Germania, G. Chiesa: “E’ finita anche per loro. Europa spazzata dalla globalizzazione”

g-chiesa

di Andrea Barcariol.

“La Germania è arrivata allo stesso approdo di Francia, Spagna, Italia, Inghilterra e Stati Uniti. Ci sono arrivati in ritardo perché godevano di condizioni migliori dal punto di vista economico che hanno consentito una stabilità più lunga. Ora è finita anche per loro, il cambio è globale ed è una rottura del vecchio sistema dei partiti che non regge più alle tensioni sociali che si sono create negli ultimi 30 anni con la globalizzazione”

*****************

Un verdetto pieno di incognite è uscito dalle urne tedesche con un governo ora a rischio governabilità. I partiti della Grande coalizione di governo hanno incassato una sonora sconfitta perdendo insieme più del 14% con un calo di oltre 8% per i cristianodemocratici di Angela Merkel. La vera vincitrice della tornata elettorale è stata invece l’ultradestra nazionalista, anti-islamica ed euroscettica della Alternative für Deutschland arrivata a quota 13,2%. Sul voto tedesco IntelligoNews ha intervistato il giornalista Giulietto Chiesa, esperto di politica internazionale.

Che idea si è fatto del risultato delle elezioni tedesche?

“La Germania è arrivata allo stesso approdo di Francia, Spagna, Italia, Inghilterra e Stati Uniti. Ci sono arrivati in ritardo perché godevano di condizioni migliori dal punto di vista economico che hanno consentito una stabilità più lunga. Ora è finita anche per loro, il cambio è globale ed è una rottura del vecchio sistema dei partiti che non regge più alle tensioni sociali che si sono create negli ultimi 30 anni con la globalizzazione”.

Quindi continua a spirare il vento “Brexit e Trump” sull’Europa?

“Esatto, io lo definirei il vento della crisi della globalizzazione, è la crisi complessiva dell’Occidente che va a investire tutti i grandi Paesi”.

L’ha sorpresa il risultato dell’ultradestra di afD?

“No, me l’aspettavo, lo avevo già scritto. Mi aspettavo che questo processo investisse anche la Germania dopo aver colpito i popoli dell’Europa fondatrice a cui vanno aggiunti Ungheria, Slovacchia, Romania, Bulgaria. Ciò significa che le cause sono molto profonde, questo è il vero tema da analizzare”.

Già sono iniziate le prime divisioni all’interno di Afd e la leader del gruppo Frauke Petry si è autoesclusa dal gruppo parlamentare. Prevede una spaccatura?

“La precarietà di afD è simile a quella che ha investito Podemos in Spagna o il M5S in Italia. Hanno gli stessi problemi perché sono fondazioni politiche che nascono adesso, che non hanno una storia e hanno diverse anime al loro interno. Con il tempo queste anime si logorano, si modificano, cambiano, è tutto fisiologico ora entrando nel Parlamento avranno molti vantaggi. Già in campagna elettorale AfD ha cambiato faccia tante volte, non mi stupisce che questo avvenga. Il problema principale è che la governabilità è a rischio perché è saltata l’intesa centrodestra-centrosinistra e questo creare per la Germania e per l’Europa notevoli problemi di cambiamento”.

Fonte: Intelligo News

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Riti pagani in Vaticano, dopo lo sfregio la menzogna

      di Riccardo Cascioli. Una situazione surreale si trascina da giorni ai briefing del Sinodo: alle domande dei giornalisti che chiedono chiarimenti sui riti pagani svoltisi nei Giardini Vaticani il 4 ottobre e che si susseguono nella chiesa di Santa Maria in Traspontina, i responsabili della comunicazione del Sinodo, Paolo Ruffini e padre Giuseppe Costa, prima fanno finta di non sapere e poi offrono versioni platealmente smentite dalle numerose testimonianze fotografiche e video. Intanto un sito di magia ed esoterismo esulta: «Finalmente la Chiesa riconosce l'importanza delle religioni pagane». Leggi il seguito…

    • La contraddizione più evidente del Sinodo sull’Amazzonia

      di Stefano Fontana. Se, come dicono, la Chiesa è in Amazzonia per dialogare con le culture indigene e difendere l’ecosistema, perché ci sarebbe bisogno di più sacerdoti, al punto da ordinare uomini sposati? Quello dei viri probati è solo uno stratagemma. E bisogna interrogarsi su cosa significhi, oggi, missione. Solo dalla fede e dall’annuncio di Cristo sorgono sacerdoti. Come dimostra la storia. Leggi il seguito…

    • L’opzione Domopac del democristiano Conte

      di Emanuele Boffi. Grillino coi grillini, cattolico coi cattolici. Il premier è come la pellicola trasparente: un contenitore che s’adatta al contenuto Poiché la Democrazia cristiana in Italia non muore mai, uno come Giuseppe Conte non poteva farsi sfuggire l’occasione di dimostrarsi fratello “anche” degli ultimi epigoni della Balena bianca. Sceso ad Avellino in terra demitiana, il premier ha svolto una lectio magistralis sul contributo dei cattolici nei lavori dell’Assemblea costituente. Ad ascoltarlo in platea, raccontava ieri sul Corriere Francesco Verderami, «il vecchio sinedrio [Dc] seduto in prima fila: De Mita, Bianco, Mancino, Zecchino, Gargani, Mastella». Leggi il seguito…

    • Il governo in procinto

      di Marcello Veneziani. Ma che roba è questo governo giallorosso? Proviamo a dare una definizione attinta dalla grammatica politica, anzi solo dalla grammatica, visto che la politica sta morendo di miseria. Questo è un governo perifrastico, un costrutto artificioso fondato sul participio futuro. La perifrasi, spiegano i dizionari, esprime l’imminenza di un’azione, l’intenzione di fare qualcosa o la predestinazione a compierla. Ecco il Premier “Siamo in procinto di”, segue a ruota il leader “Siamo sul punto di”, appresso viene il Ministro “Ci accingiamo a”. È la grammatica del potere grillo-sinistro, un governo intenzionale, di annunciatori e futurologi. Stanno sempre per fare qualcosa che sarà una svolta epocale, ma non è fatta ancora, verrà. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.