressione si può guarire. Papà doveva quindi essere accompagnato verso una cura, non verso il suicidio assistito. Chi gli ha permesso di morire senza convincerlo a trovare una via d’uscita alternativa, meriterebbe di andare in galera».

La denuncia di Francesca non è generica, ma individua responsabilità precise. Persone, fatti e circostanze che qualche mese fa il Giornale ha verificato in Svizzera punto per punto e che confermano quanto dichiarato dalla figlia del giudice in una intervista del luglio 2013 rilasciata al Fatto Quotidiano. Si comincia con la telefonata-choc ricevuta da Francesca alle 18,25 del giorno 11 aprile 2013: «Pronto, parlo con Francesca D’Amico? Sono la dottoressa Erika Preisig, le comunico che suo padre è venuto varie volte da me per richiedere il suicidio assistito. Oggi è morto, non poteva più vivere, stava troppo male, voleva andare». Francesca si sente sprofondare: «Forse ha sbagliato persona. Papà due giorni prima aveva parlato al telefono con il mio fidanzato e nulla lasciava presagire un suicidio». Ma la Preisig è implacabile: «Capisco sia difficile da accettare, ma questa è la realtà, le invierò il certificato di morte, e per volontà di Pietro il suo corpo verrà cremato il 22 aprile. Buonasera».

Ma chi è questa Erika Preisig? Fondatrice di una delle prime «stanze della morte» svizzere, dove il suicidio assistito è una pratica legale benché le norme che la disciplinano non siano del tutto chiare: il sospetto è che, in cambio di 10 mila euro (non rimborsabili in caso di ripensamento, ndr), le tre cliniche elvetiche specializzate nella «dolce fine» accettino aspiranti suicidi di ogni tipo: compresi quelli non «irreversibilmente incurabili», come formalmente previsto dai protocolli sanitari svizzeri.

Sospetti che diventano mezze certezze alla luce del recente caso dell’ex politico Lucio Magri, anche lui malato di depressione ma non per questo rifiutato da una delle strutture svizzere. Stesso discorso per la vicenda dell’ingegnere comasco venuta alla luce appena due giorni fa, per la quale la Procura lariana ha deciso di aprire un’inchiesta con l’ipotesi di istigazione al suicidio. Quella stessa «istigazione» che potrebbe essersi celata anche dietro l’addio al mondo del dottor D’Amico.

La conclusione di Francesca è all’insegna dell’amore verso un padre che non c’è più: «Papà stava vivendo solo un momento psicologicamente difficile. Andava aiutato a vivere, non a morire».

Fonte: il Giornale

Articolo correlato:

Svizzera, suicidio assistito: una crepa è diventata una voragine

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I giovani galantiniani non esistono

      08 Mons Nunzio Galantino di Camillo Langone. “I nostri giovani sono increduli davanti alle motivazioni date per rimandare lo ius soli”, dice Galantino. Non ho ben capito chi siano questi giovani: i giovani italiani? I giovani cattolici? I giovani dell’Azione Cattolica? Se riuscissi a identificarli direi loro: se non credete nella politica, credete nella realtà, credete nel raccapricciante resoconto di Stefano Montefiori (Corriere) sugli ebrei residenti in Francia e in particolare nelle periferie islamizzate Leggi il seguito… 

    • Il patriarca ortodosso vede i segni dell’Apocalisse

      kirill di Marco Tosatti. Il patriarca Kirill ha detto nei giorni scorsi in un discorso pubblico che i segni del Libro dell’Apocalisse sono ormai evidenti. Ha anche chiesto ai politici, agli artisti, agli scienziati e ai comuni cittadini di unirsi, per fermare il movimento verso l’abisso: “Stiamo entrando in un periodo critico nello sviluppo della civiltà umana”. Leggi il seguito… 

    • Grothendieck, matematico alla ricerca di Dio

      giulia Sono passati tre anni da quel 13 novembre 2014, giorno in cui moriva quello che è stato definito il più grande matematico del XX secolo, e tra i più importanti di sempre: Alexander Grothendieck. Nato nel 1928 a Berlino da famiglia ebrea, ebbe un'infanzia segnata dalle vicende storiche legate alla Seconda Guerra mondiale. Leggi il seguito… 

    • Ddl “omofobia”: l’appoggio di Maroni, il silenzio della Chiesa

      ddl-omofobia di Benedetta Frigerio. Sconfitta in Parlamento, la legge sull’“omofobia” (Ddl Scalfarotto presentato alla Camera nel 2013), la prima e la più necessaria a rendere la follia del gender una dittatura vera e propria, sta passando tramite una strategia molto più raffinata, attraverso cui i politici riescono a nascondere più facilmente il loro doppiogiochismo. Leggi il seguito…