GIOTTO A SETTECENTOCINQUANTA ANNI DALLA NASCITA. LE MOSTRE ITINERANTI

entra-qui

Il 07 gennaio 2017 il Consiglio regionale della Toscana apriva ufficialmente il programma delle celebrazioni per i 750 anni dalla nascita di Giotto di Bondone (Colle di Vespignano 1267 – Firenze 1337) dando appuntamento alla conferenza di domenica 8 gennaio a Firenze nella sala del Gonfalone del palazzo del Pegaso. Dopo di allora, le iniziative si sono moltiplicate per ricordare l’importante pittore toscano nell’anniversario della sua nascita, che ebbe i natali, vicino a Vicchio, nella valle del Mugello, a poco meno di 1h e 30′ da Firenze.

Nella città, considerata patria dell’arte e della lingua italiana, tra le iniziative avviate per celebrare e conoscere ed amare Giotto in primavera, nel palazzo del Pegaso, vi è stato un convegno con una mostra di artisti contemporanei a lui ispirata, e un premio d’arte a lui intitolato. Gli Uffizi hanno allestito una mostra con il materiale di proprietà  del museo. Ma non solo in Toscana fervono i preparativi.

 

Magister Giotto

La grande mostra multimediale MAGISTER GIOTTO è la prima delle tre esposizioni che compongono la trilogia “MAGISTER”, annualmente dedicate a grandi Maestri dell’arte italiana: GIOTTO (tardo Medioevo), CANOVA (Neoclassico, estate 2018) e RAFFAELLO (Rinascimento, estate 2019) e verrà presentata negli spazi della monumentale Scuola Grande della Misericordia di Venezia fino al 5 novembre 2017. Il progetto espositivo è di alto rigore scientifico e impegno scenografico e filmico -fa parte del format MAGISTER- prodotto da Cose Belle d’Italia Media Entertainment  per promuovere il pensiero e l’arte italiana a livello internazionale dato il suo valore universale.

La mostra è allestita negli ampi spazi della Scuola Grande della Misericordia per un totale di 28.000 metri cubi (il secondo spazio veneziano per ampiezza, dopo Palazzo Ducale). Il percorso espositivo  (della durata di circa 45 minuti) si snoda tra il piano terra e il primo piano, nei quali il visitatore è accompagnato dalla voce del celebre attore Luca Zingaretti per la narrazione dei testi, e dalla drammaturgia musicale originale del noto compositore contemporaneo Paolo Fresu, entrambi i contenuti diffusi in una cuffia professionale a padiglioni auricolari di sofisticato design.

La produzione artistica di Giotto è narrata attraverso un percorso verbale, visivo e musicale. Il visitatore viene accolto nella immensa navata d’ingresso dall’imponente Croce del Presepe di Greccio, ricostruita, su ispirazione di quella dell’affresco e prosegue al primo piano nella sequenza di sette ambienti di grande impatto percettivo realizzati con una speciale architettura tessile. Le storie francescane di Assisi, la Cappella degli Scrovegni di Padova, i maestosi Crocifissi e le altre opere del Maestro realizzate a Firenze sono alla base dell’impianto narrativo.

 

La mostra itinerante di Roberto Filippetti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La croce intatta tra le macerie è il segno per salvare l’Europa

      croce-maria-gesu-notre-dame di Giacomo Susca. «Stat crux dum volvitur orbis», la croce resta salda mentre il mondo cambia. È la storia del Cristianesimo racchiusa in cinque parole. Il motto dei certosini non può essere ridotto a uno status da social network, però la comunità cristiana, che vive di simboli, si aggrappa al Simbolo per eccellenza. Quella croce perseguitata, offesa, osteggiata, dileggiata, mercificata, nonostante tutto rimane l'Alfa e l'Omega, il principio quando sembra arrivata l'Apocalisse. Se c'è stato un errore di valutazione nel commentare nell'immediatezza la catastrofe parigina, forse è stato quello di intravedere in un incidente la fine di una cultura o di un sistema di valori. Può crollare il tetto sopra le nostre teste, ma non il pavimento in cui affondano le radici della cristianità Leggi il seguito… 

    • L’eros anarchico e l’ideologia nichilista del Sessantotto. A proposito delle recenti “Note“ di Benedetto XVI

      1968 di Don Samuele Cecotti. Papa Benedetto XVI, nelle sue Note scritte a favore di papa Francesco e dei presidenti delle Conferenze Episcopali riuniti in Vaticano per affrontare lo scandalo pedofilia nella Chiesa e ora pubblicate, individua nella Contestazione Sessantottesca una vera e propria rivoluzione affermatasi tanto nel mondo (occidentale) quanto nella Chiesa. Come Osservatorio abbiamo dedicato al ’68 il numero 3 (2108) del “Bollettino di Dottrina sociale della Chiesa” [leggi] partendo proprio dal riconoscimento della natura rivoluzionaria della Contestazione e sviluppando una attenta analisi circa gli esiti socio-politici di tale rivoluzione nichilista. Leggi il seguito… 

    • Cattolici e Radio Radicale: lo scandalo continua

      radio-radicale di Riccardo Cascioli. Ancora una volta, di fronte all'intenzione del governo di cancellare il truffaldino finanziamento pubblico a Radio Radicale, c'è una mobilitazione generale. E in prima fila come sempre ci sono fette importanti del mondo cattolico. Un gioco di favori e ricatti reciproci, a danno della fede dei semplici. Leggi il seguito… 

    • Se il mondo che disprezza il Medioevo piange per Notre Dame

      croce-maria-gesu-notre-dame di Luca Volontè. Dopo le fiamme a Notre Dame i fautori del politicamente corretto, gli stessi che tacciano di “oscurantismo medievale” coloro che difendono la vita del concepito e il matrimonio, hanno esternato lamenti per la cattedrale fondata nel Medioevo. C’è dell’ironia (e della menzogna) in questo. Ma c’è anche la speranza di una ricostruzione della società, che può avvenire solo tornando a Cristo, come ricordano i fedeli raccoltisi in preghiera a chiedere l’intercessione di Maria Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.