Marco Cappato e i radicali: la legge è buona, quando la facciamo noi

cappato-eutanasia-1

Il fatto. Alle 11,40 del 27 febbraio 2017 il Dj Fabio, colpito da tetraplegia e cecità a seguito di un grave incidente, moriva in una clinica svizzera per suicidio assistito. “Al mio rientro in Italia, nella giornata di domani, andrò ad autodenunciarmi, dando conto dei miei atti e assumendomene tutte le responsabilità, aveva detto il radicale Marco Cappato che lo aveva accompagnato in quell’ultimo viaggio.

Oggi giunge la notizia che il gip Luigi Gargiulo ha respinto l’istanza di archiviazione avanzata dai pm Tiziana Siciliano e Sara Arduini disponendo per Cappato l’imputazione coatta. “Il processo sarà anche l’occasione per processare una legge ingiusta“, ha commentato l’esponente radicale.

È singolare che uno dei rappresentanti di punta del partito della legalità, anziché accettare la legge e le sue conseguenze, voglia invece processare la legge. Detto in altri termini, quando la legge riguarda gli altri,

i radicali si comportano da iuspositivisti, se invece la legge minaccia la loro libertà, allora decidono di seguire un approccio iusnaturalista.

È un doppio standard abbastanza ripetitivo. Pannella si batteva per il rientro dolce, ma ha preferito un’uscita di scena tradizionale. Emma Bonino si fa arrestare il 15 giugno 1975 per aborti clandestini, fa qualche settimana di carcere, ma poi, eletta nel marzo 1976 non rinuncerà all’immunità parlamentare (l’autorizzazione a procedere presentata dai magistrati è respinta dalla giunta della Camera. Vd. Atti Parlamentari, Camera dei Deputati, VII Legislatura – Discussioni – Seduta del 19/10/1977, 11415).

Socrate difese le leggi dello Stato accettandone il verdetto, ma mi rendo conto che pretendere da Cappato di trasformarsi in un novello Socrate sarebbe probabilmente pretendere troppo.

La prossima volta che però un medico rifiuta l’aborto o un farmacista la pillola del giorno dopo, vorrei che i radicali si ricordassero che anche loro talvolta vestono i panni dei perseguitati da leggi ingiuste. Non facciano gli egoisti, lascino quei panni un po’ anche a noi pro-Life, perché magari non se ne sono mai accorti, ma quelle vesti a noi stanno naturalmente a pennello.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Corte Europea dei diritti umani… e di Soros

      di Luca Volontè. Il centro studi ECLJ smaschera il conflitto di interessi della CEDU con le fondazioni di Soros. 22 giudici nel 2019 hanno o avevano avuto legami con sette ONG legate al magnate filantropo. Il Commissario dei diritti umani difenderà la giustizia europea?  Leggi il seguito…

    • I vescovi e il Dio che sostiene, ma non può fare miracoli

      di Stefano Fontana. I vescovi invitano a pregare perché Dio sostenga i malati e i medici, pochi di loro chiedono di pregare perché il Cielo sconfigga il contagio. Sembra che non si riconosca a Dio la possibilità di operare al di fuori dell’ordine del creato, come invece in San Tommaso, ma solo rispettando le leggi di questo ordine. Ecco il frutto della teologia di Rahner, dove Dio è intramondano.  Leggi il seguito…

    • Prudenza sì, panico no

      di Riccardo Cascioli. Strade semideserte, locali chiusi, supermercati presi d'assalto, incontri pubblici e privati annullati: in Italia c'è ormai il panico da Coronavirus. Ma la realtà dei fatti non giustifica questa isteria. L'epidemia è molto circoscritta e al momento non è prevedibile una diffusione a tappeto. Essere prudenti ed evitare rischi inutili è doveroso, ma il panico diffuso è segno anche di una fragilità personale diffusa. Leggi il seguito…

    • Stati Uniti-Ungheria, l’asse in difesa della famiglia

      di Federico Cenci. Sono 7.330 i chilometri che separano Washington da Budapest. Eppure le due capitali non sono mai state così vicine. I governi di Stati Uniti e Ungheria, infatti, lavorano fianco a fianco per sostenere le comunità cristiane nel mondo, e per realizzare politiche in favore della famiglia e della vita. Lo ha sottolineato nei giorni scorsi Katalin Novak, segretario di Stato ungherese per la Famiglia e la Gioventù, tornata di recente da una visita diplomatica Oltreoceano durante la quale ha incontrato il deputato Repubblicano Jeff Fortenberry e membri del centro studi conservatore American Enterprise Institute. Tra l’altro la Novak intervenne al Congresso mondiale delle famiglie di Verona in marzo. Leggi il seguito…