“Cavalieri e principesse”: il gender messo in crisi

guzzo_gender_rovereto

In occasione dell’avvio del nuovo anno scolastico Libertà&Persona – in collaborazione con ProVita Onlus, il Coordinamento Famiglie Trentine e l’Associazione Nazionale Famiglie Numerose – promuove una conferenza di presentazione di “Cavalieri e Principesse”, libro dello scrittore e sociologo trentino d’adozione Giuliano Guzzo, che dialogherà con Emiliano Fumaneri.

In un momento storico in cui perfino le istituzioni pubbliche (provinciali e nazionali) sostengono le tesi a-sessualizzanti della teoria del gender (che sconfinano nella delirante affermazione della interscambiabilità fra i sessi), camuffandole da strumenti per affermare una cultura della pari opportunità, è fondamentale dare voce a chi, pur non negando la necessità di combattere le disuguaglianze esistenti su un piano culturale, riaffermi la positività della differenza naturale tra un maschio e una femmina.

Come dice il sottotitolo dell’agile, ma approfondito. studio del sociologo: «Donne e uomini sono davvero differenti, ed è bello così».

Una differenza innata che si manifesta, dice Giuliano Guzzo, già nei primi mesi di vita, in qualche caso addirittura a poche ore dal parto o perfino in fase prenatale. Molte saranno le domande cui lo scrittore e giornalista del quotidiano La Verità risponderà in modo esaustivo e diretto. Perché usiamo il fiocco azzurro per i maschi e quello rosa per le femmine? Perché la bambine giocano con le bambole e i maschietti cercano i camioncini? Il cervello di uomini e donne è identico? E i contenuti dei sogni? Come mai è così diffusa l’idea che le donne parlino, sorridano e piangano di più (e guidino peggio) degli uomini? Si può sostenere che uomini e donne hanno attitudini professionali diverse senza passare per sessisti? E come si innamorano?

L’incontro, aperto a tutta la cittadinanza, è rivolto in particolar modo ai genitori, agli insegnati e agli educatoriche quotidianamente si trovano a confrontarsi con la sfida più importante per il futuro di una famiglia, e di un popolo nel suo insieme: quella educativa. Sfida che si vince, sempre, se si parte dalla realtà per cercare la verità.

La conferenza si terrà venerdì 15 settembre alle ore 20.30 presso l’Urban Center di Rovereto.

Qui la locandina dell’evento.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Legge sul biotestamento, è giusto fare resistenza

      mons-negri di Luigi Negri. Di fronte all’approvazione definitiva della legge sul testamento biologico, la prima osservazione, amara, è che la Chiesa italiana ha perso una battaglia che peraltro non ha neanche combattuto. Più in generale non si può evitare un confronto con quanto accadde solo pochi anni fa quando Eluana Englaro è stata uccisa dallo Stato con una operazione infame: allora la realtà popolare cattolica aveva accompagnato questo martirio con una presenza viva e attiva, cercando di impedirlo. Leggi il seguito… 

    • La politica si è arresa

      alfredo-mantovano di Alfredo Mantovano. Non è detto che il totalitarismo si manifesti solo coi carri armati: quando vi è una sostanza di selezione eugenetica, di soppressione del più debole, di frantumazione della famiglia, la circostanza che tutto questo sia espresso da maggioranze o da sentenze non elimina sinistre similitudini con i più oppressivi regimi del XX secolo Leggi il seguito… 

    • Biotestamento. Don Arice, “il Cottolengo farà obiezione di coscienza, non applicherà le DAT”

      don-arice Nelle sue strutture, il Cottolengo non applicherà le Dat. Lo ha comunicato all’AGI il superiore generale don Carmine Arice. “Noi – ha affermato il sacerdote – non possiamo eseguire pratiche che vadano contro il Vangelo, pazienza se la possibilità dell’obiezione di coscienza non è prevista dalla legge: è andato sotto processo Marco Cappato che accompagna le persone a fare il suicidio assisitito, possiamo andarci anche noi che in un possibile conflitto tra la legge e il Vangelo siamo tenuti a scegliere il Vangelo”. Leggi il seguito… 

    • Approvata la legge che apre all’eutanasia. Crepaldi: I ponti senza verità non reggono

      Giampaolo Crepaldi di Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân. Giovedì scorso 14 dicembre il Parlamento italiano ha approvato la legge cosiddetta sulle DAT che apre all’eutanasia, persino in forme più accentuate che in altri Paesi. Durante la fase della discussione in Parlamento e nel Paese anche io, come vescovo e come presidente dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân, ero intervenuto, insieme ad altri, come per esempio il Centro Studi Rosario Livatino, per mettere in evidenza la gravità del contenuto di questo testo di legge. Purtroppo ha prevalso un’ideologia libertaria e, in definitiva, nichilista, espressa in coscienza da tanti parlamentari. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.