Adozioni e utero in affitto: la nostra battaglia condivisa anche da omosessuali

matera-tavola-rotonda

di Alessandro Santini.

Sabato, a Matera, ho iniziato da qui il mio intervento al dibattito “Nuovi diritti o nuove pretese?”, uno degli appuntamenti della festa nazionale di “IDEA – Popolo e Libertà” al quale sono stato invitato dal senatore Carlo Giovanardi, che ringrazio. Con lui, Francesco Agnoli, Assuntina Morresi e Marina Terragni ho avuto l’opportunità di confrontarmi su un tema di cui il centrodestra non ha mai parlato più di tanto.

***************

Trascriviamo di seguito l’articolo scritto da Alessandro Santini, consigliere comunale di Viareggio, che ha partecipato alla tavola rotonda di Matera sul tema: “nuovi diritti o nuove pretese?”

Sono il primo a rispettare le idee degli altri, tutti gli altri. Ma le idee e le proposte della sinistra sull’argomento omosessualità non vanno considerate in automatico come quelle di tutti gli omosessuali: una persona di centrodestra come me non si riconosce in tutte quelle battaglie.

Sabato, a Matera, ho iniziato da qui il mio intervento al dibattito “Nuovi diritti o nuove pretese?”, uno degli appuntamenti della festa nazionale di “IDEA – Popolo e Libertà” al quale sono stato invitato dal senatore Carlo Giovanardi, che ringrazio. Con lui, Francesco Agnoli, Assuntina Morresi e Marina Terragni ho avuto l’opportunità di confrontarmi su un tema di cui il centrodestra non ha mai parlato più di tanto. Non perché non esistano persone omosessuali di centrodestra ma perché, per quello che ho visto e vissuto, oggi la mia parte politica non fa dell’omosessualità un problema. A differenza della sinistra che, spesso e a ripetizione, ha usato e strattonato questo argomento per poi abbandonare tutto quando, politicamente, non ne aveva più bisogno.

Essere gay non significa essere di sinistra né, tantomeno, condividere a priori tutte le richieste prodotte dalla sinistra. Soprattutto su certe tematiche, a partire da quella delle adozioni.

L’amore non ha orientamento sessuale e, a Matera, ho ribadito con forza che i diritti civili connessi e connaturali a questo sentimento devono essere riconosciuti a tutti. Con altrettanta convinzione, però, ho detto (e sempre sostenuto) che la pretesa di una coppia omosessuale di essere “famiglia” con bambini è una prevaricazione di questi diritti: i bambini lasciamoli fuori. Chi tenta di prevaricare un diritto in nome della ricerca di quella presunta “normalità” che non riesce a trovare in se stesso, pecca solo di egoismo. Non è facendo di tutto per adottare un bambino che una coppia omosessuale può superare i suoi drammi personali e interiori. C’è chi ha la fortuna di capirsi, essere capito e accettato; c’è invece chi non riesce ad accettare la propria situazione e, di conseguenza, non la vive con serenità all’esterno. Ma la serenità non la troverà con un’adozione. A questo mi oppongo e mi sono sempre opposto: all’egoismo.

Il centrodestra deve trovare il coraggio di affrontare il tema dell’omosessualità e parlarne con serenità, quel coraggio che forse le mancava prima ma che ha trovato oggi. Una necessità percepita anche da altri esponenti del mio partito, fra questi Massimo Mallegni che ha condiviso la sostanza del mio intervento a Matera, a conferma di un bisogno reale: far capire a chi non si riconosce nelle “battaglie” del centrosinistra che ci sono anche altri spazi di confronto; che su questo argomento nessuna forza politica ha l’esclusiva e che chi ne ha parlato finora, senza controparte e a quasi senso unico, non ha in tasca verità universali.

Alessandro Santini

Forza Italia – Viareggio

Fonte: www.carlogiovanardi.it

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Riti pagani in Vaticano, dopo lo sfregio la menzogna

      di Riccardo Cascioli. Una situazione surreale si trascina da giorni ai briefing del Sinodo: alle domande dei giornalisti che chiedono chiarimenti sui riti pagani svoltisi nei Giardini Vaticani il 4 ottobre e che si susseguono nella chiesa di Santa Maria in Traspontina, i responsabili della comunicazione del Sinodo, Paolo Ruffini e padre Giuseppe Costa, prima fanno finta di non sapere e poi offrono versioni platealmente smentite dalle numerose testimonianze fotografiche e video. Intanto un sito di magia ed esoterismo esulta: «Finalmente la Chiesa riconosce l'importanza delle religioni pagane». Leggi il seguito…

    • La contraddizione più evidente del Sinodo sull’Amazzonia

      di Stefano Fontana. Se, come dicono, la Chiesa è in Amazzonia per dialogare con le culture indigene e difendere l’ecosistema, perché ci sarebbe bisogno di più sacerdoti, al punto da ordinare uomini sposati? Quello dei viri probati è solo uno stratagemma. E bisogna interrogarsi su cosa significhi, oggi, missione. Solo dalla fede e dall’annuncio di Cristo sorgono sacerdoti. Come dimostra la storia. Leggi il seguito…

    • L’opzione Domopac del democristiano Conte

      di Emanuele Boffi. Grillino coi grillini, cattolico coi cattolici. Il premier è come la pellicola trasparente: un contenitore che s’adatta al contenuto Poiché la Democrazia cristiana in Italia non muore mai, uno come Giuseppe Conte non poteva farsi sfuggire l’occasione di dimostrarsi fratello “anche” degli ultimi epigoni della Balena bianca. Sceso ad Avellino in terra demitiana, il premier ha svolto una lectio magistralis sul contributo dei cattolici nei lavori dell’Assemblea costituente. Ad ascoltarlo in platea, raccontava ieri sul Corriere Francesco Verderami, «il vecchio sinedrio [Dc] seduto in prima fila: De Mita, Bianco, Mancino, Zecchino, Gargani, Mastella». Leggi il seguito…

    • Il governo in procinto

      di Marcello Veneziani. Ma che roba è questo governo giallorosso? Proviamo a dare una definizione attinta dalla grammatica politica, anzi solo dalla grammatica, visto che la politica sta morendo di miseria. Questo è un governo perifrastico, un costrutto artificioso fondato sul participio futuro. La perifrasi, spiegano i dizionari, esprime l’imminenza di un’azione, l’intenzione di fare qualcosa o la predestinazione a compierla. Ecco il Premier “Siamo in procinto di”, segue a ruota il leader “Siamo sul punto di”, appresso viene il Ministro “Ci accingiamo a”. È la grammatica del potere grillo-sinistro, un governo intenzionale, di annunciatori e futurologi. Stanno sempre per fare qualcosa che sarà una svolta epocale, ma non è fatta ancora, verrà. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.