I radicali danno a Bergoglio la tessera del partito

di Francesco Boezi, Il giornale

I radicali italiani hanno preparato una tessera per Papa Bergoglio. Riccardo Magi e Alessandro Capriccioli, il primo segretario di Radicali Italiani, il secondo dei Radicali Roma, hanno rilasciato una nota in merito: “In occasione della ricorrenza del XX settembre, festa laica di liberazione civile e politica, abbiamo deciso di preparare per Papa Francesco le tessere di Radicali Italiani e di Radicali Roma”.

La tessera di Bergoglio mostrata sul sito de radicali

E ancora: “Ciò non soltanto in relazione alle posizioni assunte da Bergoglio sulla questione dei migranti,

e al suo esplicito sostegno alla nostra campagna “Ero Straniero” per il superamento della Bossi-Fini, ma anche in ragione di alcuni inviti da lui più volte espressi e tuttavia mai raccolti dai loro destinatari, uno su tutti la necessità che gli enti religiosi cessino la loro concorrenza sleale rispetto agli altri operatori economici e paghino le imposte come chiunque altro”. Un gesto che non sembrerebbe avere le sembianze di una provocazione. Con buona pace dello storico anticlericalismo. Papa Francesco, del resto, è un Pontefice molto apprezzato dai sostenitori della laicità più assoluta e i radicali non costituiscono di certo un’eccezione. La tessera, visibile sul sito dei Radicali italiani, sarebbe, in caso il Papa la accettasse, la numero 130.

Ma è solo la comunanza di posizioni in materia d’immigrazione a spingere il radicalismo italiano verso queste simpatie pontificie? La campagna “Ero staniero”, cui il comunicato dei radicali si riferisce tra i punti affrontati, coinvolge sia il partito in questione sia il Centro Astalli, la sede italiana del servizio dei Gesuiti per i rifugiati-Jrs. E padre Camillo Ripamonti, presidente del Centro Astalli, durante la presentazione della campagna promossa dai radicali italiani, si è espresso favorevolmente, si legge qui, rispetto alla necessità di rividere la Bossi-Fini: “Noi crediamo che sia urgente, da un lato, cambiare la Legge Bossi-Fini, dall’altro intervenire dal punto di vista culturale…”. Un altro obiettivo comune, poi, è il cambiamento della “narrazione sui migranti”. Insomma, tra i radicali italiani e alcune anime del cattolicesimo, pare esistere molto più di una convergenza tematica. La presenza stessa dei vertici del Centro durante la presentazione della campagna presentata da Emma Bonino, poi, suggerisce l’ipotesi dell’esistenza di una vicinanza ormai organica. Un’alleanza di cui, Papa Francesco, forse suo malgrado, finisce per rappresentare l’espressione mediatica. Era stato lo stesso Bergoglio, poi, a dichiarare apertamente il suo sostegno alla campagna “Ero straniero-l’umanità che fa bene”. La proposta dei radicali italiani e della Caritas, oltre ad una campagna culturale, prevede l’abolizione del reato di clandestinità previsto dalla Bossi-Fini, l’introduzione di canali legali per l’ingresso in Italia di lavoratori stranieri, l’istituzione di un permesso di soggiorno per “comprovata integrazione” e il diritto di voto per coloro che sono in possesso di un diritto di soggiorno di lungo periodo. La proposta di legge, come tradizione dei radicali, è di iniziativa popolare. Tra gli altri sostenitori della campagna, inoltre, ci sono Cgil, Fim Cisl, Federazione chiese Altromercato, Federazione Chiese evangeliche, Emergency, Arci, Acli, Casa della Carità e numerose altre sigle del mondo associativo e sindacale. Anche del cattolicesimo. Un’alleanza composita che non dovrebbe avere problemi a raggiungere l’obiettivo delle 50.000 mila firme necessarie. Papa Bergoglio, intanto, può iscriversi ufficialmente ai radicali.

Vedi anche:

Francesco, Bonino e Pannella,una strana sintonia

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Socialisti perdenti e aggrappati al potere dalle Ande alle Alpi

      di Luca Volontè. Le elezioni che si sono svolte in questo fine settimana sono sia conferme che sorprese, ma hanno tutte una caratteristica comune: i socialisti e i partiti di sinistra, in Svizzera non sfondano, in Canada calano, in Portogallo sono in minoranza, e Morales è alle strette in Bolivia. Ma in nessun caso la sinistra rinuncia al governo. Leggi il seguito…

    • Così Ratzinger benedice i muri: “Proteggono e aprono solo al bene”

      di Francesco Boezi. Abbattere ogni muro ed ogni confine per costruire una società aperta, accogliente e multiculturale: è il diktat della contemporaneità. Ma Joseph Ratzinger, che non è un uomo del passato come si vorrebbe far credere, aveva indicato un'altra strada. Quella in cui anche le barriere svolgono un ruolo: quello di declamare una serie di "no", che per il cattolicesimo sono propri della funzione paterna. La stessa che riconduce l'uomo alle radici, dunque alla rettitudine morale. Il Papa emerito, in una delle sue omelie, aveva esordito così: "La Chiesa ha mura. Il muro da una parte indica verso l'interno, ha la funzione di proteggere, raccoglierci e condurci l'uno verso l'altro". Toni differenti da chi ritiene che i limiti esistano solo per essere messi in discussione. Leggi il seguito…

    • Un governo ombra per fermare la deriva giallorossa

      di Marco Gabrielli. Italia, fine ottobre 2019: il Governo giallo-rosso sta muovendo i primi passi. L’Italia della politica non è riuscita a reagire ad avvenimenti tanto inspiegabili da risultare incomprensibili ai più. Sono accaduti scenari e fatti mai visti prima. La ricerca di possibili alternative di governo non è riuscita a trovarne di numericamente valide considerando le forze attualmente presenti in Parlamento. La richiesta di elezioni anticipate non è stata esaudita. Leggi il seguito…

    • Giustizia è fatta: le statue pagane volano nel Tevere (VIDEO)

      di Andrea Zambrano. Blitz all'alba in Santa Maria in Traspontina. Un "giustiziere" ignoto fa l'unica cosa che si doveva fare: è entrato nella chiesa dove si svolgono i riti pagano-amazzonici e ha prelevato le statuette Pachamama falsamente attribuite alla Madonna. Arrivato a Castel sant'Angelo le ha gettate nel Tevere. Il video diventa virale. E il gesto assume un significato che va oltre la Pasquinata: per debellare il paganesimo servono modi spicci e retta ragione. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.