Adozioni e utero in affitto: la nostra battaglia condivisa anche da omosessuali

matera-tavola-rotonda

di Alessandro Santini.

Sabato, a Matera, ho iniziato da qui il mio intervento al dibattito “Nuovi diritti o nuove pretese?”, uno degli appuntamenti della festa nazionale di “IDEA – Popolo e Libertà” al quale sono stato invitato dal senatore Carlo Giovanardi, che ringrazio. Con lui, Francesco Agnoli, Assuntina Morresi e Marina Terragni ho avuto l’opportunità di confrontarmi su un tema di cui il centrodestra non ha mai parlato più di tanto.

***************

Trascriviamo di seguito l’articolo scritto da Alessandro Santini, consigliere comunale di Viareggio, che ha partecipato alla tavola rotonda di Matera sul tema: “nuovi diritti o nuove pretese?”

Sono il primo a rispettare le idee degli altri, tutti gli altri. Ma le idee e le proposte della sinistra sull’argomento omosessualità non vanno considerate in automatico come quelle di tutti gli omosessuali: una persona di centrodestra come me non si riconosce in tutte quelle battaglie.

Sabato, a Matera, ho iniziato da qui il mio intervento al dibattito “Nuovi diritti o nuove pretese?”, uno degli appuntamenti della festa nazionale di “IDEA – Popolo e Libertà” al quale sono stato invitato dal senatore Carlo Giovanardi, che ringrazio. Con lui, Francesco Agnoli, Assuntina Morresi e Marina Terragni ho avuto l’opportunità di confrontarmi su un tema di cui il centrodestra non ha mai parlato più di tanto. Non perché non esistano persone omosessuali di centrodestra ma perché, per quello che ho visto e vissuto, oggi la mia parte politica non fa dell’omosessualità un problema. A differenza della sinistra che, spesso e a ripetizione, ha usato e strattonato questo argomento per poi abbandonare tutto quando, politicamente, non ne aveva più bisogno.

Essere gay non significa essere di sinistra né, tantomeno, condividere a priori tutte le richieste prodotte dalla sinistra. Soprattutto su certe tematiche, a partire da quella delle adozioni.

L’amore non ha orientamento sessuale e, a Matera, ho ribadito con forza che i diritti civili connessi e connaturali a questo sentimento devono essere riconosciuti a tutti. Con altrettanta convinzione, però, ho detto (e sempre sostenuto) che la pretesa di una coppia omosessuale di essere “famiglia” con bambini è una prevaricazione di questi diritti: i bambini lasciamoli fuori. Chi tenta di prevaricare un diritto in nome della ricerca di quella presunta “normalità” che non riesce a trovare in se stesso, pecca solo di egoismo. Non è facendo di tutto per adottare un bambino che una coppia omosessuale può superare i suoi drammi personali e interiori. C’è chi ha la fortuna di capirsi, essere capito e accettato; c’è invece chi non riesce ad accettare la propria situazione e, di conseguenza, non la vive con serenità all’esterno. Ma la serenità non la troverà con un’adozione. A questo mi oppongo e mi sono sempre opposto: all’egoismo.

Il centrodestra deve trovare il coraggio di affrontare il tema dell’omosessualità e parlarne con serenità, quel coraggio che forse le mancava prima ma che ha trovato oggi. Una necessità percepita anche da altri esponenti del mio partito, fra questi Massimo Mallegni che ha condiviso la sostanza del mio intervento a Matera, a conferma di un bisogno reale: far capire a chi non si riconosce nelle “battaglie” del centrosinistra che ci sono anche altri spazi di confronto; che su questo argomento nessuna forza politica ha l’esclusiva e che chi ne ha parlato finora, senza controparte e a quasi senso unico, non ha in tasca verità universali.

Alessandro Santini

Forza Italia – Viareggio

Fonte: www.carlogiovanardi.it

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria, il Comando che sfida l’ubriacatura globalista

      di Stefano Fontana. Perché la politica crede che lo Stato-nazione sia superato da una globalizzazione inarrestabile e così facendo condanna se stessa? A questo problema è dedicato l’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel Mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân. La nazione si configura come “patria” proprio perché ha le radici nei “padri” e Giovanni Paolo diceva che il dovere verso la patria deriva dal quarto comandamento: Onora il padre e la madre. Ecco perché è necessario un recupero di fronte all’attuale ubriacatura di forzato globalismo. Leggi il seguito…

    • Il tramonto di Giuseppi

      di Frodo. Un inno alla presentabilità che non è bastato: Giuseppe Conte, tra qualche settimana, potrebbe dover fare i conti con un giudizio simile a questo. Il chiacchiericcio retroscenista che limita per sentenza politologica la durata di un governo, di solito, tende ad allungare la vita dello stesso esecutivo. È una regola non scritta del giornalismo: quando si vuole fare un piacere ad un politico, bisogna darlo per politicamente morto. Chiedere, per maggiori informazioni, a Silvio Berlusconi. Ecco perché dare Conte per spacciato non conviene ad un centrodestra che bene farebbe, invece, a pensare a riorganizzarsi come una vera coalizione. Il respiro giallorosso però rimane corto. Come abbiamo già avuto modo di far notare, i nodi stanno inesorabilmente venendo al pettine. Leggi il seguito…

    • Una tolleranza totalitaria. Antologia da BXVI

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In un recente articolo ho sostenuto che l’intervento di Mattarella e Conte in occasione della Giornata mondiale del 17 maggio scorso contro l’omofobia e la transfobia [a cui è stata aggiunta anche la bifobia (!)] usa il principio di tolleranza per istituire un regime intollerante, cioè autoritario, cioè totalitario. In questo articolo dicevo, tra l’altro: “La tolleranza assoluta è intollerante perché deve vietare di pensare che non tutto si debba tollerare”.  E aggiungevo: “Uno Stato che non conosce il limite fa paura. Uno Stato che sa dire tanti no, ma non quelli giusti, fa paura”. Leggi il seguito…

    • Nella confusione coronavirus, un confuso genitore cattolico

      di Amedeo Rossetti. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus Quando Siena nel 1400 fu colpita dalla peste, anche molti medici ed infermieri si ammalarono e morirono. San Bernardino aveva 20 anni ed insieme ai compagni della Confraternita dei Disciplinati nella quale era entrato, Bernardino si offrì come volontario, adoperandosi nell’assistenza agli appestati per quattro mesi, fino all’inizio dell’inverno, quando la pestilenza cominciò e regredire; passò successivamente quattro mesi tra la vita e la morte, essendo rimasto pure lui contagiato, ma poi guarì. Leggi il seguito…