“Cavalieri e principesse”: il gender messo in crisi

guzzo_gender_rovereto

In occasione dell’avvio del nuovo anno scolastico Libertà&Persona – in collaborazione con ProVita Onlus, il Coordinamento Famiglie Trentine e l’Associazione Nazionale Famiglie Numerose – promuove una conferenza di presentazione di “Cavalieri e Principesse”, libro dello scrittore e sociologo trentino d’adozione Giuliano Guzzo, che dialogherà con Emiliano Fumaneri.

In un momento storico in cui perfino le istituzioni pubbliche (provinciali e nazionali) sostengono le tesi a-sessualizzanti della teoria del gender (che sconfinano nella delirante affermazione della interscambiabilità fra i sessi), camuffandole da strumenti per affermare una cultura della pari opportunità, è fondamentale dare voce a chi, pur non negando la necessità di combattere le disuguaglianze esistenti su un piano culturale, riaffermi la positività della differenza naturale tra un maschio e una femmina.

Come dice il sottotitolo dell’agile, ma approfondito. studio del sociologo: «Donne e uomini sono davvero differenti, ed è bello così».

Una differenza innata che si manifesta, dice Giuliano Guzzo, già nei primi mesi di vita, in qualche caso addirittura a poche ore dal parto o perfino in fase prenatale. Molte saranno le domande cui lo scrittore e giornalista del quotidiano La Verità risponderà in modo esaustivo e diretto. Perché usiamo il fiocco azzurro per i maschi e quello rosa per le femmine? Perché la bambine giocano con le bambole e i maschietti cercano i camioncini? Il cervello di uomini e donne è identico? E i contenuti dei sogni? Come mai è così diffusa l’idea che le donne parlino, sorridano e piangano di più (e guidino peggio) degli uomini? Si può sostenere che uomini e donne hanno attitudini professionali diverse senza passare per sessisti? E come si innamorano?

L’incontro, aperto a tutta la cittadinanza, è rivolto in particolar modo ai genitori, agli insegnati e agli educatoriche quotidianamente si trovano a confrontarsi con la sfida più importante per il futuro di una famiglia, e di un popolo nel suo insieme: quella educativa. Sfida che si vince, sempre, se si parte dalla realtà per cercare la verità.

La conferenza si terrà venerdì 15 settembre alle ore 20.30 presso l’Urban Center di Rovereto.

Qui la locandina dell’evento.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Pozzallo, vittoria italiana o “strada per l’inferno”?

      immigrati-africani di Gianandrea Gaiani. Il caso del barcone con a bordo 458 immigrati clandestini trasbordati su due navi militari poi sbarcati a Pozzallo, si è risolto in un successo politico per l’Italia ma anche in una vittoria dei trafficanti, riusciti a dimostrare ai loro “clienti” che i porti italiani sono ancora aperti. Un approccio che il gruppo Visegrad ha già ribattezzato "una strada per l'inferno".  Leggi il seguito… 

    • “Non condivido, ma…”. Se il vescovo “legittima i gay pride”

      summer-pride-rimini di Marco Tosatti. È prevedibile, durante il Gay Pride di Rimini, l’uso blasfemo di personaggi e simboli della religione. Come l’anno scorso, un gruppo di cattolici, riuniti nel Comitato Beata Giovanna Scopelli, ha indetto una processione di riparazione da cui il vescovo di Rimini ha preso le distanze sebbene anche il pride «non aiuti i legittimi diritti Lgbt». Leggi il seguito… 

    • Negozi chiusi la domenica, una scelta doverosa

      Giampaolo Crepaldi di Giampaolo Crepaldi. Il riposo domenicale valorizza due dimensioni della vita sociale: quella delle relazioni familiari e della dimensione religiosa. Per questo è auspicabile che la proposta del ministro Di Maio trovi forte sostegno nella società e nella politica per diventare presto realtà. Leggi il seguito… 

    • La ricchezza nasce dall’Europa cristiana. Non dall’illuminismo

      Gotti-tedeschi di Ettore Gotti Tedeschi. Il saggio dello storico dell’economia Joel Mokir Una cultura della crescita e soprattutto la recensione che ne ha fatto Repubblica confermano la solita tesi superficiale: poiché la rivoluzione industriale inizia in Europa nel XVIII Secolo, l'origine della ricchezza è l'illuminismo. Giusto? No, sbagliato. Vediamo perché Leggi il seguito…