È boom di stupri in Germania: “Colpa dell’afflusso di migranti”

rape

di Franco Grilli.

I dati fanno impressione. E dimostrano che quando un Paese si apre troppo all’immigrazione questa produce storture, crimini e pure un boom di stupri.

Lo sa bene l’Italia, che nell’ultimo mese si è vista investire letteralmente da una tempesta di violenze sessuali. Ma ne è al corrente anche la Germania di Angela Merkel, che in questi giorni sta facendo i conti con alcune statistiche che forse la Cdu non avrebbe mai voluto leggerle.

A renderle note è stata la Süddeutsche Zeitung, quotidiano riconosciuto da tutti come assolutamente attendibile. Il quotidiano, nel presentare i dati, li ha pure definiti “sconvolgenti”. In Italia, dopo le denunce dell ministro degli Interni della Baviera, il cristiano Joachim Herrmann, il quotidiano Italia Oggi ha riportato quando emerso dagli studi dei tedeschi.

Ebbene: “Gli stupri – scrive Italia Oggi – solo in Baviera nei primi sei mesi dell’anno sono aumentati di quasi il 50% rispetto allo stesso periodo del 2016: da 463 a 685. L’anno scorso i profughi responsabili furono 66, nell’ultimo semestre 126, con un aumento del 91%. Nel corso dell’intero 2016, sul totale dei reati sessuali, 6.100 (un dato stabile negli ultimi anni), il 70,7%, è stata compiuto da tedeschi, il 29,3% da stranieri, e tra questi l’11% erano fluechtlinge, fuggiaschi.

Nel 2015 furono il 6,4%, e nel 2007 appena l’1,7%”. Avete capito? Quasi il 30% degli stupri viene commesso da immigrati, di cui l’11% sono i profughi appena arrivati. Pochi rispetto al 70% di autoctoni? Assolutamente no. Nella sola Baviera infatti ci sono 12,44 milioni di persone e appena 156mila immigrati. Ovvero poco più dell’1% e commettono l’11% delle violenze. Un po’ troppe.

La Germania ha pagato a caro prezzo le politiche migratorie della Merkel: i profughi che commettevano stupri, infatti, erano appena il 6,4% e nel 2007 solo 1,7%. E poi dicono che l’immigrazione incontrollata non è un problema.

Fonte: il Giornale

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Siamo ancora fermi al ’68

      femministe-non-una-di-meno di Marcello Veneziani. Femministe sul piede di guerra, dichiarazioni d’odio e disprezzo verso le famiglie anzi verso Dio, patria e famiglia, campagne d’odio contro carabinieri e poliziotti, lotte per l’aborto, il sesso libero e la droga legalizzata… porte aperte a tutti, società sconfinata, abbasso i muri e i freni, indulgenti con i trasgressori, intolleranti coi conservatori, accuse di fascismo a chiunque non sia dalla loro parte, anzi, elevazione del fascismo a categoria metastorica, pacifismo libertario, ma a chi non concorda tappiamogli la bocca…Rieccolo, il 68. Non è tornato, non se n’era mai andato, solo che ora esce allo scoperto e si sente nuovo, mentre si avverte che è rancido, inacidito, invecchiato male e andato a male. Leggi il seguito… 

    • È guerra contro la famiglia, vescovi non reclutati

      bassetti di Andrea Zambrano. Quella di Verona si sta delineando come una guerra per distruggere la famiglia. Eppure i vescovi non si rendono conto che una guerra è stata dichiarata. San Giovanni Paolo II disse che "attorno alla famiglia e alla vita si svolge oggi la lotta fondamentale della dignità dell'uomo". E quando c'è una lotta bisogna combattere non auspicare buonismo.  Leggi il seguito… 

    • Tre conversioni non ne fanno una

      vescovi di Stefano Fontana. Da tempo sono apparse all’orizzonte del cattolicesimo tre nuove conversioni. Si tratta della conversione pastorale, della conversione sinodale e della conversione ecologica. La prima è largamente presente in Amoris laetitia, la seconda è stata espressamente indicata da papa Francesco in Evangelii gaudium, e la terza nell’enciclica Laudato si’. La parola conversione la Chiesa l’aveva sempre adoperata per indicare il volgersi a Cristo, unico Salvatore. Ora viene usata in questi altri significati, e non senza un perché alle spalle. Leggi il seguito… 

    • “Ecco perchè non servivano le Unioni civili”

      Monica Cirinnà 1 di Maura Delle Case. “Non c’era bisogno della legge sulle Unioni civili per garantire diritti alle coppie di conviventi perché quei diritti erano già stati riconosciuti dalla giurisprudenza”. Carlo Amedeo Giovanardi di Idea e oppositore strenuo della legge 76/2016 rea a suo dire “d’aver socchiuso la porta ad adozioni e utero in affitto per le coppie omosessuali”, liquida così la sentenza del tribunale di Pordenone sull’assegno riconosciuto, all’atto di scioglimento dell’unione civile, alla parte debole di una coppia di donne. Leggi il seguito…