Gotti Tedeschi: chi ha firmato la correzione ama il Papa e la Chiesa. I suoi nemici si nascondono e adulano…

Gotti-tedeschi

di Marco Tosatti.

“Il problema nello scontro tra Gnosi e fede cattolica è riaffermare i principi della Genesi. I Sacramenti sono come un “domino”, se cade uno cadono tutti. In Amoris Laetitia ben tre Sacramenti potrebbero vacillare… Non temo di essere accusato di essere nemico del Papa, temerei piuttosto di esser considerato nemico della chiesa di Cristo”

************

Fa notizia la correzione filiale firmata da 62 intellettuali e studiosi cattolici, da cui, a quanto pare, sono stati volontariamente esclusi vescovi e cardinali, per chiedere al Pontefice di correggere errori e possibili eresie contenute in alcune parti dell’esortazione Apostolica Amoris Laetitia. Un passo rimasto finora senza risposta, come altre petizioni e appelli presentati nei mesi passati, per non parlare dei “Dubia” dei cardinali. Il documento è stato consegnato l’11 agosto a Santa Marta; ma finora non c’è stata nessuna reazione.

Oggi si è decisa la pubblicazione. Fra i firmatari c’è anche Ettore Gotti Tedeschi, economista, già presidente dello IOR; il suo, fra i firmatari, è certamente il nome più noto al grande pubblico.

Infovaticana l’ha intervistato, per chiedergli ragione dell’iniziativa. Chi conosce lo spagnolo, può leggere l’intervista qui.

La riproduciamo in una traduzione non ufficiale, col permesso di Infovaticana.

Perché ha deciso di firmare?

Perchè voglio bene alla Chiesa, voglio molto bene al Pontefice e ai sacerdoti santi e mi preoccupo delle anime.  Preoccuparsi delle anime non è prerogativa di un prete, lo è anche di un laico di fede vissuta che allevando figli, facendo apostolato, ha inteso cosa è l’educazione ai valori cristiani. Ho cinque figli ed avrò nipoti, vorrei che i valori in cui credo e sui quali li ho allevati possano permanere. La “realtà”, cui sembra ispirarsi in alcuni punti AL, è troppo spesso frutto di valori non vissuti, di errori non corretti, di fede che è vacillata, permettendo così di costruire una realtà la cui interpretazione potrebbe aumentare la confusione di cosa è bene e male.  In più conosco la gnosi, come opera, cosa vuole, ecco questo dovrebbe esser oggetto di un vero dibattito. Voglio pertanto difendere la Chiesa e il Papa, come posso. Mai staccarsi dalla Chiesa, mai. Ma ho l’impressione che non rispondere ai Dubia possa esser stata una decisione strategica: i dubbi devono esserci.  Da qui la filiale e devota decisione di firmare.

Cosa pensa che farà Francesco dopo la pubblicazione?

Vorrei immaginarlo come segue. Sono certo che chiamerà tutti i firmatari della correzione filiale, li abbraccerà, li ringrazierà di aver avuto il coraggio di firmarla. Dirà loro che li ama e apprezza, che ha capito che i veri amici della Chiesa e del Papa sono quelli che lo hanno corretto, non quelli che lo adulano. Formerà all’istante una commissione di studio delle correzioni e annuncerà un nuovo Concilio Vaticano III ove verranno riaffermati i dogmi della dottrina cattolica e spiegati i punti chiave dei famosi Dubia dei 4 Cardinali. Così voglio immaginarlo, non che il Papa cestini la lettera.

Pensa questo aiuti tantissimi cattolici, laici e preti, che ancora non hanno capito che c’è un problema con Amoris Laetitia?

Certo, capiranno che il problema nello scontro tra Gnosi e fede cattolica è riaffermare i principi della Genesi. Capiranno che le verità di fede e i Sacramenti sono come un “domino”, se cade uno cadono tutti. In AL ben tre Sacramenti potrebbero vacillare e il Pontefice, immagino, cercasse conferma nel pensiero dei laici e ciò è avvenuto leggendo proprio le correzioni.

Temete l’incomprensione di coloro che ora ti accuseranno di essere il nemico di Papa?

I nemici del Papa son ben camuffati, stia tranquillo, non si espongono con una lettera aperta e firmata. Non temo questa incomprensione perché sono convinto che il Papa, (come ho “immaginato” possa fare nelle risposte sopra), leggerà le correzioni filiali, rifletterà, ne capirà le ragioni… Capirà che se il mondo ha esigenze che contraddicono o negano la Verità, è perché, per mancanza di fede, non si è saputa affermare la Verità, non perché la Verità sia cambiata o fosse stata mal interpretata. Per questo sto pregando dal momento della apposizione della firma, sto offrendo le mie sante messe a questa intenzione. Peraltro temerei piuttosto di esser considerato nemico della Chiesa di Cristo. Lei non ha idea di quanto io abbia intensificato le mie preghiere e sacrifici per il Papa e per la Chiesa.

Fonte

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Catalogna, le false libertà che si incontrano

      anna-gabriel di Andrea Zambrano. I partiti che più sostengono la secessione della Catalogna dalla Spagna sono proprio quelli che più stanno spingendo verso la rivoluzione antropologica. La cosa dovrebbe forse far venire qualche dubbio ai tanti indipendentisti cattolici che speravano di poter avere più libertà una volta staccatisi dalla Corona. Ma si tratta di un concetto di libertà che punta diritto al totalitarismo delle idee e dei diritti Leggi il seguito… 

    • Dossier sullo scontro tra Chiesa polacca e Bergoglio

        chiesa Leggi il seguito… 

    • Weinstein e quel velo di ipocrisia liberal che si squarcia

      clinton-weinstein di Nicola Porro. Il caso di Harvey Weinstein è emerso proprio quando la rete di protezione «intellettuale» del produttore di Hollywood è venuta meno. Weinstein non era uno qualunque del giro cinematografaro. Era un grande finanziatore del Partito Democratico, era l’uomo che non mancava mai alle cene di fundraising di Hillary Clinton. Leggi il seguito… 

    • AL, i vescovi polacchi stoppano le fughe in avanti

      polish-bishops-plenary-assembly-june-6-7-2017 di Marco Tosatti. La Conferenza Episcopale polacca si è riunita nei giorni scorsi a Lublino per discutere e redigere un documento relativo alle linee guida con cui leggere l’esortazione apostolica Amoris Laetitia. Alla riunione era presente anche il nunzio Salvatore Pennacchio, da poco più di un anno rappresentante del Pontefice presso la Chiesa polacca. Si ignora quando il documento stilato dai vescovi polacchi sarà pubblicato; ma siamo in grado di anticipare alcuni punti Leggi il seguito…