GIOTTO A SETTECENTOCINQUANTA ANNI DALLA NASCITA. LE MOSTRE ITINERANTI

entra-qui

Il 07 gennaio 2017 il Consiglio regionale della Toscana apriva ufficialmente il programma delle celebrazioni per i 750 anni dalla nascita di Giotto di Bondone (Colle di Vespignano 1267 – Firenze 1337) dando appuntamento alla conferenza di domenica 8 gennaio a Firenze nella sala del Gonfalone del palazzo del Pegaso. Dopo di allora, le iniziative si sono moltiplicate per ricordare l’importante pittore toscano nell’anniversario della sua nascita, che ebbe i natali, vicino a Vicchio, nella valle del Mugello, a poco meno di 1h e 30′ da Firenze.

Nella città, considerata patria dell’arte e della lingua italiana, tra le iniziative avviate per celebrare e conoscere ed amare Giotto in primavera, nel palazzo del Pegaso, vi è stato un convegno con una mostra di artisti contemporanei a lui ispirata, e un premio d’arte a lui intitolato. Gli Uffizi hanno allestito una mostra con il materiale di proprietà  del museo. Ma non solo in Toscana fervono i preparativi.

 

Magister Giotto

La grande mostra multimediale MAGISTER GIOTTO è la prima delle tre esposizioni che compongono la trilogia “MAGISTER”, annualmente dedicate a grandi Maestri dell’arte italiana: GIOTTO (tardo Medioevo), CANOVA (Neoclassico, estate 2018) e RAFFAELLO (Rinascimento, estate 2019) e verrà presentata negli spazi della monumentale Scuola Grande della Misericordia di Venezia fino al 5 novembre 2017. Il progetto espositivo è di alto rigore scientifico e impegno scenografico e filmico -fa parte del format MAGISTER- prodotto da Cose Belle d’Italia Media Entertainment  per promuovere il pensiero e l’arte italiana a livello internazionale dato il suo valore universale.

La mostra è allestita negli ampi spazi della Scuola Grande della Misericordia per un totale di 28.000 metri cubi (il secondo spazio veneziano per ampiezza, dopo Palazzo Ducale). Il percorso espositivo  (della durata di circa 45 minuti) si snoda tra il piano terra e il primo piano, nei quali il visitatore è accompagnato dalla voce del celebre attore Luca Zingaretti per la narrazione dei testi, e dalla drammaturgia musicale originale del noto compositore contemporaneo Paolo Fresu, entrambi i contenuti diffusi in una cuffia professionale a padiglioni auricolari di sofisticato design.

La produzione artistica di Giotto è narrata attraverso un percorso verbale, visivo e musicale. Il visitatore viene accolto nella immensa navata d’ingresso dall’imponente Croce del Presepe di Greccio, ricostruita, su ispirazione di quella dell’affresco e prosegue al primo piano nella sequenza di sette ambienti di grande impatto percettivo realizzati con una speciale architettura tessile. Le storie francescane di Assisi, la Cappella degli Scrovegni di Padova, i maestosi Crocifissi e le altre opere del Maestro realizzate a Firenze sono alla base dell’impianto narrativo.

 

La mostra itinerante di Roberto Filippetti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il Covid-19 è nato in laboratorio, le responsabilità cinesi e dell’OMS. Cantagalli pubblica il libro del prof. Joseph Tritto

      di Tiziano Fonte. È uscito ieri in libreria per le Edizioni Cantagalli il libro di Joseph Tritto “Cina Covid-19: la chimera che ha cambiato il mondo” (272 pp., 20 euro). La fama dell’autore, presidente del WABT (World Academy of Biomedical Sciences and Thecnologies di Parigi) e il fatto che il libro prova che il covid-19 non è di origine naturale ma è stato prodotto in laboratorio a Wuhan, mostrando le enormi difficoltà che un sistema politico totalitario come quello della Cina comunista pone alla ricerca e alla sanità, ci si sarebbe aspettati una mobilitazione dei media di particolare vigore. Invece, purtroppo, dobbiamo constatare che è prevalso il silenzio da parte delle grandi testate. Leggi il seguito…

    • Ecco perché sul Ponte di Genova la “retorica dell’arcobaleno” non regge

      di Corrado Ocone. L’impresa, che sarebbe normale in un Paese normale, è stata realizzata, ma il merito è soprattutto di chi ha voluto un commissario straordinario con potere speciali e del commissario stesso, il sindaco di centrodestra di Genova Marco Bucci, che li ha saputi utilizzare. E’ merito poi del governatore della regione Giovanni Toti che ha agevolato e collaborato al risultato e che, sotto l’insegna del buon governo, vola tranquillo verso la rielezione. Ed è anche in parte merito del governo di Giuseppe Conte, ma del precedente non di questo, quello con l’odiato nemico leghista. Insomma, la vittoria politica è tutta del centrodestra, se proprio dovessimo scendere sul terreno volgare della “stampa di regime” Leggi il seguito…

    • Quei laici in politica che tradirono la dottrina

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. La situazione è che i laici cattolici impegnati nel sociale o in politica hanno talmente acquisito i contenuti dottrinali delle ideologie che dovrebbero invece combattere, ne hanno talmente condiviso i principi che hanno cessato completamente di combatterle e vi collaborano direttamente. L’adesione dei cattolici deputati in parlamento a leggi contrarie alla legge morale naturale testimoniano che essi hanno ormai dato alla democrazia il valore di fondamento della politica e non di mezzo. Ma ciò era proprio quanto i pontefici dicevano di evitare e quanto invece voleva imporre la politica liberal-massonica.. Leggi il seguito…

    • Se dici Europa a cosa pensi?

      di Marcello Veneziani. Dici Europa e cosa ti viene in mente? Contabilità, solo contabilità. Dare soldi, avere soldi. Pagare debiti, avere crediti. Vedi ventisette figure che un tempo si sarebbero chiamati statisti, che in un padiglione asettico e ovattato, fuori della vita reale, stanno lì giorni e giorni a tirare sul prezzo. Con loro ci sono alti funzionari, macro-dirigenti, eurocrati. L’unione, come la divisione, è sempre sui soldi. Dici migranti e l’Europa non sa cosa rispondere, ognuno balbetta per sé. Dici crisi libica, egemonia turca, invasione cinese, repressione di Hong Kong e mille altre cose che riguardano il mondo, e l’Europa non dice, non fa, non ha mai un pensiero unitario ma solo sottopensieri subnazionali, o meglio subdolo nazionali. Dici 5G, commercio con l’est asiatico, veti americani, pandemia e ancora l’Europa non parla, ciascuno farfuglia a livello locale. Leggi il seguito…