Servono veri uomini per salvare la nostra civiltà

ragazzo_zaino_montagne_panorama_uomo_uomini

In questi giorni si parla molto di terrorismo e di islam. L’Europa, così priva di radici, è ingabbiata in una morsa di terrore. Cosa fare, di fronte a tutto questo? Occorre tornare a scoprire e a difendere le nostre radici cristiane, e per fare questo servono soprattutto uomini virili, che siano disposti a scendere sul campo di battaglia.

Quando il gioco si fa duro, i duri devono cominciare a giocare. All’indomani degli attacchi di matrice islamica a Parigi del 13 e 14 novembre 2015 (che causarono 137 morti), scriveva il filosofo francese Fabrice Hadjadj: «Se non riscopriremo la virilità guerriera della vita cristiana, perderemo contro l’islamismo, dal punto di vista spirituale e materiale». E proseguiva sferzando in maniera molto dura gli uomini d’oltralpe, e con loro tutti gli europei: «Ci eravamo rammolliti, avevamo perso ogni virilità, ridotti allo stato di bambini viziati, di marionette preoccupate dal nostro cardiogramma, pupazzi consumatori di pornografia». Uomini senza spina dorsale, spettri di se stessi.

Eppure, a ben vedere, la nostra cultura cristiana è sempre stata attenta a valorizzare la vocazione all’amore e alla misericordia, ma senza mai disgiungerla dalla fermezza e dalla giustizia. Soprattutto nel contesto attuale, continuava il filosofo, «[…] non possiamo più nascondere la dimensione del guerriero. Il guerriero le cui armi sono prima di tutto spirituali, ma non solo. (…) La vita è comunione prima di essere guerra, dono prima di essere lotta. Ma poiché questa vita è ferita all’origine, continuamente attaccata dal Maligno, bisogna lottare per il dono, combattere per la comunione, prendere il gladio per estendere il Regno dell’amore».

Si tratta di un discorso confessionale, ma che tutti possono condividere. Non si può più attendere, la pressione è forte e chiede una risposta nell’immediato.

Servono uomini che abbiano chiaro il senso della vita e siano disposti a morire per la Verità, incarnata in Gesù Cristo.

Servono uomini che sappiano ancora mettere l’essere di fronte all’apparire.

Servono uomini coerenti e pieni di senso del dovere, che non si tirino indietro di fronte alle fatiche e alle difficoltà.

Servono uomini che siano disposti a partire… ma anche a tornare, perché stare al proprio posto è alle volte più difficile che compiere grandi imprese nel mondo.

Servono uomini che sappiano proteggere la loro donna, con fermezza ma anche con tenerezza, e che possano consentire al sesso debole di curare il “ministero degli interni”.

Servono uomini che siano padri: guide presenti, sicure, affidabili… non maestri perfetti, ché è un ideale irrealizzabile, ma persone consapevoli della missione loro affidata.

Servono uomini, e servono subito. Per il bene di tutti.

Fonte: ProVita Onlus

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Aborto e Polonia, i vescovi contro il bullismo targato UE

      di Ermes Dovico. Con una lettera al presidente dell’Europarlamento, David Maria Sassoli, i vescovi della Comece hanno criticato la Risoluzione del 26 novembre 2020 che prende di mira la Polonia per le sue decisioni pro vita. La missiva smonta, Trattati alla mano, le falsità contenute nel documento approvato da 455 eurodeputati. E ricorda che l’aborto non rientra nelle competenze dell’UE e che la vita dei nascituri va protetta sempre. Leggi il seguito…

    • La prevalenza del vigliacco

      di Marcello Veneziani. Come definire quei magistrati che erano al corrente del “sistema” denunciato Luca Palamara nel suo libro intervista con Alessandro Sallusti, conoscevano quei metodi, quei veti, quelle omissioni, quei killeraggi e quelle disparità di trattamento tra compagni da salvare e nemici da sfasciare, avevano la possibilità di fermarli, di denunciarli o almeno dissociarsi ma non lo hanno fatto? Le definizioni possono essere tante, ma si riassumono in una che non si presta a equivoci: vigliacchi. Sono vigliacchi. Leggi il seguito…

    • Covid e oblio della Dottrina sociale della Chiesa sulla rivista “Communio”

      di Stefano Fontana. La rivista cattolica internazionale “Communio” [www.Communio-ICR.com], edizione americana, ha pubblicato nel suo ultimo numero un articolo di Stefano Fontana: “Forgetting the Social Doctrine of the Church in the Epoch of Coronavirus” – “L’oblio della Dottrina sociale della Chiesa nell’epoca del Coronavirus” – XLVII (2020) 3, pp. 634-648. Nell’articolo si sostiene che in questo periodo di Pandemia la Chiesa ha dimenticato di adoperare nell’analisi della situazione e nelle prospettive di soluzione la propria Dottrina sociale. Leggi il seguito…

    • L’arca di Noè e il riscaldamento globale: Bergoglio fra Greta e l’ira di Dio

      di Idefix. Giusto ieri, su questo giornale, veniva rivolto un appello ai conservatori a non regalare la questione dell’ambiente alla sinistra. A contrapporre, cioè, all’ambientalismo ideologico di quanti poi sul fronte antropologico negano il diritto naturale, non il negazionismo ambientale ma un sano ambientalismo antropocentrico. Un approccio ecologico, insomma, che va alla radice del termine e si propone di tutelare l’òikos in quanto casa dell’uomo, non di prostrarsi a un nuovo feticcio in stile vitello d’oro o “pachamama”. Leggi il seguito…