CARD. CARLO CAFFARRA/ L’intelligenza della fede, i “dubia”, la fedeltà a Pietro …

Leggo su Sussidiario.net (qui) del 7.09.2017 un bell’articolo, di persona molto affezionata a Sua Ecc. il Card. Carlo Caffarra, a sostegno della corretta interpretazione del suo pensiero, quale giusta lode alla sua vita, da qualunque punto di vista si vogliano vedere, sia la vita che il pensiero di Sua Eccellenza, a riguardo delle controversie su Amoris Laetitia. Ma, se è vero, come scrive il giornalista, che “La vicenda è certamente più complessa di come la si va raccontando: un’esortazione ha lo scopo di aprire un cantiere di lavoro, non è un’enciclica né un pronunciamento dogmatico, bensì un documento del magistero cui va l’ossequio della volontà e dell’intelletto, comunque un documento di partenza, che ha il compito di indicare percorsi e orientamenti che solo alla prova della storia si possono realmente verificare. Eppure Caffarra prese posizione, lucidamente e cordialmente …”, e che  il Cardinale scelse, comunque, la fedeltà a Pietro -è vero-, non comprendo perché sospettare ancora di infedeltà a Pietro tutti coloro, che, come Sua Ecc. il Cardinale, hanno mosso e muovono critiche al testo? Amoris Laetitia, testo autorevole, ma suscettibile di approfondimento e di revisione. Verificare e approfondire non è contro la Dottrina della Chiesa, né contro il Santo Padre che è e resta tale, almeno per chi è in buona fede. Vescovi e Conferenze Episcopali hanno preso linee diverse tra loro, anche da quelle da molti attese (antipapali anche loro?). Che dire, invece, di Conferenze e Vescovi e teologi e laici, che, da dopo il Concilio, sono stati effettivamente contro i Sommi Pontefici ? … E, allora, se non vogliamo discutere intorno al corpo caldo del Cardinale (vedi articolo), semplicemente, preghiamo attorno a Lui e con Lui.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’intervento dell’Arcivescovo Crepaldi su Noa Pothoven e il “coscienzialismo” totalitario

      di Silvio Brachetta. Il «principio di autodeterminazione assoluta», di cui scrive Crepaldi, è collegato al primato del soggetto sull’oggetto, sul quale è intessuta gran parte della filosofia e della teologia moderna. Si tratta di un soggettivismo assoluto, che rovescia i dati del mondo reale sul capriccio della volontà, spesso sganciata dalla ragione. La coscienza, in questo quadro distorto, diventa l’ultimo orizzonte di significato: da luogo metafisico nel quale l’uomo ascolta la voce di Dio e la realizza, essa è trasformata dal soggetto in tribunale esclusivo della volontà umana, che stabilisce cosa sia bene e male sulla base di un desiderio cieco, a prescindere da qualsiasi rivelazione o riferimento trascendente Leggi il seguito…

    • Radio Radicale, la solita truffa ideologica

      di Riccardo Cascioli. Come era prevedibile alla fine i fondi statali per Radio Radicale sono arrivati, grazie anche ai voti della Lega e con il plauso di molti cattolici che contano. Una scelta scriteriata che premia il parassitismo e la cultura della morte. Ed Emma Bonino presenta subito il conto alla Chiesa. Leggi il seguito…

    • Processo ai magistrati

      di Marcello Veneziani. Al di là dei singoli casi e delle specifiche responsabilità, quali sono i mali della magistratura? A parte i mali storici, la quantità impressionante di reati impuniti, le lungaggini dei processi, gli intrecci con la politica, il protagonismo malato dei magistrati e la loro sete di vetrina, non solo politica e mediatica ma anche letteraria e cinematografica, potremmo riassumerli in alcuni filoni Leggi il seguito…

    • Cari partiti, sveglia! Questa è l’occasione perfetta per una riforma della giustizia

      di Centro Studi Livatino. Parla Mantovano, magistrato ed ex parlamentare: “stupirsi è da ipocriti, ma adesso si può finalmente parlare di separazione delle carriere e del riordino di cui la categoria ha bisogno”. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.