Adozioni e utero in affitto: la nostra battaglia condivisa anche da omosessuali

matera-tavola-rotonda

di Alessandro Santini.

Sabato, a Matera, ho iniziato da qui il mio intervento al dibattito “Nuovi diritti o nuove pretese?”, uno degli appuntamenti della festa nazionale di “IDEA – Popolo e Libertà” al quale sono stato invitato dal senatore Carlo Giovanardi, che ringrazio. Con lui, Francesco Agnoli, Assuntina Morresi e Marina Terragni ho avuto l’opportunità di confrontarmi su un tema di cui il centrodestra non ha mai parlato più di tanto.

***************

Trascriviamo di seguito l’articolo scritto da Alessandro Santini, consigliere comunale di Viareggio, che ha partecipato alla tavola rotonda di Matera sul tema: “nuovi diritti o nuove pretese?”

Sono il primo a rispettare le idee degli altri, tutti gli altri. Ma le idee e le proposte della sinistra sull’argomento omosessualità non vanno considerate in automatico come quelle di tutti gli omosessuali: una persona di centrodestra come me non si riconosce in tutte quelle battaglie.

Sabato, a Matera, ho iniziato da qui il mio intervento al dibattito “Nuovi diritti o nuove pretese?”, uno degli appuntamenti della festa nazionale di “IDEA – Popolo e Libertà” al quale sono stato invitato dal senatore Carlo Giovanardi, che ringrazio. Con lui, Francesco Agnoli, Assuntina Morresi e Marina Terragni ho avuto l’opportunità di confrontarmi su un tema di cui il centrodestra non ha mai parlato più di tanto. Non perché non esistano persone omosessuali di centrodestra ma perché, per quello che ho visto e vissuto, oggi la mia parte politica non fa dell’omosessualità un problema. A differenza della sinistra che, spesso e a ripetizione, ha usato e strattonato questo argomento per poi abbandonare tutto quando, politicamente, non ne aveva più bisogno.

Essere gay non significa essere di sinistra né, tantomeno, condividere a priori tutte le richieste prodotte dalla sinistra. Soprattutto su certe tematiche, a partire da quella delle adozioni.

L’amore non ha orientamento sessuale e, a Matera, ho ribadito con forza che i diritti civili connessi e connaturali a questo sentimento devono essere riconosciuti a tutti. Con altrettanta convinzione, però, ho detto (e sempre sostenuto) che la pretesa di una coppia omosessuale di essere “famiglia” con bambini è una prevaricazione di questi diritti: i bambini lasciamoli fuori. Chi tenta di prevaricare un diritto in nome della ricerca di quella presunta “normalità” che non riesce a trovare in se stesso, pecca solo di egoismo. Non è facendo di tutto per adottare un bambino che una coppia omosessuale può superare i suoi drammi personali e interiori. C’è chi ha la fortuna di capirsi, essere capito e accettato; c’è invece chi non riesce ad accettare la propria situazione e, di conseguenza, non la vive con serenità all’esterno. Ma la serenità non la troverà con un’adozione. A questo mi oppongo e mi sono sempre opposto: all’egoismo.

Il centrodestra deve trovare il coraggio di affrontare il tema dell’omosessualità e parlarne con serenità, quel coraggio che forse le mancava prima ma che ha trovato oggi. Una necessità percepita anche da altri esponenti del mio partito, fra questi Massimo Mallegni che ha condiviso la sostanza del mio intervento a Matera, a conferma di un bisogno reale: far capire a chi non si riconosce nelle “battaglie” del centrosinistra che ci sono anche altri spazi di confronto; che su questo argomento nessuna forza politica ha l’esclusiva e che chi ne ha parlato finora, senza controparte e a quasi senso unico, non ha in tasca verità universali.

Alessandro Santini

Forza Italia – Viareggio

Fonte: www.carlogiovanardi.it

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Catalogna, le false libertà che si incontrano

      anna-gabriel di Andrea Zambrano. I partiti che più sostengono la secessione della Catalogna dalla Spagna sono proprio quelli che più stanno spingendo verso la rivoluzione antropologica. La cosa dovrebbe forse far venire qualche dubbio ai tanti indipendentisti cattolici che speravano di poter avere più libertà una volta staccatisi dalla Corona. Ma si tratta di un concetto di libertà che punta diritto al totalitarismo delle idee e dei diritti Leggi il seguito… 

    • Dossier sullo scontro tra Chiesa polacca e Bergoglio

        chiesa Leggi il seguito… 

    • Weinstein e quel velo di ipocrisia liberal che si squarcia

      clinton-weinstein di Nicola Porro. Il caso di Harvey Weinstein è emerso proprio quando la rete di protezione «intellettuale» del produttore di Hollywood è venuta meno. Weinstein non era uno qualunque del giro cinematografaro. Era un grande finanziatore del Partito Democratico, era l’uomo che non mancava mai alle cene di fundraising di Hillary Clinton. Leggi il seguito… 

    • AL, i vescovi polacchi stoppano le fughe in avanti

      polish-bishops-plenary-assembly-june-6-7-2017 di Marco Tosatti. La Conferenza Episcopale polacca si è riunita nei giorni scorsi a Lublino per discutere e redigere un documento relativo alle linee guida con cui leggere l’esortazione apostolica Amoris Laetitia. Alla riunione era presente anche il nunzio Salvatore Pennacchio, da poco più di un anno rappresentante del Pontefice presso la Chiesa polacca. Si ignora quando il documento stilato dai vescovi polacchi sarà pubblicato; ma siamo in grado di anticipare alcuni punti Leggi il seguito…